Antonio di Biase
Antonio di Biase
Cronaca

SanitaService, Di Biase deve risarcire la ASL

A stabilirlo è stata la Corte dei Conti che ha disposto il risarcimento alla ASL per circa 480 mila euro. Spese folli e compensi non dovuti

Antonio Di Biase, ex Amministratore Unico della SanitaService dovrà restituire alla ASL circa 480 mila euro. A stabilirlo è stata la Corte dei Conti.

Nel mese di Novembre 2018 fu eseguito dalla Guardia di Finanza di Foggia un decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP di Foggia nei confronti di Antonio Di Biase, al fine di confiscare circa 500 mila euro.

Furono le attività di indagine in materia di reati contra la Pubblica Amministrazione, una messa in atto dalla Procura della Repubblica di Foggia nel mese di febbraio 2019, l'altra richiesta dalla Procura Contabile, a far scaturire il provvedimento cautelare nei confronti Di Biase. Le indagini sono state fatte esaminando l'arco temporale che va dal 2011 al 2016 dove è emerso che l'Amministratore Unico della SanitaService distrasse somme di denaro par a circa 500 mila euro il cui utilizzo risulta essere per fini personali e non riconducibili alla azienda.

Sono emersi, nei 5 anni in oggetto, compensi non dovuti pari ad oltre 150 mila euro, spese di rappresentanza, spese di carburante, cene, costumi da bagno, pernottamenti in alberghi di lusso acquisto di gioielli, tutte spese che non rientrano affatto nell'oggetto sociale della SanitaService, nella mission dell'ente.

Queste accuse furono respinte da Antonio Di Biase che rispose a tutti i punti contestati ma la Corte dei Conti ha respinto ogni giustificazione sentenziando il risarcimento alla ASL.
  • notizie
  • Asl
  • Notizie Cerignola
  • Sanitaservice
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
Grano duro, stagione incerta: calo del 20-30% nei raccolti Grano duro, stagione incerta: calo del 20-30% nei raccolti Preoccupazioni in provincia di Foggia, nel Barese e nella BAT, incognita redditività
Zone F,  Vincenzo Specchio non hai mai espresso voto contrario Zone F, Vincenzo Specchio non hai mai espresso voto contrario Nelle sedute di Consiglio Comunale in cui si è deliberato sulle zone F Vincenzo Specchio non ha mai votato contro, si è sempre astenuto
Coronavirus,  bollettino epidemiologico della Regione Puglia Coronavirus, bollettino epidemiologico della Regione Puglia Nelle ultime 24 ore solo 2 positivi in Regione. 3 i decessi
Covid-19, Cerignola fra i comuni inseriti nell'indagine sierologica Covid-19, Cerignola fra i comuni inseriti nell'indagine sierologica Sono in totale 96 i comuni pugliesi, 14 della provincia di Foggia e, tra questi, Cerignola
La salute: bene globale La salute: bene globale Iniziativa dell’Ufficio Diocesano per i Problemi Sociali e il Lavoro
È pronta la app “Immuni”, sperimentazione in Puglia da metà giugno È pronta la app “Immuni”, sperimentazione in Puglia da metà giugno Per la zona meridionale è stata scelta la Puglia come luogo di avvio del "contact tracing" a mezzo digitale. Sperimentazioni anche in Abruzzo e Liguria
Questa sera sanificazione in Zona Industriale Questa sera sanificazione in Zona Industriale A comunicarlo è Claudio Dilernia Coordinatore della Federazione "Insieme per Cerignola”. La sanificazione avverrà in zona industriale e a Cerignola Campagna
Zone F, la Lega disse no in Consiglio Comunale Zone F, la Lega disse no in Consiglio Comunale Vincenzo Specchio: “Saturati illegittimamente gli spazi pubblici causando la scomparsa dei negozi e dei pubblici esercizi di vicinato"
© 2001-2020 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.