Regione Puglia
Regione Puglia

Cassa integrazione per tutti i lavoratori dipendenti

Accordo Regione Puglia - parti sociali, in arrivo i primi 106 milioni di euro. A beneficiarne saranno gli impiegati privati, di pesca, agricoltura e terzo settore

Cassa integrazione in deroga non superiore alle nove settimane per tutti i lavoratori in forza di assunzione, anche a tempo determinato, alla data del 23 febbraio 2020.
Questo, in sintesi,il cuore dell'Accordo Quadro Regione Puglia sottoscritto questo pomeriggio per la fruizione della cassa integrazione in deroga (ai sensi dell'art 22 del Decreto legislativo n.18 del 17/03/2020) destinata ai lavoratori del settore privato i cui datori di lavoro abbiano unità produttive nel territorio della Regione Puglia. Sono pronti già i primi 106 milioni di euro per gli ammortizzatori sociali.

L'accordo messo a punto ieri pomeriggio prevede che i beneficiari del trattamento di cassa integrazione in deroga siano i lavoratori, anche a tempo determinato, in forza alla data del 23 febbraio 2020, con le qualifiche di operai, impiegati e quadri. Rientrano tra i beneficiari anche i soci delle cooperative con rapporto di lavoro subordinato; i lavoratori somministrati, se non già coperti dal Fondo di Solidarietà Bilaterale, solo se prestano l'opera presso un datore di lavoro beneficiario di ammortizzatori anche ordinari per i propri dipendenti; gli apprendisti; i lavoratori con contratto di lavoro intermittente nella media giornate degli ultimi 12 mesi in forza al 23 febbraio 2020; i pescatori, anche delle acque interne, a qualsiasi titolo imbarcati. Non rientrano nella fattispecie di lavoratori beneficiari della CIG in deroga, i dirigenti e i lavoratori domestici.

L'incontro si è svolto in modalità telematica coordinato dall'assessore regionale al Lavoro Sebastiano Leo insieme al consigliere del Presidente per le relazioni sindacali Domenico De Santis, con il responsabile della Task force regionale per il lavoro Leo Caroli e con le organizzazioni sindacali e datoriali (Confartigianato, Confcoopertive, Conprofessioni, Confindustria, ABI, Casartigiani, CNA, Confesercenti, CLAAI, CGIL, CISL, UIL, UGL, Confcommercio, Legacoop, Confapi, CIA, Coldiretti, Confagricoltura).

Più specificatamente «Con riferimento ai datori di lavoro del settore privato, ivi inclusi quelli agricoli, della pesca e del terzo settore compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti, per i quali non trovino applicazione le tutele previste dalle vigenti disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario, in costanza di rapporto di lavoro, possono riconoscere, in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, previo accordo che può essere concluso anche in via telematica con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale per i datori di lavoro, trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga, per la durata della sospensione del rapporto di lavoro e comunque per un periodo non superiore a nove settimane», si legge nella nota diramata della Regione Puglia.

Le istanze dei datori di lavoro si presenteranno attraverso il sistema informativo SINTESI e dovranno contenere l'accordo stipulato in sede sindacale e la dichiarazione sostitutiva generata proprio dal sistema SINTESI.

«Stiamo lavorando assiduamente per cercare di sostenere i pugliesi in questo drammatico momento che tutti noi stiamo attraversando. Per queste ragioni era necessario lavorare da un lato per ottenere subito le risorse economiche stanziate dal Decreto Cura Italia per la cassa integrazione in deroga e dall'altro coinvolgere tutto il partenariato economico e sociale in questa grande operazione di sostegno ai lavoratori e alle imprese della nostra regione, garantendo il beneficio della cassa al più ampio numero di pugliesi», commenta l'assessore all'istruzione, alla formazione e al lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo.

«Abbiamo costruito un grande lavoro collettivo - dichiara Domenico De Santis - al fine di allargare quanto più possibile la platea dei beneficiari e per rendere disponibile nel più breve tempo l'erogazione della cassa in deroga. Ringrazio l'assessore Leo, la struttura amministrativa e le parti sociali per l'ottimo lavoro svolto».
Accordo Regione Puglia CIGDAccordo Regione Puglia CIGD
  • notizie
  • Regione Puglia
  • Lavoro
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Un progetto per estendere la rete idrica a Borgo Tressanti e Posta Angeloni Un progetto per estendere la rete idrica a Borgo Tressanti e Posta Angeloni La Regione Puglia interviene con un contributo straordinario per sopperire all’emergenza
Test Covid, la regione Puglia è in debito per dieci milioni Test Covid, la regione Puglia è in debito per dieci milioni La denuncia arriva dai vertici regionali di Forza Italia
ARPAL comunica: offerte di lavoro su Cerignola e Provincia ARPAL comunica: offerte di lavoro su Cerignola e Provincia Cresce il numero delle offerte di lavoro pervenute presso il Centro per l’Impiego di Cerignola
Regione Puglia: bando restauro e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale Regione Puglia: bando restauro e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale C’è tempo fino al 29 Luglio per candidarsi
Regione Puglia, 2 milioni di euro in arrivo ai Comuni per risolvere il problema dei rifiuti abbandonati Regione Puglia, 2 milioni di euro in arrivo ai Comuni per risolvere il problema dei rifiuti abbandonati Il Comune di Cerignola ha i requisiti per accedere all’avviso pubblico: un’occasione imperdibile
Agenda per il Lavoro 2021-2027 fa tappa a Stornara: l’evento è gratuito Agenda per il Lavoro 2021-2027 fa tappa a Stornara: l’evento è gratuito Martedì 28 Giugno ore 9.00 inizio dei lavori presso Nuovo Centro Polifunzionale
Centro per l’Impiego di Cerignola, numerose offerte di lavoro disponibili Centro per l’Impiego di Cerignola, numerose offerte di lavoro disponibili La richiesta riguarda soprattutto figure professionali nel settore ristorazione, candidature anche online
Cerignola, l’Asl Fg e le visite gratuite per donne: lettere scadute e numero non attivo Cerignola, l’Asl Fg e le visite gratuite per donne: lettere scadute e numero non attivo Lo sfogo sui social: “E’ tutto un bluff, alla fine ci tocca farle a pagamento”
© 2001-2022 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.