pronto soccorso
pronto soccorso
Vita di città

Al Pronto Soccorso dell’ospedale di Cerignola troppe ore di attesa: le segnalazioni

Una donna ha aspettato il turno per sei ore, poi ha deciso di tornare a casa

Tra le criticità del nosocomio cerignolano ce n'è una che ci è stata segnalata più volte, da diversi utenti. Si tratta delle lunghe attese al Pronto Soccorso, dove le persone, nella maggior parte dei casi, arrivano per ricevere visite e cure immediate.

C'è chi lamenta anche la scarsa empatia e i modi frettolosi del personale sanitario del Pronto Soccorso, che- stando alle segnalazioni- è poco disponibile a fornire informazioni e spiegazioni circa i tempi di attesa ai familiari, che restano nei corridoi per ore e ore senza sapere cosa sta accadendo al paziente all'interno.

Una signora ha raccontato un episodio che riassume bene quello che succede quotidianamente al Pronto soccorso dell'ospedale di Cerignola.

"Mia madre è stata letteralmente abbandonata nelle stanze del Pronto Soccorso, in attesa di un elettrocardiogramma. Il problema è che non lo ha mai fatto, avendo atteso invano dalle 11 alle 17 del pomeriggio. Ad un certo punto, innervosita e stanca per la lunga attesa, mia mamma ha chiesto quando toccasse a lei. La risposta è stata: dovete attendere. E così ha deciso di tornarsene a casa, senza neppure aver capito la causa del suo malore", ha raccontato la donna, che preferisce l'anonimato.

Stessa situazione è accaduta ad un uomo, arrivato al Pronto Soccorso per sua madre, trasportata con l'ambulanza del 118. La donna, insieme al figlio, è rimasta in attesa per circa quattro ore.

"Nessuno risponde ai familiari che giustamente chiedono notizie, come si fa a non mettersi nei panni di chi è in apprensione per le condizioni di salute di una persona cara?", ha segnalato Giuseppe, che poi ha aggiunto: "Se e quando rispondono lo fanno di fretta, senza un sorriso, a volte anche senza sgarbatamente".

Aldilà della mole di lavoro, che può essere rilevante ed inficiare la serenità e la disponibilità, è importante mettersi in ascolto delle persone che arrivano in ospedale per un problema di salute.

E se molti si recano in Pronto Soccorso anche quando potrebbero farne a meno? E con la pretesa di passare avanti agli altri per un semplice mal di gola? Questo è un altro spinoso, complicato discorso che lasciamo al buon senso e alla civiltà di tutti.
  • Ospedale Giuseppe Tatarella Cerignola
Altri contenuti a tema
Nella pediatria di Cerignola arriva una fiammante ludo-barella Nella pediatria di Cerignola arriva una fiammante ludo-barella Donata dall’Associazione S.O.S. Sorriso, è stata benedetta da mons. Ciollaro
«Se chiami qualcuno vi ammazzo», aggressione a due medici al “Tatarella” «Se chiami qualcuno vi ammazzo», aggressione a due medici al “Tatarella” Futili motivi e un fraintendimento dietro minacce e vie di fatto fisiche
Tre anestesiste rafforzeranno il reparto di rianimazione del "Tatarella" Tre anestesiste rafforzeranno il reparto di rianimazione del "Tatarella" La nota del sindaco Bonito dopo l'incontro con Nigri. Il reparto sarà chiuso limitatamente al periodo necessario per i lavori
Criticità ospedale “Tatarella", domani il sindaco di Cerignola incontrerà il dg dell'Asl Foggia Criticità ospedale “Tatarella", domani il sindaco di Cerignola incontrerà il dg dell'Asl Foggia Bonito: «Accolta in meno di 24 ore la nostra richiesta, discuteremo di criticità e progetti di sviluppo del nostro nosocomio»
Chiusura terapia intensiva Ospedale Tatarella: AmbientiAmo Cerignola chiede rassicurazioni Chiusura terapia intensiva Ospedale Tatarella: AmbientiAmo Cerignola chiede rassicurazioni Si rincorrono voci sulla probabile chiusura di un reparto fondamentale per il nosocomio
Lo sfogo del consigliere comunale Marcello Moccia: “L’Ospedale Tatarella di Cerignola in decadimento” Lo sfogo del consigliere comunale Marcello Moccia: “L’Ospedale Tatarella di Cerignola in decadimento” Dal 27 Aprile 2023, data in cui si tenne il Consiglio monotematico, la situazione è degenerata
Una guardia giurata in più all’Ospedale Tatarella di Cerignola Una guardia giurata in più all’Ospedale Tatarella di Cerignola E’ una delle misure adottate dalla Asl Foggia per scongiurare la violenza nelle corsie
Neonato salvato a Stornara, la Vicesindaca di Cerignola Dibisceglia: “Soccorritori e operatori sanitari come angeli” Neonato salvato a Stornara, la Vicesindaca di Cerignola Dibisceglia: “Soccorritori e operatori sanitari come angeli” Un episodio di sanità virtuosa, grazie alla competenza e tempestività di chi ha prestato il primo soccorso
© 2001-2024 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.