obbligo pos
obbligo pos
Attualità

Obbligo di accettare i pagamenti con Bancomat e carta di credito: scattano le sanzioni dal 30 Giugno

Per alcuni esercenti di Cerignola si tratta di un provvedimento che penalizza ulteriormente il commercio

A partire dal 30 Giugno per i titolari di attività commerciali, compresi i tassisti e i liberi professionisti, scatta la "doppia sanzione" nel caso in cui non accettino pagamenti effettuati con Bancomat e carta di credito. Il provvedimento è stato previsto dal decreto legge n.36, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 Aprile scorso, che ha anticipato dal 1° Gennaio 2023 al prossimo 30 Giugno 2022 le sanzioni per coloro che rifiutano i pagamenti con il Pos.

L'obbligo fa parte delle misure messe in atto per ridurre l'utilizzo del contante previste nel Piano Nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr).

Nello specifico, la sanzione ammonta a 30 euro, a cui si deve aggiungere il 4% del valore della transazione rifiutata. Ecco perché viene chiamata "doppia sanzione". La sanzione va applicata sia ai titolari di attività che vendono prodotti al pubblico, sia a coloro che offrono servizi.

Di conseguenza, sono obbligati anche tassisti e altri liberi professionisti.

Alcuni esercenti di attività commerciali a Cerignola hanno voluto dire il proprio punto di vista sull'argomento. "L'obbligo del Pos può pure essere giustificato, ma non dovrebbero esserci commissioni bancarie, altrimenti il sospetto che vi siano accordi per far arricchire sempre più le banche e impoverire il resto del Paese è più che legittimo", dichiara un commerciante di prodotti per l'igiene della casa.

"Questo è un altro passo in più verso la sparizione del denaro contante. Tra qualche anno, con il controllo digitale, saremo tutti "schedati" e tenuti sotto smacco", commenta un altro, titolare di un bar ben avviato.

C'è chi paventa la "scappatoia" del guasto tecnico per sfuggire ad ogni controllo. Basterà esibire "apparecchio guasto" sulla macchinetta del Pos ed il gioco è fatto. Chi si prenderà la briga di controllare che sia davvero così?

"Quando vado in alcuni posti so già che non accettano pagamenti con il Pos perché, da secoli, l'apparecchio è rotto. Prevedo che in molti lo faranno per aggirare questo ulteriore obbligo vessatorio!", dichiara Carlo, che non ha un'attività commerciale, ma è un semplice fruitore di beni e servizi cittadini.
  • bancomat
Altri contenuti a tema
Assalto ai bancomat, sgominata una banda Assalto ai bancomat, sgominata una banda Agivano con esplosivo nella provincia di Chieti. Quattro arresti, un pregiudicato di Foggia e tre di Orta Nova
Criminalità, tre arresti e un ricercato tra Puglia e Basilicata Criminalità, tre arresti e un ricercato tra Puglia e Basilicata Sgominata banda che assaliva bancomat anche nel Foggiano
Criminalità, nel mirino banda responsabile di assalti a bancomat nel Foggiano Criminalità, nel mirino banda responsabile di assalti a bancomat nel Foggiano Vasta operazione della polizia in Puglia e Basilicata
© 2001-2022 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.