Castellano Udas
Castellano Udas
Basket

L'Udas Basket lotta ma cade a Pescara, 77-69 per i padroni di casa

Buona prova dei cannibali nonostante la battuta d'arresto

Non basta un buona prova complessiva dei cannibali di coach Marinelli in quel di Pescara, dove dentro le mura del PalaElettra, sono i padroni di casa a spuntarla dopo quaranta minuti di gara. I biancazzurri ofantini, scendono in campo privi di Sabbatino e Raicevic, assenti per motivazioni fisiche. Nonostante la sconfitta, però, c'è una nota lieta da cui ripartire in casa Udas: il rientro di Gianluca Tredici, il capitano di mille battaglie che, seppur al rientro dopo qualche mese, sfoggia una bella prestazione da 12 punti. In evidenza anche Gambarota e Colonnelli che sfoggiano una superba prestazione nella sfida in terra adriatica, con il primo davvero in una forma eccelsa.

Il match inizia con l'ottimo atteggiamento dei cannibali che conquistano un primo vantaggio ad inizio periodo. Pescara dopo il primo break ospite prende in mano il match: Leonzio e D'Eustachio sono già "on fire", i biancazzurri cerignolani rispondono debolmente con quattro punti di fila, ma Pescara con i suoi tiratori è brava a tenere le distanze: 25-13 al suono della prima sirena.
Pescara, nel secondo periodo si spegne leggermente, lasciando spazio alle sortite offensive di Ippedico, Kushchev e, soprattutto, Colonnelli, abile ad approfittare degli spazi lasciati dai locali ed a colpire con due triple consecutive, l'Udas ritorna in gara quando il punteggio segna il 29-27. Il rientro in campo dei titolari permette a Pescara di continuare il gioco proposto nei primi dieci minuti, Leonzio è incontenibile e i biancorossi vanno ancora sul +7. La truppa di coach Marinelli, non molla l'inerzia del match e, complici le distrazioni degli adriatici, piazza ancora un break importante ad una manciata di secondi dall'intervallo lungo: sarà 37-37 al termine del primo tempo.

Al rientro dagli spogliatoi i ritmi sono indiavolati: poca precisione negli attacchi e tanta lotta sul parquet. Le due compagini non vogliono assolutamente mollare questi due punti. Il primo allungo del terzo quarto lo firmano i locali con Caverni e Drigo, un 46-41 subito ripreso dai biancazzurri grazie alla tripla di Mattia Marchetti. L'equilibrio sul punteggio è ristabilito, i cannibali mostrano la loro parte migliore di questo inizio di serie B, ovvero la difesa, la gabbia creata appositamente per gli attacchi pescaresi si rivela una mossa importante: Pescara sbaglia parecchio, gli ofantini ne approfittano rosicchiando qualche punto, chiudendo il penultimo periodo sul meno uno. 55-54 per l'Amatori Basket all'alba dell'ultimo quarto.

L'inizio del quarto periodo vede Pescara provare l'allungo decisivo: sono le triple di Bini e Leonzio a portare un buon break iniziale agli uomini di coach Rajola, unitamente agli errori dalla lunetta degli ospiti che, con Tredici, non riescono a frenare l'intensità dei locali, 65-56 per Pescara e match che sembra già in archivio. L'Udas non accetta l'idea di fare da sparring partner e si getta ancora sulla retroguardia ospite, la foga biancazzurra tiene i cannibali agganciati al treno del match, provando una rimonta finale che avrebbe del sensazionale: la troppa foga, però, gioca brutti scherzi a Ippedico & company che non sono chirurgici dalla lunetta e, soprattutto, vengono pescati spesso in azioni fallose nella metà campo avversaria, così da vanificare ogni tentativo di ritorno. La girandola finale dei falli sistematici, con l'ottimo Bini ai liberi ed i cinque punti di Leonzio, fanno scappare i biancorossi adriatici.

I locali sono chirurgici dalla lunetta e, al termine del match, portano in cascina due punti che permettono l'aggancio al secondo posto, in coabitazione con Campli. Termina 77-69 al PalaElettra di Pescara, con l'Udas che, con tanti rimorsi, vede arrivare un'altra sconfitta in questa Serie B Old Wild West, nonostante la buona prova sfoggiata nel palazzo biancorosso. I troppi errori dalla lunetta e la libertà concessa ai tiratori locali hanno fatto il resto.

Ora testa al prossimo impegno casalingo, domenica 3 dicembre al Paladileo, contro l'ostica Malloni Basket Porto Sant'Elpidio.

Tabellini:
Amatori Pescara - Udas Cerignola 77-69 (25-13; 37-37; 55-54)

AMATORI BK PESCARA: D'Eustachio 7, Grosso, Drigo 17, Bini 10, Bedetti ne, Caverni 5, Pagliaroli ne, Capitanelli 15, Boscherini ne, Leonzio 21, Mordini ne, Del Sole 2. All: Stefano Rajola

UDAS BK CITTÀ DI CERIGNOLA: Colonnelli 15, Gambarota 18, Marchetti 7, Ippedico 10, Dimmito ne, Tredici 12, Kushchev 5, Sabbatino ne, Grittani ne, Markus 2, Raicevic ne. All: Luig
i Marinelli

Alfonso Divito | Addetto Stampa Udas Basket Città di Cerignola
© 2001-2022 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.