Turismo Puglia
Turismo Puglia
Turismo

Turismo in Puglia, l’importanza della formazione

Matteo Robustella spiega la figura professionale dell'Esperto del Turismo Enogastronomico

La Puglia non stupisce, ma sbalordisce: è in particolare la provincia di Foggia che, oltre a rendere solida la sua attrattiva sul mare, ricchezza del Gargano e di certa costa adriatica, può giocare al rialzo su veri e propri modelli di turismo sostenibile e lento.

L'entroterra rappresentato dai monti dauni e alcune cittadine ricche di storia e tradizioni enogastronomiche possono accrescere la Capitanata attraverso la Puglia Experience, già in voga grazie alla sostenibilità di una terra meravigliosa da vivere tutto l'anno.

Le presenze internazionali nella nostra meravigliosa regione si susseguono durante le stagioni e dopo aver iniziato a promuovere i nostri prodotti enogastronomici e avendo abbinato itinerari di viaggio adatti a famiglie e intenditori, il turismo pugliese decolla e lo fa anche grazie al nuovissimo aeroporto Gino Lisa che vede nuovi voli in crescita.

Ma la Puglia, si sa, nasconde alcuni angoli che vanno smussati attraverso l'alta formazione che vede nascere nuove figure professionali e tecniche maggiormente ricercate dalle strutture e dal territorio, ormai affamato di bellezza da offrire. Sotto tutti questi migliori auspici è nata a Manfredonia la nuova sede targata ITST (Istituto Tecnico Superiore per l'Industria e l'Ospitalità e del Turismo Allargato) grazie alla costanza e all'impegno del dott. Matteo Robustella, direttore del nuovo e primo corso "Food & Beverage Experience Management" iniziato presso la stessa sede manfredoniana. Ho incontrato il direttore per rivolgergli alcune domande circa la novità formativa interessante per il territorio non solo di Manfredonia.

In cosa consistono questi nuovi corsi di alta formazione e perché possono contribuire alla crescita di un intero territorio?

«Si tratta di corsi gratuiti per gli iscritti in quanto finanziati dalla Regione Puglia e dal Ministero dell'Istruzione, per tale ragione l'accesso avviene tramite selezione che consiste in test scritto, colloquio orale e valutazione dei titoli già in possesso. Questo primo anno di attività a Manfredonia sono stati ammessi 24 aspiranti al Diploma di Tecnico Superiore rilasciato dal Miur, il corso punta a formare un profilo che opera in veste di Esperto del Turismo Enogastronomico, riuscendo a gestire e coprire molte attività legate alla ristorazione. In particolare, la figura formata deve essere in grado di organizzare e coordinare vere esperienze enogastronomiche all'interno di strutture alberghiere, ristoranti di alto livello o presso tour operator e aziende agrituristiche o agroalimentari. essere preparati e formati significa essere in grado di offrire al territorio un vantaggio competitivo maggiore e quindi un'occasione di crescita economica dovuta al potenziamento di una vasta offerta già presente, ma meglio impostata».

Qual è la particolarità di questi corsi nuovi e stimolanti sul territorio di Capitanata?

«Senza dubbio la caratteristica che li contraddistingue è data dal fatto che si tratta di corsi aventi un certo monte ore non solo in aula, ma anche on stage, ci si può arricchire e sperimentare il grado di competenze acquisite direttamente all'interno di aziende partners importanti e riconosciute sul territorio, un lavoro nuovo fatto di reti, passione e conoscenza della propria terra e di tutto ciò che di buono può offrire a chi è in visita».

Lavorare nel mondo della formazione richiede generosità di intenti e comunione di vedute, chi sono i docenti che fanno parte del progetto?

«I docenti sono veri esperti, a seconda della materia di propria competenza e sono stati scelti su attenta valutazione di titoli, numero di anni esperienziali e provengono dal mondo delle professioni, nonché dall'Università. Il loro impegno è importante per riuscire a rappresentare a ogni corsista la meta da raggiungere anche attraverso nuove metodologie didattiche funzionali alla gestione e all'apprendimento della materia».

Concepire una nuova idea di Turismo Allargato in Puglia, in particolare in Capitanata significa mettere in campo le risorse migliori per rendere valevole sotto più aspetti la nostra terra, fatta di persone, valori, prodotti, territorio e tanta bellezza che possa rendere la nostra amata Puglia sempre viva e ricca di stabilità economica anche per chi sceglie di non abbandonarla.




Turismo Puglia
  • Puglia
  • Regione Puglia
  • turismo
Altri contenuti a tema
Cerignola sul rotta della via Francigena, il messaggio dell'assessore Bruno Cerignola sul rotta della via Francigena, il messaggio dell'assessore Bruno «Siamo molto orgogliosi che anche Cerignola faccia parte dell'Itinerario culturale del Consiglio d'Europa»
Regione Puglia, indiscrezioni su Emiliano: verso il “no” al terzo mandato? Regione Puglia, indiscrezioni su Emiliano: verso il “no” al terzo mandato? Le prossime elezioni avranno ripercussioni sugli assetti regionali: cosa potrebbe cambiare
Turismo in Puglia: meno russi, più americani, europei e turisti dell’Est Turismo in Puglia: meno russi, più americani, europei e turisti dell’Est Anche il settore turistico rispecchia le conflittualità in atto
Un progetto per estendere la rete idrica a Borgo Tressanti e Posta Angeloni Un progetto per estendere la rete idrica a Borgo Tressanti e Posta Angeloni La Regione Puglia interviene con un contributo straordinario per sopperire all’emergenza
Test Covid, la regione Puglia è in debito per dieci milioni Test Covid, la regione Puglia è in debito per dieci milioni La denuncia arriva dai vertici regionali di Forza Italia
Regione Puglia: bando restauro e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale Regione Puglia: bando restauro e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale C’è tempo fino al 29 Luglio per candidarsi
Regione Puglia, 2 milioni di euro in arrivo ai Comuni per risolvere il problema dei rifiuti abbandonati Regione Puglia, 2 milioni di euro in arrivo ai Comuni per risolvere il problema dei rifiuti abbandonati Il Comune di Cerignola ha i requisiti per accedere all’avviso pubblico: un’occasione imperdibile
Cerignola, l’Asl Fg e le visite gratuite per donne: lettere scadute e numero non attivo Cerignola, l’Asl Fg e le visite gratuite per donne: lettere scadute e numero non attivo Lo sfogo sui social: “E’ tutto un bluff, alla fine ci tocca farle a pagamento”
© 2001-2023 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.