Flop Referendum
Flop Referendum

Il flop del referendum: gli italiani lo “abrogano” di fatto

Numeri record al ribasso, fallimento per il Referendum sulla riforma della Giustizia

Referendum: flop, debacle, fallimento. Mentre calano gli elettori anche rispetto alle amministrative di cinque anni fa (le urne verranno aperte alle 14), possiamo dire che "era già tutto previsto". E intanto si sprecano i sinonimi nei titoli che commentano ciò che non è stato.

Certo, nel fallimento dell'operazione che la Costituzione ha donato al popolo italiano e che il popolo italiano mostra di snobbare sempre più, si possono effettuare numerose chiamate di correità: l'invadenza del conflitto ucraino nell'interesse dell'opinione pubblica, la minima comunicazione dei media, lo schierarsi per il No (da molti inteso come un invito alla non partecipazione) di alcuni dei principali partiti, lo scarso impegno della principale forza politica (la Lega) che pure aveva promosso la raccolta delle firme insieme ai Radicali. E poi è anche la maniera con la quale questo strumento viene usato nel nostro Paese, dove esistono 3 tipologie: abrogativo, costituzionale e territoriale. Al popolo manca la possibilità di "decidere qualcosa" in concreto, cosa che si potrebbe realizzare introducendo il cosiddetto "referendum propositivo".

Dunque non era difficile prevedere che sarebbe finita così: sia per le modalità di utilizzo dello strumento di democrazia diretta, sia per i contenuti della battaglia referendaria, sia per le caratteristiche della strana coppia di promotori (Lega e "i soliti" Radicali). E non è solo un problema di boicottaggio e di inerzia dell'istituto referendario: il nocciolo della questione è che il referendum vien purtroppo usato per porre rimedio all'incapacità del Parlamento di legiferare.

L'esperienza pluridecennale dei referendum, il risultato di molti dei quali ha cambiato davvero il corso della nostra storia, ne ha messo in evidenza le criticità: tra le altre, la difficoltà dei quesiti referendari, che ai più appare un po' come dover dire il contrario di ciò che si pensa. E poi il fattore "tempo": tra la già lunga raccolta delle firme e lo svolgimento della consultazione trascorre un arco temporale che, per le dinamiche della politica, può rivelarsi molto lungo dato che si rischia sempre di andare a votare in un contesto profondamente mutato anche nell'orientamento dell'opinione pubblica.

Si potrà dire che anche ai tempi del referendum sul divorzio e l'aborto ci furono gli stessi timori. Ma quella volta non fu così: la società italiana attraversava un periodo di crescita e di emancipazione che prese in contropiede gran parte della classe politica. Un momento storico che non si è più ripetuto.
  • Politica
  • referendum
Altri contenuti a tema
Cerignola: i risultati definitivi del Referendum del 12 Giugno 2022 Cerignola: i risultati definitivi del Referendum del 12 Giugno 2022 Scarsa affluenza al voto, molti cittadini non erano informati sui singoli quesiti
Sgarro: “Amministrazione di Cerignola ferma, difficile anche dare un giudizio” Sgarro: “Amministrazione di Cerignola ferma, difficile anche dare un giudizio” Il consigliere di opposizione vede uno stallo amministrativo e un consiglio comunale che ratifica decisioni già prese
Parla il portavoce del Movimento 5 stelle di Cerignola, Vincenzo Sforza Parla il portavoce del Movimento 5 stelle di Cerignola, Vincenzo Sforza Riduzione della TARI del 5% e agevolazioni per i nuclei più fragili
A Cerignola strade nuove entro l’estate A Cerignola strade nuove entro l’estate Cicolella annuncia l’arrivo di più di due milioni di fondi regionali. “Da Pezzano strampalate polemiche”
Comizio di presentazione della lista PROGETTO COMUNE Comizio di presentazione della lista PROGETTO COMUNE Elezioni amministrative a Stornara, sul palco il candidato Sindaco Roberto Nigro
Pubblicità in cambio di lavori pubblici, a Cerignola approvato il nuovo regolamento sponsorizzazioni Pubblicità in cambio di lavori pubblici, a Cerignola approvato il nuovo regolamento sponsorizzazioni I costi degli interventi sono interamente deducibili dalle tasse
Il Daspo urbano è il nuovo strumento a disposizione della polizia locale di Cerignola Il Daspo urbano è il nuovo strumento a disposizione della polizia locale di Cerignola Chi oltraggia il decoro della città rischia multe fino a cinquecento euro
Bonito annuncia misure a sostegno degli ex lavoratori SIA Bonito annuncia misure a sostegno degli ex lavoratori SIA Il comune di Cerignola interpella la Corte dei conti per crediti nei confronti della società
© 2001-2022 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.