CUP ASL OSPEDALE TATARELLA. <span>Foto Vito Monopoli</span>
CUP ASL OSPEDALE TATARELLA. Foto Vito Monopoli
Enti locali

Campagna vaccinale anti-COVID, partita la somministrazione delle seconde dosi

5637 i vaccini somministrati sino al 16 gennaio, al "Tatarella" di Cerignola sono state somministrate 1101 dosi

Ha preso il via da ieri, in provincia di Foggia, la somministrazione della seconda dose del vaccino anti-COVID agli operatori sanitari e agli ospiti delle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali che hanno ricevuto la prima dose il 27 dicembre scorso.

Contemporaneamente continuano senza sosta le attività di vaccinazione come previsto dalle indicazioni ministeriali e regionali.
Dall'avvio della campagna vaccinale sino allo scorso sabato sono state somministrate, in tutto, 5.637 dosi così suddivise tra i vari centri vaccinali:
  • 1.096 operatori nel Presidio Ospedaliero di San Severo;
  • 1.101 nel Presidio Ospedaliero di Cerignola;
  • 1.032 nel Presidio Ospedaliero di Manfredonia;
  • 84 nell'Hospice di Torremaggiore;
  • 908 negli Uffici vaccinali di Foggia, troia, Vico del Gargano, San Severo, Lucera, Cerignola;
  • 492 nella RSA del Presidio Territoriale di Assistenza di San Marco in Lamis;
  • 330 nella RSA del Presidio Territoriale di Assistenza di Monte Sant'Angelo;
  • 114 nelle strutture private accreditate;
  • 480 nelle strutture residenziali socio-sanitarie e socio-assistenziali (dove sono stati vaccinati sia gli operatori sanitari che gli ospiti).
Tra gli operatori sanitari vaccinati nelle varie sedi aziendali sono ricompresi anche:
  • 379 medici di medicina generale;
  • 75 pediatri di libera scelta;
  • 70 medici di continuità assistenziale.
Le Strutture residenziali socio-sanitarie e socio-assistenziali (presenti sul territorio e non di pertinenza della ASL) già coinvolte nelle attività di vaccinazione, sino al 16 gennaio scorso, sono, tra le altre: le RSA "UAL" e "Il Sorriso" di Foggia e le Case di Riposo "Solimine Manfredi" di Cerignola, "Rizzi" di Manfredonia, "San Tarcisio" di Orta Nova e "Maria Immacolata" di Chieuti.
Al momento, la persona più anziana a cui è stato somministrato il vaccino è una donna di 102 anni, ospite della casa di Riposo di Chieuti.
La Direzione prevede di terminare la somministrazione delle prime dosi di vaccino nelle RSA e Case di Riposo nel corso di questa settimana. Le ulteriori attività di vaccinazione proseguiranno secondo le priorità indicate e in base alla disponibilità dei vaccini.
  • Ospedale Giuseppe Tatarella Cerignola
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Capitanata
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Rischia di chiudere il reparto di Diabetologia dell’Ospedale Tatarella di Cerignola Rischia di chiudere il reparto di Diabetologia dell’Ospedale Tatarella di Cerignola Sono circa 2000 le persone che resteranno senza alcun punto di riferimento
Il "J’accuse" di Cittadinanza Attiva sulla gestione sciatta dell’ospedale Tatarella Il "J’accuse" di Cittadinanza Attiva sulla gestione sciatta dell’ospedale Tatarella L’amara constatazione: Cerignola non ha potere decisionale
Cerignola: Cittadinanza Attiva attende la Conferenza di Servizio richiesta al Sindaco Bonito Cerignola: Cittadinanza Attiva attende la Conferenza di Servizio richiesta al Sindaco Bonito Ospedale Tatarella, tra sicurezza e gestione dei servizi. Tanti problemi, ma risolvibili con una buona governance
Cerignola: Ospedale Tatarella alla deriva Cerignola: Ospedale Tatarella alla deriva Intervista al dottor Tarantino dopo l’ultimo episodio di aggressione e la politica che fa finta di non sapere
Rissa al Pronto Soccorso di Cerignola Rissa al Pronto Soccorso di Cerignola Un medico ricoverato in osservazione
Cerignola, previsti vigili urbani al Pronto Soccorso: intanto la situazione è drammatica Cerignola, previsti vigili urbani al Pronto Soccorso: intanto la situazione è drammatica Il racconto di un cittadino riaccende i riflettori sulla sicurezza pubblica al Tatarella
Letture digitali per i piccoli pazienti di pediatria del Tatarella Letture digitali per i piccoli pazienti di pediatria del Tatarella Grazie alla tecnologia anche chi è in isolamento può partecipare alle letture
Ospedale Tatarella, il reparto di emodinamica è una possibilità concreta Ospedale Tatarella, il reparto di emodinamica è una possibilità concreta Il direttore della Asl e i vertici regionali assicurano piena disponibilità
© 2001-2022 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.