Ospedale Tatarella
Ospedale Tatarella
Territorio

Accorpamento ospedali, la Gentile chiede revoca della delibera alla ASL Foggia

Le dichiarazioni di Elena Gentile che chiede la revoca della delibera della ASL Foggia la stessa delibera che il PD locale difendeva

Elezioni Regionali 2020
Accorpamenti tra ospedali, riorganizzazione, disservizi, caos nella sanità foggiana. Elena Genitle, già Assessore Regionale ed Europarlamentare, con un comunicato stampa entra nel pieno dell'argomento e chiede la revoca della delibera del 30 marzo a firma del Direttore Generale della ASL Foggia.

"Quante volte nelle scorse settimane, consapevoli del dovere politico e morale di dire sempre ciò che si pensa senza timore reverenziale nei confronti di chicchessia, abbiamo sottolineato con insistenza gli errori che si stavano commettendo nella gestione dell'emergenza sanitaria in Puglia, ma soprattutto in provincia di Foggia. Ora, finalmente, qualcosa di positivo sta accadendo. E, sarà forse una coincidenza, ma nel solco del sentiero da noi indicato.
Nell'ultima riunione fra il Presidente della Regione Puglia, il Direttore del Dipartimento Salute, i Direttori Generali delle ASL e dei due policlinici di Bari e Foggia, si è preso atto dell'estrema pericolosità ed inefficacia degli ospedali misti. E si è deciso di selezionare tre Ospedali Covid-19, dei quali uno a Nord della Puglia, uno al Centro, e uno al Sud. In modo, è stato giustamente detto, da evitare – come già accaduto – la sospensione di altri servizi e reparti in tutte le rimanenti strutture ospedaliere (vedasi in provincia di Foggia gli ospedali di San Severo, Manfredonia e Cerignola). Nel Nord della Puglia l'ospedale individuato è il policlinico di Foggia, con l'aggiunta di 35 posti letto presso la pneumologia del D'Avanzo. Come non definirla una buona notizia?"

Ospedali misti totalmente inefficaci e sospensione di altri servizi e reparti. Ne abbiamo ampiamente parlato sulla nostra testata, nell'articolo intitolato "Ma per la ASL Foggia esiste solo il Coronavirus?", pubblicato nella giornata di ieri, abbiamo sottolineato una serie di disservizi nell'Ospedale "Tatarella" di Cerignola. Reparti letteralmente chiusi, pazienti affette dalle più svariate patologie abbandonati a se stessi, liste di attesa che, nel migliore dei modi, saranno lunghissime non appena la ASL Foggia riavvii la macchina sanitaria ofantina.

"Così come una buona notizia è l'accordo che Regione Puglia e Protezione Civile hanno sottoscritto con le Associazioni di categoria del turismo, per destinare n. 24 strutture alberghiere, delle quali 9 in provincia di Foggia, all'emergenza covid-19 – continua Elena Gentile - Le strutture accoglieranno il personale sanitario che ne faccia richiesta, ma anche pazienti che non potranno stare in isolamento nell'abitazione familiare, pena il rischio della diffusione del contagio al resto del nucleo, compresi i pazienti già ospedalizzati che, dimessi, sono ancora a rischio di potenziale contagio. Ed è anche una buona notizia l'acquisto di una notevole quantità di macchinari e reagenti per aumentare di almeno il 50% il numero attuale dei tamponi, notoriamente troppo esiguo.
Naturalmente tutto questo è importante ma non ancora sufficiente. E molto è ancora da fare, a partire dal potenziamento e coinvolgimento della medicina territoriale, e da misure di maggiore tutela e prevenzione di tutto il personale socio/sanitario e, più in generale, di tutti coloro che abbiamo mandato al fronte a tutela della nostra sicurezza. E, infine, dall'avvio di un processo di profonda riflessione sul contenuto e sugli effetti delle sei delibere che la Giunta Regionale ha adottato nella riunione di mercoledì 8 aprile 2020. Ma su questo e su altro ancora avremo modo di tornare".

Elena Gentile, alla luce di quanto discusso nella riunione tra Presidente della Regione Puglia, il Direttore del Dipartimento Salute, i Direttori Generali delle ASL, a ragion veduta chiede la revoca della delibera del 30 marzo scorso ("Ospedali di Cerignola, Manfredonia e San Severo, la grande "ammuina""), quella che prevedeva l'accorpamento degli Ospedali di Cerignola, Manfredonia e San Severo, la rideterminazione del personale sanitario, la sospensione dei ricoveri e delle osservazioni. La stessa delibera difesa dalla segreteria del PD di Cerignola (Nessun reparto del presidio ospedaliero di Cerignola chiude!) che, oltre a sostenere che nessun reparto del "Tatarella" si sarebbe chiuso, attaccava la stessa Gentile con queste parole "Non da meno la posizione di chi, anche dalla nostra metà del campo, in una situazione delicatissima con equilibri fragili e precari, non trova di meglio che lanciarsi all'attacco del management dell'ASL Foggia, così da ritrovarsi - da qualche tempo - sempre più in sintonia con l'ex sindaco".

"Ora ci preme ribadire, alla luce di quanto abbiamo appena sottolineato, l'assoluta assurdità della permanenza in vita della delibera del Direttore Generale della ASL Foggia del 30 marzo scorzo, con la quale si è praticamente stravolta la struttura e l'organizzazione interna degli Ospedali di San Severo, Manfredonia e Cerignola. Quella delibera, semmai ne abbia mai avuta una, oggi non ha più alcuna ragion d'essere. E va assolutamente revocata. Perché le sue presunte motivazioni sono state superate dalle decisioni appena sottolineate. Perché ha creato caos organizzativo e gestionale, e difficoltà sia al personale che ai pazienti. E perché il suo ciclo di vita era legato alla decisione del Dipartimento Salute della Regione Puglia di sospendere fino al 13 aprile 2020 alcune attività e servizi ospedalieri e ambulatoriali, al fine di dirottare spazi e personale all'emergenza covid-19. Termine ampiamente scaduto.
Non avendo alcuna fiducia nel Direttore Generale, è consentito chiedere al Presidente della Giunta Regionale di farsene carico?"
  • notizie
  • Elena Gentile
  • Ospedale Giuseppe Tatarella Cerignola
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus, si attende nuovo DPCM a firma del Presidente Conte Coronavirus, si attende nuovo DPCM a firma del Presidente Conte Sarà emanato un nuovo DPCM per prorogare le misure anti contagio già in vigore ed in scadenza il 14 luglio ed apportare alcuni nuovi accorgimenti
Angela Sara Ciafardoni al Festival del Libro Possibile di Polignano Angela Sara Ciafardoni al Festival del Libro Possibile di Polignano La presentazione del libro “Con tutto l’amore che so” è stata affidata a Annalisa Tatarella. Un momento ricco di cultura, passione ed emozione
Tragico incidente a Cerignola, perde la vita un uomo (classe 38) Tragico incidente a Cerignola, perde la vita un uomo (classe 38) L’incidente è avvenuto in Via Fra Daniele (zona Fornaci), le auto coinvolte sono una Mini Cooper di colore nero ed una Ford Fiesta
La Puglia  verso le elezioni. Il PSI sta con Fitto e Palmisano va col PD La Puglia verso le elezioni. Il PSI sta con Fitto e Palmisano va col PD Oltre alle candidature del sociologo Palmisano a Cerignola è stata ufficializzata la candidatura di Teresa Cicolella, resta in sospeso il nodo Elena Gentile
Coronavirus, bollettino epidemiologico della Regione Puglia Coronavirus, bollettino epidemiologico della Regione Puglia Nelle ultime 24 ore un positivo in provincia di Bari, non sono stati registrati decessi
Torremaggiore: Produzione di marijuana in appartamento serra Torremaggiore: Produzione di marijuana in appartamento serra In un appartamento coltivava marijuana, apparecchiature sofisticate per l'essicazione
Rapina al portavalori sulla Lecce – Brindisi, nel commando due cerignolani Rapina al portavalori sulla Lecce – Brindisi, nel commando due cerignolani Il gruppo armato era composto da dieci persone identificate nelle indagini dell’operazione denominata “Long Vehicle”
Coronavirus:  stato di emergenza, si ve verso la proroga al 31 dicembre Coronavirus: stato di emergenza, si ve verso la proroga al 31 dicembre A dichiararlo è il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “Ragionevolmente ci avviamo verso la proroga dello stato di emergenza”
© 2001-2020 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.