Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
Cronaca

Sequestrati a Massimo Curci beni per 16 milioni di euro

Accertamenti patrimoniali da cui emergono investimenti in attività finanziarie, beni immobili, beni mobili registrati e rapporti di credito bancari/postal

Finanzieri del Comando Provinciale di Foggia, su disposizione del Tribunale di Bari – Sezione III in funzione di Tribunale della Prevenzione, Presidente, dott.ssa Giulia Romanazzi, anno eseguito un provvedimento di sequestro di beni mobili registrati, immobili, polizze assicurative, titoli, conti correnti e denaro contante, per oltre 16 milioni di euro, riconducibili a Massimo Ruggiero Curci, commercialista di Foggia, già indagato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia per molteplici crimini economico – finanziari.

Il sequestro, disposto in accoglimento della proposta della citata Procura della Repubblica, è l'atto finale di articolate indagini economico-patrimoniali sviluppate dai finanzieri della Compagnia della Guardia di Finanza di Foggia sul soggetto classe 68 che ha manifestato una concreta pericolosità sociale, comprovata da una condanna per reati contro il patrimonio, con sentenza irrevocabile del 2016, nonché dal suo diretto coinvolgimento in molteplici procedimenti penali per illeciti economico-finanziari, quali truffe, reati tributari, reati fallimentari, riciclaggio, trasferimento fraudolento di valori e impiego di beni e utilità di provenienza illecita.
L'arco temporale nel quale è maturata la pericolosità sociale del commercialista, in relazione all'ipotesi di cui all'art. 1, lett. b) del d.lgs. n. 159/2011, è stato acclarato dal 2008 sino a tutto il 2018.

Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Foggia hanno permesso di accertare che il Massimo Ruggiero Curci, agli arresti domiciliari per il reato di autoriciclaggio, stava ponendo in essere varie operazioni dirette a dissimulare il proprio patrimonio. Attraverso un vorticoso sistema di intestazioni fittizie di beni immobili, titoli, polizze assicurative, assegni e vaglia circolari, era in procinto di occultare definitivamente le risorse illecitamente accumulate. Ma l'attività dei militari, coordinati dalla Procura della Repubblica di Foggia, ha impedito al soggetto di portare a compimento il progetto ideato e in fase di avanzata attuazione.
Infatti, la Guardia di finanza, delegata dall'A.G., ha condotto approfonditi e complessi accertamenti patrimoniali, all'esito dei quali è emersa in capo al commercialista ed ai suoi congiunti una disponibilità di beni– rappresentata da investimenti in attività finanziarie, beni immobili, beni mobili registrati e rapporti di credito bancari/postali assolutamente sproporzionati rispetto ai redditi dichiarati ed in generale alle disponibilità economiche proprie e dei suoi familiari.
In particolare, con il provvedimento ablativo emesso dal Tribunale di Bari – l'unico nella Provincia di Foggia nell'anno 2019 -, sono state sequestrate disponibilità per 16.187.402,74 euro, consistenti in:
  • 14 immobili, tra cui una villa con piscina ubicata in Carapelle (FG);
  • fondi comuni di investimento; conti correnti; titoli; polizze assicurative; vaglia circolari; vaglia postali; assegni bancari; denaro contante
  • 4 autovetture, tra cui una Porsche Carrera 911 (2017);
  • 10 orologi di pregio modello Rolex.
L'azione svolta dalla Guardia di Finanza si inserisce nel solco della diuturna ricerca e aggressione di patrimoni riconducibili a soggetti che vivono abitualmente, anche in parte, con i proventi derivanti da attività delittuose; attività che risponde alla duplice finalità di disarticolare in maniera radicale le organizzazioni criminali mediante l'aggressione delle ricchezze illecitamente accumulate, e liberare l'economia legale da indebite infiltrazioni della criminalità consentendo agli imprenditori ed in questo caso ai professionisti onesti di operare in regime di leale concorrenza.
  • notizie
  • guardia di finanza
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
Sciolto per mafia il Comune di Manfredonia Sciolto per mafia il Comune di Manfredonia Lo decide il Consiglio dei Ministri nella riunione odierna
Oggi il Comune di Manfredonia sarà sciolto per mafia? Oggi il Comune di Manfredonia sarà sciolto per mafia? Oggi a Palazzo Chigi si riunisce il Consiglio dei Ministri nella convocazione n.9. Nella tarda serata sapremo l’esito
Assalto al camion carico di sigarette Assalto al camion carico di sigarette Avviene sulla A14 nel tratto tra il casello di Cerignola e quello di Canosa di Puglia. Il commando ha sparato un colpo di arma da fuoco
Commissari Prefettizi, ecco chi sono Commissari Prefettizi, ecco chi sono Incarichi, carriere, curriculum dei Commissari Prefettizi nominati per la provvisoria amministrazione di Cerignola
Il vaso di Pandora, le svariate distinte responsabilità Il vaso di Pandora, le svariate distinte responsabilità Michele Marino (Consorzio Pro Ofanto): Questo è il “Vaso di Pandora” scoperto dal lavoro degli organi statali, incaricati dal Ministero dell’Interno
Il già Sindaco Metta incontra i Commissari Prefettizi Il già Sindaco Metta incontra i Commissari Prefettizi Metta: “Sono a loro disposizione per ogni eventuale loro necessità”
Stop roghi nel tavoliere Stop roghi nel tavoliere Misericordia Orta Nova ospita un forum pubblico sulla legalità nelle campagne
Metta a casa, si insedia la Commissione Prefettizia Metta a casa, si insedia la Commissione Prefettizia La segreteria: "Si chiude un'era, via all'opera di bonifica"
© 2001-2019 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.