Progetto di lettura digitale al Tatarella
Progetto di lettura digitale al Tatarella
Vita di città

Letture digitali per i piccoli pazienti di pediatria del Tatarella

Grazie alla tecnologia anche chi è in isolamento può partecipare alle letture

La scorsa settimana ha preso il via presso l'ospedale "Tatarella" di Cerignola il servizio di lettura digitale dedicato ai pazienti del reparto di pediatria. L'attività è curata dai volontari del servizio civile universale della ASL Foggia. Il piccolo principe è stato il primo libro letto ai piccoli degenti del reparto pediatrico. Il direttore generale della ASL Foggia Vito Piazzolla e il direttore sanitario Antonio Nigri hanno voluto l'avvio dell'attività che fa parte del programma di umanizzazione e assistenza dei luoghi di cura.

I volontari del servizio civile universale sono coordinati dalla responsabile Annarita Stoppiello. Le attività si svolgono in una saletta dove è stata allestita una piccola biblioteca nel reparto diretto dal dottor Angelo Acquafredda. Grazie alla tecnologia le letture sono rivolte a tutti i pazienti, anche ai bambini che si trovano in isolamento a causa del COVID 19 o di altre patologie. Giovanni (nome di fantasia), 5 anni compiuti da poco, è stato il primo ad ascoltare dalla sua stanza grazie ad un tablet la storia del Piccolo Principe che viveva da solo su un asteroide lontano.

Grazie agli infermieri e a due volontari le barriere fisiche della sala lettura sono state superate e Giovanni è stato catapultato in un viaggio fantastico nello spazio. Per due ore la sua stanza si è trasformata in un cielo costellato da pianeti vari, tra cui la Terra abitata da personaggi strani quali un serpente, un piccolo fiore, un controllore e una volpe.

"Migliorare la degenza dei bambini – ha spiegato Piazzolla – è un obiettivo primario del percorso di umanizzazione delle cure che abbiamo avviato. Il ricovero ospedaliero comporta uno stress emotivo in ogni persona, in particolare nei bambini che, lontani dall'ambiente familiare, perdono i propri riferimenti, il contatto con le persone care e le abitudini quotidiane". "Il progetto del Servizio Civile – ha sottolineato Nigri – è stato studiato per dare conforto ai bambini, distrarli dalle dinamiche ospedaliere ed aiutarli a superare il disagio che inevitabilmente comporta il ricovero, ancor più nei casi di isolamento".

Micaela Piazzolla e Michele Campanelli, due dei volontari coinvolti, spiegano che il progetto sta aiutando anche loro a rallentare i ritmi a volte frenetici della vita quotidiana e a riscoprire in sé stessi quella capacità di godere delle piccole cose tipica dei bambini. Perché, come si legge nel Piccolo Principe: "Tutti i grandi sono stati piccoli, ma pochi di essi se ne ricordano".
  • Libri
  • Ospedale Giuseppe Tatarella Cerignola
Altri contenuti a tema
Meeting internazionale nel presidio ospedaliero di Cerignola Meeting internazionale nel presidio ospedaliero di Cerignola Esperti israeliani a confronto con l’equipe di Alessandro D’Afiero sulle ultime tecniche interventistiche ginecologiche
Bimbo di 8 anni di Cerignola morto in casa: indagini in corso Bimbo di 8 anni di Cerignola morto in casa: indagini in corso Purtroppo non è servita a nulla la corsa in ospedale
Nel 1994 la libreria Verba Volant a Cerignola: il racconto del titolare Giuseppe Merlicco Nel 1994 la libreria Verba Volant a Cerignola: il racconto del titolare Giuseppe Merlicco Un investimento fatto per amore dei libri in una città in cui regnava un “deserto” culturale
Inaugurata nuova libreria a Cerignola: è la terza in città Inaugurata nuova libreria a Cerignola: è la terza in città Bagno di folla per l’apertura del Mondadori Point in Via Bari
De Magistris a Cerignola con il suo “Fuori dal sistema” De Magistris a Cerignola con il suo “Fuori dal sistema” Un libro che racconta la lotta contro i poteri forti dell’ex sindaco di Napoli
Luigi de Magistris presenta il suo ultimo libro a Cerignola Luigi de Magistris presenta il suo ultimo libro a Cerignola Appuntamento domani, ore 18, a Palazzo Fornari
Tensione al pronto soccorso dell'ospedale "Tatarella", medico sotto shock Tensione al pronto soccorso dell'ospedale "Tatarella", medico sotto shock Due pazienti hanno aggredito verbalmente il personale sanitario
Primi nati del 2023, c’è anche Cerignola Primi nati del 2023, c’è anche Cerignola Il piccolo Walter venuto alla luce al Tatarella è il secondo nato della provincia di Foggia
© 2001-2023 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.