Tommaso Sgarro
Tommaso Sgarro

Tommaso Sgarro risponde all’appello di Francesco Bonito

Il no secco di Tommaso Sgarro: “Bonito non ha ancora capito che Tommaso non è un io ma un noi, a me non resta che augurargli buona fortuna”

Dopo l'appello lanciato da Francesco Bonito a Tommaso Sgarro la risposta di quest'ultimo non tarda ad arrivare. Un secco no alle poltrone, un articolato no alla sottomissione imposta da Bonito.

«Egregio dott. Bonito, sono convinto che per l'intelligenza che le si riconosce e per l'onestà intellettuale comprenderà come il suo messaggio arrivi tardivo e quanto ci possa lasciare perplessi – spiega Tommaso Sgarro in un messaggio video postato alcuni minuti fa sulla propria pagina Facebook - Tardivo perché arriva dopo la candidatura di Antonio Giannatempo, ovvero di quel pezzo di moderati di centrodestra che lei era convinto dovessero o potessero appoggiarla e a cui faceva riferimento diretto durante la conferenza stampa di presentazione della sua candidatura, per inciso, la stessa nella quale mi appellava come nemico pubblico della città mettendomi sullo stesso piano del sindaco mandato a casa per infiltrazioni mafiose, poi una serie di insulti alla mia persona, alle amiche e amici di viaggio… non le sembra il tutto un po' incorerete?»

Durante la presentazione della propria candidatura a Sindaco, tenutasi nella location di Palazzo Coccia, Francesco Bonito affermò che "ci sono i nemici di Cerignola, sono costoro con cui io non voglio neanche parlare, sono costoro con cui io non vorrei avere nessun rapporto, sono Franco Metta e Tommaso Sgarro". Dichiarazioni pesanti, che probabilmente Francesco Bonito avrà dimenticato ma che Tommaso Sgarro ricorda perfettamente, volte a sottolineare le motivazioni per cui Tommaso Sgarro era considerato il nemico da sconfiggere "perché spacca la sinistra, la divisione del centrosinistra è un fatto gravissimo perché l'unità del centrosinistra è una grande risorsa democratica che io perseguirò sempre. Questa tradizione positiva è assente e Tommaso Sgarro e chi lo ispira è Elena Gentile che ha vissuto 50 anni di politica cittadina dividendo".

Spiega nel messaggio di risposta Tommaso Sgarro «Ci lascia perplessi ciò che dice perché se davvero avesse inteso produrre un processo di avvicinamento sarebbe bastata una chiamata e, ove mai avesse inteso comunque utilizzare il mezzo social, avrebbe dovuto lanciare un altro tipo di messaggio alto, pieno di contenuti, valori, prospettive politiche non tarato ancora una volta sulla sua persona, su se stesso e sulla presunta superiorità della sua coalizione che fino a prova contraria è cosa che potrà essere misurata solo con le elezioni».

Tommaso Sgarro si riferisce al passaggio in cui Bonito, nel video appello, dichiarava "ti chiedo di mettere a confronto le due coalizioni, quella che sostiene me e quella che sostiene te. La mia è formata da partiti, espressioni del civismo e Movimento 5 Stelle, per te c'è la lista che rappresenterà il tuo movimento, poi rifondazione comunista, Azione, Animalisti e Movimento Partite iva. E palese ed evidente che fra Bonito e Sgarro una coalizione più robusta e importante si è schierata a mio favore".

«Così appare, per chi fa politica da tempo, solo una mossa tattica fatta per trarre personale vantaggio e non il sincero tentativo di proporre qualcosa, per quanto debbo dirle non si capisce neanche cosa, perché lei non propone unità ma semplice sottomissione, se non peggio… spartizione!

In effetti Bonito chiedeva a Tommaso Sgarro "devi prendere in considerazione l'opzione di unirti sotto il vessillo di Francesco Bonito…. Unisciti a noi a noi e avrai tutta l'attenzione e la considerazione che meriti. Abbiamo raggiunto l'intesa che tutti saranno rappresentati in giunta e sarai rappresentato anche tu".

«Si vede che non ci conosce bene – risponde Tommaso Sgarro - altrimenti non avrebbe mai provato ad avvicinarci offrendoci in maniera pubblica poltrone, sarà riuscito ad imbonire qualcuno a lei vicino in questa maniera, ma non siamo alla ricerca di poltrone, alla ricerca di comodità, a noi interessa Cerignola, i bisogni dei cittadini, il ciclo dei rifiuti che deve tornare pubblico, che sia fatta giustizia sul calcolo della TARI, che in tema si sicurezza urbana sia applicato quanto previsto alla legge n. 14 del 2017.
Su una cosa sono d'accordo, dice bene quando sostiene che ci candiamo anche a rischio di farci del male con una eventuale sconfitta, cosa che le assicuro non succederà, perché noi non abbiamo fatto conti personalmente quando abbiamo deciso di candidarci ma siamo partiti dalla considerazione che un momento di crisi, quale quello che stavi vendo Cerignola, è anche un momento ricco di possibili opportunità, allora quale migliore opportunità se non quella di rinnovare la classe dirigente di Cerignola? Non in termini di età ma in termini di volti, di nomi, di idee, di storie. Mai come in questa tornata la scelta sarà tra passato e futuro, tra fallimento e speranza per questo riteniamo non di essere la scelta migliore, saremmo presuntuosi, ma quella più giusta per provare a voltare pagina, soprattutto a fronte di quelle che saranno le candidature in campo alla carica di sindaco, veramente ci sarà lo scontro tra passato e futuro e questo scontro lo affronteremo senza paura e, quando saremo amministrazione di Cerignola, lo faremo senza paura né verso le sfide amministrative che ci aspettano né verso chi vorrebbe condizionale perché abbiamo già dimostrato che i piedi in testa non ce li facciamo mettere da nessuno, per quattro anni abbiamo denunciato in solitaria, in consiglio comunale, alla città e alle istituzioni deputate le ombre minacciose della criminalità sulla città.
Io avrei sperato, sinceramente, che lei potesse diventare il padre nobile di una pagina di cambiamento vero e reale della città, la storia le avrebbe riconosciuto merito, i padri nobili, infatti, aiutano i processi di rinascita, non si mettono alla loro testa.
Questa è sempre stata la nostra idea, la nostra proposta non più rimandabile, quella che abbiamo portato sui tavoli del centrosinistra dove abbiamo cercato di portare unità vera perché non piazzata sul nome ma su una narrazione da portare alla città.
Non ha ancora capito che Tommaso non è un io ma un noi, cosa che hanno capito, invece, i cerignolani.
Conclude Sgarro - Per questo a me non resta che augurarle buona fortuna, le nostre porte saranno aperte e mai chiuse, alla città auguro buona campagna elettorale e la proposta di rinnovamento che oggi c'è in campo riguarda il futuro e il presente di tutti e tutte noi, su questa ci stiamo impegnando e su questo chiederemo la fiducia di tutti voi».
  • Pd
  • Tommaso Sgarro
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Capitanata
  • Francesco Bonito
  • noi - comunità in movimento
Altri contenuti a tema
All’età di 56 anni è morto l’archeologo e politico Austacio Busto All’età di 56 anni è morto l’archeologo e politico Austacio Busto Aveva conosciuto bene Cerignola nel corso degli scavi archeologici a Torre Alemanna. Da vicesindaco di Acquaviva delle Fonti rifiutò tangenti facendo arrestare 11 persone
Covid, attualmente positivi in Puglia vicini a scendere sotto quota 2000 Covid, attualmente positivi in Puglia vicini a scendere sotto quota 2000 Dati sulle ospedalizzazioni sostanzialmente invariati
Dalessandro ringrazia FdI, Casarella replica: “Sono i soliti comunisti inguardabili” Dalessandro ringrazia FdI, Casarella replica: “Sono i soliti comunisti inguardabili” Casarella: “Sono i soliti comunisti inguardabili, il ringraziamento mira a destabilizzare l’ambiente e confondere le acque nel tentativo di anestetizzare l’opposizione si sono fatti male i conti”
Al via la domanda di rimborso dei libri di testo per l’anno scolastico 2021/2022 Al via la domanda di rimborso dei libri di testo per l’anno scolastico 2021/2022 La domanda e la relativa documentazione dovrà essere consegnata, entro e non oltre la data dell’11/11/2021
Serrature bloccate alla scuola elementare “G. Marconi” Serrature bloccate alla scuola elementare “G. Marconi” Gli alunni ed il personale scolastico sono riusciti ad entrare grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco
“Michele Cianci”, le olive bella di Cerignola raccolte sul terreno confiscato alla mafia “Michele Cianci”, le olive bella di Cerignola raccolte sul terreno confiscato alla mafia Sul bene “Michele Cianci”, gestito dalla cooperativa Altereco, sono impegnati tanti lavoratori che provengono da situazioni di disagio, alcuni dai percorsi di giustizia riparativa
Tavola rotonda "La legalità e la relazione sociale" Tavola rotonda "La legalità e la relazione sociale" Giovedì 21  ottobre alle 18.30 nella Chiesa matrice dell’Assunzione della Beata Vergine Maria di Rocchetta Sant’Antonio
Rocco Dalessandro (PD) ringrazia Tommaso Sgarro e Fratelli d’Italia Rocco Dalessandro (PD) ringrazia Tommaso Sgarro e Fratelli d’Italia Dalessandro: “Consentitemi di esprimere un ringraziamento personale agli amici del centrodestra, agli amici democratici del centrodestra”. Gianvito Casarella smentisce e chiede rettifica
© 2001-2021 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.