Scuole dell'infanzia
Scuole dell'infanzia

Scuole dell'infanzia paritarie, in arrivo un milione di euro dalla Regione

Assessore Sebastiano Leo: «Un primo intervento urgente per fronteggiare il momento di crisi»

In arrivo risorse per le scuole dell'infanzia paritarie pugliesi. Oggi, su proposta dell'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro Sebastiano Leo, la giunta regionale ha approvato un provvedimento che assicura un primo significativo sostegno al Sistema di scuole dell'infanzia non statali, formato da paritarie laiche, religiose e degli enti locali.

Si tratta di un intervento complessivo di 1 milione 100mila euro, interamente destinato a garantire contributi per coprire parzialmente le spese di gestione che le scuole continuano a registrare nell'attuale fase di sospensione delle attività didattiche, disposta fin dal 5 marzo scorso a seguito dell'emergenza sanitaria da Covid-19.

La misura, che rappresenta uno stralcio del piano regionale per il diritto allo studio 2020 (L.R. n. 31/09), è stata possibile anche grazie alla disponibilità dell'Assessore al Bilancio, Ragioneria e Finanze Raffaele Piemontese il quale, con sensibilità, ha consentito d'integrare i fondi dell'apposito capitolo del Bilancio autonomo regionale, pari a 800.000 euro, con ulteriori 300.000 euro.

«In questi giorni difficili per tante famiglie e categorie di lavoratori e lavoratrici – afferma l'assessore Leo – non siamo rimasti indifferenti agli appelli che numerosi gestori delle scuole dell'infanzia paritarie hanno fatto per denunciare lo stato di crisi del Settore. Con questa prima iniziativa, cerchiamo di assicurare contributi immediati per fronteggiare le esigenze gestionali più urgenti ed inderogabili».

«Sono allo studio – aggiunge Leo - ulteriori azioni di intervento straordinario a favore del Sistema scolastico paritario pugliese che potranno comprendere, fra l'altro, il finanziamento di progettazioni di attività integrative, creative, ludiche, psicomotorie, mirate al potenziamento delle competenze in chiave innovativa».

«Tutto ciò – conclude l'assessore - perché riconosciamo il ruolo fondamentale delle paritarie nell'ambito del sistema scolastico pubblico regionale e nazionale, ma anche gli sforzi che tanti docenti, personale amministrativo ed ausiliario compiono giornalmente per garantire un servizio importante a beneficio dei minori, delle famiglie e delle comunità in cui sono presenti».

In Puglia sono operative 415 scuole dell'infanzia non statali, per 939 sezioni e 17.424 alunni. Questi ultimi rappresentano circa il 18,09% dell'intera popolazione scolastica statale e non statale (complessivamente 96.274 alunni). Dei 415 plessi di scuola dell'infanzia non statale, 379 (859 sezioni per 15.856 alunni) risultano avere i requisiti di cui alla L.R. n. 31/09, necessari per beneficiare dei contributi regionali di gestione (parità scolastica, senza fini di lucro, convenzione con i Comuni). Nel dettaglio sono 209 plessi di scuola dell'infanzia paritaria privata laica (451 sezioni per 7.800 alunni), 143 di scuola dell'infanzia paritaria privata religiosa (324 sezioni per 6.466) e 27 di scuola dell'infanzia degli Enti locali (84 sezioni per 1.590).

I fondi saranno erogati ai Comuni, titolari delle convezioni con le paritarie private, per la successiva e tempestiva liquidazione dei contributi di gestione.

Il riparto, affidato alla Sezione Istruzione e Università, avverrà la prossima settimana con il criterio di dividere le risorse complessivamente disponibili, pari a 1 milione 100mila euro, proporzionalmente rispetto al numero di sezioni effettivamente funzionanti nelle singole scuole, così come rilevate dai programmi comunali per il diritto allo studio 2020.
  • notizie
  • Regione Puglia
  • finanziamento
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
  • Coronavirus
  • Coronavirus Fase 2
Altri contenuti a tema
Regione Puglia, indiscrezioni su Emiliano: verso il “no” al terzo mandato? Regione Puglia, indiscrezioni su Emiliano: verso il “no” al terzo mandato? Le prossime elezioni avranno ripercussioni sugli assetti regionali: cosa potrebbe cambiare
Un progetto per estendere la rete idrica a Borgo Tressanti e Posta Angeloni Un progetto per estendere la rete idrica a Borgo Tressanti e Posta Angeloni La Regione Puglia interviene con un contributo straordinario per sopperire all’emergenza
Test Covid, la regione Puglia è in debito per dieci milioni Test Covid, la regione Puglia è in debito per dieci milioni La denuncia arriva dai vertici regionali di Forza Italia
Regione Puglia: bando restauro e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale Regione Puglia: bando restauro e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale C’è tempo fino al 29 Luglio per candidarsi
Regione Puglia, 2 milioni di euro in arrivo ai Comuni per risolvere il problema dei rifiuti abbandonati Regione Puglia, 2 milioni di euro in arrivo ai Comuni per risolvere il problema dei rifiuti abbandonati Il Comune di Cerignola ha i requisiti per accedere all’avviso pubblico: un’occasione imperdibile
Cerignola, l’Asl Fg e le visite gratuite per donne: lettere scadute e numero non attivo Cerignola, l’Asl Fg e le visite gratuite per donne: lettere scadute e numero non attivo Lo sfogo sui social: “E’ tutto un bluff, alla fine ci tocca farle a pagamento”
Cinghiali, allarme della Coldiretti Puglia: troppi incidenti, si proceda con piano abbattimenti Cinghiali, allarme della Coldiretti Puglia: troppi incidenti, si proceda con piano abbattimenti Altro rischio legato alla proliferazione di questi animali è la diffusione della peste suina
Fortissima scossa di terremoto avvertita in tutta la Puglia Fortissima scossa di terremoto avvertita in tutta la Puglia Epicentro in Bosnia, magnitudo Richter elevatissima. Numerose le segnalazioni sui social
© 2001-2022 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.