Campo di grano
Campo di grano

Crisi del grano, a rischio la semina autunnale

Da Cia Puglia lanciano un allarme a trovare soluzioni al più presto coinvolgendo tutti gli attori della filiera

La questione legata al prezzo del grano da qualche mese è sempre la stessa, e anche semplice nella sua incoerenza. È ancora CIA Puglia a denunciare quella che pare essere un'assurdità economica irrisolvibile: i produttori di grano sono costretti a vendere il prodotto a meno di quanto hanno speso per produrlo. Nelle ultime settimane la curva del prezzo del grano ha segnato una diminuzione di oltre 100 euro a tonnellata. A conti fatti il grano si vende oggi a 480 euro alla tonnellata e se si considera che la media di raccolto nelle province di Foggia, Bat e Bari è stata di circa 25 quintali per ettaro e che per produrli ci sono voluti 1.200 euro per ettaro, è facile trarre le conclusioni: coltivare grano non conviene più.

O come ha sinteticamente espresso l'associazione: "I produttori di grano non ce la fanno più. Le risposte alla crisi devono arrivare ora, subito. Abbiamo chiesto la convocazione del Tavolo Cerealicolo tre settimane fa. Aspettare ancora non farà che peggiorare la situazione". I vertici CIA tornano a bussare alla porta dell'assessore pugliese all'agricoltura Donato Pentassuglia e per cercare una soluzione al problema chiedono di convocare intorno a un tavolo tutte le parti della filiera cerealicola: produttori, stoccatori, mugnai e pastai.

Sembra ormai desueta anche la motivazione della guerra Russo-Ucraina come causa scatenate della crisi del prezzo. Ormai sembra chiaro ai dirigenti dell'associazione che la crisi viene pilotata da speculazioni. La soluzione ci sarebbe e viene da un altro settore agricolo che è stato tormentato da problemi analoghi: quello del riso. Come è stato fatto in quel caso dall'associazione propongono di attivare un meccanismo di quotazione che premi la produzione nostrana.

Lo scenario che attende il comparto non è dei più rosei. Se le cose non cambieranno, in autunno molti produttori decideranno di non seminare grano duro con il rischio conseguente di veder chiudere molte imprese e perdere molti posti di lavoro. L'Italia deve decidere se vuole puntare sulla filiera della produzione di grano duro italiano. Per farlo bisogna valorizzare l'esercito dei produttori che nell'ultimo periodo invece sono stati gli unici attori della filiera a non ricavare profitto. Un'altra assurdità che si aggiunge alla precedente.
  • Agricoltura
  • grano
  • Cia Puglia
Altri contenuti a tema
A Cerignola influencer e blogger alla scoperta dell'eccellenza agroalimentare A Cerignola influencer e blogger alla scoperta dell'eccellenza agroalimentare "Tavoliere diVino" è il tour organizzato per diffondere via social le aziende che investono nell'agroalimentare
Crisi del prezzo del grano, disertate le borse merci a Bari e Foggia Crisi del prezzo del grano, disertate le borse merci a Bari e Foggia I costi di produzione salgono e pesano sempre di più sui profitti
Crisi agricola, l’assessore Cialdella convoca le associazioni di categoria Crisi agricola, l’assessore Cialdella convoca le associazioni di categoria Un Tavolo Agricolo permanente per affrontare le emergenze: “Siamo vicini ai nostri produttori”
Cerignola: tavola rotonda su Giovani, Agricoltura e Lavoro Cerignola: tavola rotonda su Giovani, Agricoltura e Lavoro La dignità del lavoro passa per il riconoscimento del suo valore
Cia propone un "tavolo verde" per sostenere l'agricoltura di Cerignola Cia propone un "tavolo verde" per sostenere l'agricoltura di Cerignola I vertici dell'associazione in Capitanata hanno interpellato l'amministrazione comunale per cercare soluzioni alla crisi in atto nel settore
Bando Agrisolare: dal 27 agosto si possono presentare le domande Bando Agrisolare: dal 27 agosto si possono presentare le domande Sostegno al comparto agricolo per contrastare il caro-bollette
La Puglia funestata da grandine e calamità: violenta grandinata nel barese La Puglia funestata da grandine e calamità: violenta grandinata nel barese A partire da metà maggio si sono registrati 16 grandinate e altri eventi calamitosi, con gravi danni all’agricoltura
Consentita la bruciatura delle stoppie anche nelle zone protette Consentita la bruciatura delle stoppie anche nelle zone protette La Regione Puglia ha esteso la pratica di bruciatura dei residui di potatura e mietitura anche ai terreni ricadenti nella aree di Natura 2000
© 2001-2022 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.