Speciale inverno 2020 a cura di Antonio Digirolamo

Il Punto a cura di Antonio Digirolamo

L'inverno che fine ha fatto

Gennaio 2020 sarà ricordato come mese dal meteo anonimo, caratterizzato da forti anticicloni e solo da qualche veloce fronte.
Il motivo sta nel fatto che, come scritto in altri nostri articoli, il vortice polare è in grandissima forma e pertanto inibisce qualsiasi flusso perturbato alle medie latitudini di entrare.
Ne consegue che il meteo è spesso monotono, interrotto di tanto in tanto da qualche ciclogenesi mediterranea, capace di inviare impulsi perturbati sul nostro paese, piuttosto fugaci e non certo freddi
e dir poco piovosi .
A tal proposito, in questo mese è completamente mancato il freddo, sono mancate le piogge e la neve in montagna.
A differenza degli anni passati, però, quest'anno c'è una novità, piuttosto allarmante: il gelo intenso manca ovunque, è infatti relegato ad altissime latitudini (Alta Russia, Lapponia), mentre su tutto il Vecchio Continente vigono flussi miti oceanici o alte pressione tiepide.
Se gli anni passati il meteo, di tanto in tanto, proponeva qualche irruzione fredda anche forte, quest'anno per ora manca del tutto, in quanto di vero gelo in quota non c'è traccia e forse nemmeno per tutta la fine di gennaio.
È un dato su cui riflettere molto per i prossimi inverni per quanto riguarda eventuali situazioni di siccità.
© 2001-2020 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.