Foto alessandro galano
Foto alessandro galano
Sguardo sul foggiano

Lo scrittore foggiano Alessandro Galano vincitore del Contropremio Carver-Prospektiva 1.0

Il libro, premiato al Salone Internazionale del Libro di Torino, si intitola “L’uomo che vendette il mondo”

Giornalista, docente e scrittore. Alessandro Galano è questo, ma anche molto di più. E' un appassionato e sostenitore della cultura a 360°, tra i fondatori della testata "Foggia Città Aperta", narratore esperto e curioso di vita e di storie che vale la pena leggere per quello che trasmettono.

Il suo libro di esordio, "L'uomo che vendette il mondo" (ed. Scatole Parlanti), pubblicato nel 2021, è stato proclamato vincitore del Contropremio Carver-Prospektiva 1.0 (sezione narrativa), presso il Salone Internazionale di Torino. Un prestigioso e meritato riconoscimento per lo scrittore foggiano, che si è imposto nel panorama letterario italiano con un libro che parla di un sentimento universale, l'amicizia.

A lui abbiamo rivolto qualche domanda per conoscere la genesi del libro e per farci raccontare la sua passione per la "penna".

"L'uomo che vendette il mondo" è sostanzialmente la storia di un legame di amicizia. Il protagonista del libro, Santo Bardi, è un 35enne in balia della precarietà professionale e sentimentale. Quando e come hai deciso di raccontare una storia del genere, e da dove è nata l'ispirazione per creare il personaggio principale del romanzo?

Volevo scrivere una storia sui grandi legami, su ciò che resta ben saldo anche a distanza di spazio e di tempo, quando dall'altra parte sembra non esserci più modo per conservare quel legame e invece, quasi in modo innaturale, quello resta, si mantiene vivo, malgrado tutto. Ma volevo anche raccontare una crescita, una ricerca: questo è un romanzo di formazione, anzi di "tarda" formazione, come amo dire. Santo, la voce narrante, è colui che si "forma": per crearlo mi sono guardato dentro, è bastato quello.

Hai ambientato la storia del libro in una cornice avventurosa e "on the road". Qual è il guizzo o l'episodio della tua vita che ha dato origine all'intera trama?

L'ispirazione, in un certo senso, è venuta dopo. Al principio c'è stata una scintilla: la visita, del tutto casuale, di una clinica psichiatrica, avvenuta diversi anni fa. All'epoca ancora non lo sapevo, ma il libro è nato in quel momento, durante una bozza scritta a penna al rientro da quell'esperienza. Da lì poi, ho iniziato a interrogarmi sulla linea di demarcazione che separa i due mondi, quello sano o considerato tale, e quello insano. La vita e la sospensione della vita. E mi sono chiesto: sicuro di essere sempre stato da questa parte? E se ti capitasse? E se capitasse a una persona a te cara, così, all'improvviso? La risposta a queste domande è Alex, l'amico perduto che ritorna nella vita di Santo. Se si vuole, l'ispirazione vera e propria. all'intera trama?

Qual è il genere letterario che preferisci? Quando e come è nata la tua passione per i libri?

Sono partito dal romanzo horror, da piccolissimo, perché ero un avido lettore dei fumetti di Dylan Dog: il merito è di mio fratello Roberto, i fumetti erano i suoi e anche i libri che sono venuti dopo. Un giorno ho fatto quel gesto rivoluzionario, ho posato il dito indice sulla costa di un libro, l'ho tirato fuori e l'ho aperto. Attualmente, non ho un genere letterario di riferimento, piuttosto vado per esclusione: detesto le "storielle", la narrativa pigra per lettori pigri, la letteratura intesa come intrattenimento, passatempo. Non è un passatempo, è una scoperta, deve esserlo ogni volta.

Nel tuo libro descrivi la fragilità dell'essere umano, una condizione in cui tutti possiamo riconoscerci. Credi che i lettori si sentano più vicini a personaggi più fragili e complicati?

Penso che i lettori si sentano vicini a personaggi credibili, lo dico soprattutto da lettore. E personaggi credibili sono personaggi contraddittori, fragili, spaesati, mai soltanto positivi o soltanto negativi. Devono perdersi nelle loro debolezze, i lettori, ritrovando così le proprie. È un gioco di specchi in cui è bello confondersi.

Per l'umiltà e la modestia che lo contraddistinguono, Alessandro non vorrebbe soffermarsi a parlare del premio letterario vinto, la cui proclamazione è avvenuta proprio durante la kermesse letteraria più importante d'Italia, il Salone del Libro di Torino. Lui non ha potuto parteciparvi per cause indipendenti dalla sua volontà.

Noi gli facciamo i nostri complimenti, invitandolo a tenerci aggiornati sui suoi progetti letterari.
  • libro
Altri contenuti a tema
“Oltre le distanze”: il libro di Agostino Forgione, cittadino “aggiunto” di Cerignola, sul mare e la navigazione “Oltre le distanze”: il libro di Agostino Forgione, cittadino “aggiunto” di Cerignola, sul mare e la navigazione L'autore, di origine campana, ha scritto due volumi precedenti, tra cui un libro per bambini
Alfonso Santamaria, autore di Cerignola, presenta il suo quarto romanzo a Stornarella Alfonso Santamaria, autore di Cerignola, presenta il suo quarto romanzo a Stornarella L’appuntamento è promosso e organizzato dal Gruppo di Lettura “Gli Spaginati”
“Per le strade di Cerignola”: pubblicato il libro di Francesco Paolo Conte “Per le strade di Cerignola”: pubblicato il libro di Francesco Paolo Conte L’autore ha raccolto i cerignolani memorabili nella toponomastica cittadina
La prof. Italia Buttiglione di Cerignola pubblica il saggio “Tra codice e cuore” La prof. Italia Buttiglione di Cerignola pubblica il saggio “Tra codice e cuore” Da volontaria ed esperta di Etica propone un modello di giustizia sociale
Pietro Paciello, docente e autore di Cerignola: “Dobbiamo ricordarci di essere stati bambini” Pietro Paciello, docente e autore di Cerignola: “Dobbiamo ricordarci di essere stati bambini” Il prof. ha di recente pubblicato il volume intitolato “Non ti racconto le solite favole”
Nicola D’Andrea, il prof-scrittore di Cerignola, racconta il “firmacopia a domicilio” Nicola D’Andrea, il prof-scrittore di Cerignola, racconta il “firmacopia a domicilio” E’ un modo per promuovere il libro e per conoscere più da vicino i lettori
Veronica Cellamaro, scrittrice di Cerignola: “Scrivo quando qualcosa non va nella mia vita” Veronica Cellamaro, scrittrice di Cerignola: “Scrivo quando qualcosa non va nella mia vita” Ventinove anni, è già al suo terzo libro pubblicato e ne ha già un altro in cantiere
“Mowgli, la favola di un randagio”: Domenico Farina presenta il suo ultimo libro a Cerignola “Mowgli, la favola di un randagio”: Domenico Farina presenta il suo ultimo libro a Cerignola E’ la toccante storia di un gattino salvato dalla strada, il ricavato sarà devoluto alle associazioni di volontariato
© 2001-2024 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.