Alcol
Alcol
Cronaca

Scoperto deposito clandestino di alcol, nei guai due cerignolani

Sequestrati anche tre macchinari speciali utilizzati per il confezionamento dei prodotti

Scoperta una vera e propria fabbrica abusiva per lo stoccaggio e l'imbottigliamento di alcool destinato alla vendita al dettaglio. All'interno sono stati trovati pure tre macchinari speciali utilizzati per il confezionamento dei prodotti, vari contrassegni di Stato, migliaia di etichette, due cisterne e un misuratore alcolometrico.

Il blitz della Guardia di Finanza della Tenenza di Bitonto, diretta dal I Gruppo Bari, ha preso il via nell'ambito di un'attività di polizia giudiziaria volta al contrasto del traffico illecito di prodotti alcolici destinati al consumo alimentare: i militari bitontini, ai comandi del sottotenente Vittorio Davide Cristalli, hanno individuato e sequestrato, in un'area industriale di Bitonto, un deposito non autorizzato allo stoccaggio e al successivo imbottigliamento di bottiglie d'alcool di contrabbando.

Oltre all'impianto abusivo sono stati rinvenuti e prontamente sottoposti a sequestro, a disposizione della Procura della Repubblica di Bari, tre macchinari speciali utilizzati per il confezionamento dei vari prodotti, 2mila contrassegni di Stato contraffatti utilizzati per la certificazione dei prodotti alcolici, 11mila etichette di due importanti aziende del settore, abilmente contraffatte, due cisterne da 1.000 litri utilizzate per lo stoccaggio di alcol etilico e un misuratore alcolometrico.

I finanzieri, inoltre, hanno anche recuperato e sequestrato alcune bottiglie di alcolici già pronte per l'imballaggio e confezionate con etichette mendaci riportanti il marchio di una nota azienda produttrice del settore. La scoperta dell'attività illegalmente esercitata a Bitonto, in un'area a pochi passi dal centro, da parte delle Fiamme Gialle, ha evitato l'immissione sul mercato legale di migliaia di prodotti contraffatti che avrebbe assicurato all'organizzazione un cospicuo guadagno.

Al termine dell'operazione sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Bari due soggetti di Cerignola, entrambi di 45 anni e già gravati da precedenti penali specifici, per i reati di contraffazione di prodotti alimentari, contrabbando (sottrazione all'accertamento e pagamento dell'accisa sull'alcool) e ricettazione, ma l'indagine non è affatto conclusa: sono infatti in corso di identificazione ulteriori soggetti che avrebbero partecipato all'attività, di 30 anni.

«L'attività di servizio eseguita - si legge in una nota - testimonia il costante impegno della Guardia di Finanza nel contrasto al contrabbando ed al commercio di prodotti alimentari contraffatti, non genuini e insicuri, che danneggiano il mercato e sottraggono opportunità e lavoro alle imprese che operano nella legalità».
  • Guardia di finanza
Altri contenuti a tema
La finanza sequestra immobili ad un pregiudicato di Cerignola La finanza sequestra immobili ad un pregiudicato di Cerignola I militari ritengono che l’uomo sia solidale al clan cerignolano dei Ditommaso
I finanzieri di Cerignola impegnati in un'operazione di contrasto alla malavita foggiana I finanzieri di Cerignola impegnati in un'operazione di contrasto alla malavita foggiana L'intervento è in corso in provincia di Foggia. Sequestrati appartamenti e denaro
Arrestato per usura un uomo residente a Cerignola Arrestato per usura un uomo residente a Cerignola Il fenomeno è cresciuto nel periodo della pandemia
Lavoro illegale e contraffazione, a Cerignola impegnata la Guardia di Finanza Lavoro illegale e contraffazione, a Cerignola impegnata la Guardia di Finanza Scoperti lavoratori in nero e apparecchiature senza marcatura CE
Automobili “cannibalizzate” per rivedere i ricambi, maxi sequestro a Cerignola Automobili “cannibalizzate” per rivedere i ricambi, maxi sequestro a Cerignola Il materiale veniva commercializzato anche sul web per un valore di oltre 3 milioni di euro
Furbetti del reddito di cittadinanza, denunciate 55 persone Furbetti del reddito di cittadinanza, denunciate 55 persone Tra loro anche lavoratori in nero a Cerignola
Contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale Contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale 46.000 articoli sequestrati e 79 denunciati alla Procura della Repubblica
Vaccini somministrati a familiari e conoscenti di operatori sanitari Vaccini somministrati a familiari e conoscenti di operatori sanitari Indagate 8 persone tra cui medici e infermieri in servizio presso un punto vaccinale del Gargano
© 2001-2022 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.