Corcificco Ligneo da Chiesa Madre a Duomo
Corcificco Ligneo da Chiesa Madre a Duomo

Il Crocifisso: dalla Chiesa Madre al Duomo Tonti

Il Crocifisso ligneo del XV secolo della Chiesa Madre di Cerignola, fu trasferito nel Duomo Tonti il 14 Settembre 1934

L'antico Crocifisso ligneo policromo (XV secolo), in possesso del Capitolo Cattedrale di San Pietro, già sito nella sacrestia del Duomo Tonti di Cerignola, il 24 novembre 2019 è stato ivi collocato nella edicola marmorea sovrastante l'altare del Santissimo Sacramento. Conservato originariamente nella Chiesa Madre, fu trasferito nel Duomo Tonti inaugurato il 14 settembre 1934.
Il Crocifisso era stato esposto nella sala capitolare del Duomo Tonti, divenuto la nuova cattedrale, alla quale passò il titolo della parrocchia di San Pietro Apostolo, mentre la Chiesa Madre assumeva il titolo della parrocchia San Francesco d'Assisi.

L'originario luogo di conservazione della scultura era la cappella del SS. Crocifisso nella Chiesa Madre. Di tale cappella si tratta nella relazione della Chiesa Cattedrale di Cerignola redatta il 1° febbraio 1840 dall'architetto Teodosio di Bisceglia, inserita nello Stato Dimostrativo / Dell'intera rendita del Capitolo, ed uso di essa trasmesso / da Monsig. Vescovo, in Sommario, Num. 7, Ex Typographia R.C.A., Romae 1840, conservata nell'Archivio Capitolare "San Pietro Apostolo" di Cerignola, in questi termini: «una Cappella di palmi 12. per 9. dedicata al SS. Crocifisso le di cui mura sono coverte di stucco ben lavorato, e nel mezzo è situato l'altare di tufo, anche coverto di stucco. ».
Il canonico Luigi Conte (1823-1872), nel contributo "Cerignola" inserito nell'opera a cura di Filippo Cirelli Il Regno delle Due Sicilie descritto ed illustrato, vol. VIII, Capitanata, edito dallo Stabilimento poligrafico di Tiberio Pansini, Napoli, dopo il 1857, descrivendo la Chiesa Madre accenna alla « Cappella intitolata al Crocifisso ».

La venerazione alla Santa Croce a Cerignola risulta già documentata nel Libro delli Benifattori, Constitutioni, et / riforme fatte p(er) la Chiesa di San Pietro, / et Capitolo della Cirignola nello / Arcipretato del R(everendissi)mo S(ign)o(r) D(on) Gio(vanni) Jacomo / de Martinis Prelato, et Ordinario di / q(u)ella dall'anno della Salute 1593 e / dopo successivament(e) co(n) i nomi / delli dottori morti, e Sacerdoti, Diac(o)ni, Subd(iaco)ni, / e Clerici, benche morti p(rim)a del suo Arcipr(eta)to. Il documento, conservato in copia fotostatica nel mio Archivio, contiene l'elenco delle celebrazioni di messe nella chiesa di San Pietro apostolo di Cerignola. In esso si elencano anche le messe in suffragio dei defunti della famiglia Caracciolo del Sole, feudatari di Cerignola, nella commemorazione della Santa Croce: « DIE VENERIS 1. M(iss)a p(ro) D(omi)no Io(an)ne Caracciolo. 2. M(iss)a p(ro) Comite Leonardo Caracciolo. 7. M(iss)a p(ro) Bona Albanese M(iss)a de cruce. 12. M(iss)a p(ro) Andriella cu(m) c(ommemoratio)ne s(anc)t(a)e cru(cis) ». Traduzione: «Nel giorno di Venerdì 1. Messa per il Signor Giovanni Caracciolo. 2. Messa per il Conte Leonardo Caracciolo 7. Messa per Bona Albanese Messa della croce 12. Messa per Andriella con la commemorazione della santa croce».

Nella relazione della Visita Apostolica fatta dal 6 al 17 novembre 1580 all'arcipretura nullius dioecesis di Cerignola, disposta dal papa Gregorio XIII (1572-1585) ed attuata dal visitatore apostolico mons. Gaspare Cenci, vescovo di Melfi e Rapolla, conservata presso l'Archivio Apostolico Vaticano (già Archivio Segreto Vaticano), tra le feste da osservare si menziona quella della Santa Croce: « Maggio 3. S. Croce ».
La scultura, prima del restauro conservata nei locali al piano superiore della sacrestia del Duomo Tonti, si presentava rimaneggiata, ricoperta da una ridipintura del Settecento sovrapposta alla pellicola pittorica originaria, come da me fotografato in diapositiva a colori. Da una prima analisi l'opera si rivelava di considerevole qualità formale, attribuibile al XV secolo, datazione indicata nel mio libro Cerignola sacra (2008).
Il necessario restauro del Crocifisso fu eseguito tra il 1999 e il 2000 a cura della Soprintendenza per i Beni architettonici, artistici e storici della Puglia, che affidò tale lavoro alla restauratrice Maria Pia Bochicchio di Altamura (Bari), portando alla luce la pregevole qualità artistica del manufatto.

Il Crocifisso restaurato fu esposto alla pubblica venerazione il 20 gennaio 2000 nel Duomo Tonti. La scultura, di ignoto artista di ambito dell'Italia meridionale del XV secolo, con echi del tardogotico, raffigura il Christus patiens (Cristo sofferente).
Il Cristo, alto cm 153,5 e con l'estensione delle braccia di cm 158,5, ha il viso magro con zigomi alti, gli occhi chiusi, la bocca semiaperta, una corta barba scura divisa in due fasce, i capelli che si spartiscono ricadendo sulle spalle, gocce di sangue sulla fronte provocate dalla corona di spine, la testa reclinata verso destra. Il torace, con la grande piaga grondante sangue nel costato trafitto dalla lancia, è sollevato rispetto all'addome, con un naturalismo plastico dei muscoli ben delineati.

Il perizoma è di color bianco con tracce di blu. Il corpo è sostenuto dalle braccia aperte e tese, nelle quali si avverte rigidità. Le mani sono trafitte dai chiodi. Un unico chiodo attraversa i due piedi, il destro sovrapposto al sinistro. Questa iconografia dei tre chiodi sostituì agli inizi del XIII secolo i piedi affiancati e trafitti ciascuno da un chiodo, come nel Christus triumphans (Cristo trionfante).
Con la nuova collocazione il Crocifisso, rappresentazione plastica del transitus Domini nel mondo, contribuisce a infondere nel popolo di Cerignola la fiducia nell'azione salvifica di Gesù, generatrice di luce e di amore.

dott. Angelo Disanto
  • notizie
  • Duomo Tonti
  • Chiesa Madre
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
L’appello della mamma delle gemelline Schepp L’appello della mamma delle gemelline Schepp Alessia e Livia Schepp scomparse 9 anni fa. L’appello di Irina Lucidi questa sera a “Chi l’ha visto”, ore 21:20 RAI 3
Sequestrata autodemolizione a Cerignola Sequestrata autodemolizione a Cerignola Rinvenuto ingente quantitativo di pezzi di autocarri e camion rubati. Denunciato in stato di libertà il titolare dell’autodemolizione, un 40enne cerignolano
Caporalato: Arriva progetto diritti e lavoro migranti Caporalato: Arriva progetto diritti e lavoro migranti Fondazione “Osservatorio Agromafie”, ANCI e Coldiretti elaborano una proposta per contrastare il caporalato nel lavoro
Minacciava la madre, voleva i soldi acquistare droga Minacciava la madre, voleva i soldi acquistare droga Arrestato 34enne cerignolano perché pretendeva soldi per acquistare droga. La madre, dopo minacce e vessazioni lo ha denunciato
Stazione Carabinieri Giovinazzo, Ruggiero Filannino è il nuovo comandante Stazione Carabinieri Giovinazzo, Ruggiero Filannino è il nuovo comandante Ha diretto la sezione radiomobile della Compagni dei Carabinieri di Cerignola
Regionali 2020, Teresa Cicolella è la candidata dal PD Cerignola Regionali 2020, Teresa Cicolella è la candidata dal PD Cerignola A comunicarlo è Sabina Ditommaso, segretaria del PD di Cerignola. “Rifiutiamo autocandidature o candidature calate dai vertici regionali del PD”
“Striscia la notizia” di casa a Cerignola “Striscia la notizia” di casa a Cerignola Dopo i servizi di “Pinuccio” a Borgo tressanti quello di Brumotti nel quartiere San Samuele. Spaccio, sentinelle, pusher, organizzazione criminale
Blitz dei carabinieri nel quartiere “San Samuele” Blitz dei carabinieri nel quartiere “San Samuele” Sequestrate sostanze stupefacenti, due persone arrestate per resistenza.
© 2001-2020 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.