Giuseppe Crudele. <span>Foto Vito Monopoli</span>
Giuseppe Crudele. Foto Vito Monopoli
Calcio

Coronavirus: il ritorno a casa di Pinuccio Crudele

L’intervista: “Sono stati giorni difficili. Ringrazio tutti dai medici a chi non mi ha fatto mai sentire solo”

Elezioni Regionali 2020
Dopo 21 lunghissimi giorni, Giuseppe Crudele (per tutti Pinuccio) è tornato a casa. Finalmente!

E il graduato ritorno alla normalità ha le sembianze di sua moglie e suo figlio Gianni. È per loro il primo pensiero: "Mi sono mancati tantissimo. Quando ero in ospedale pensavo sempre a loro. Adesso, rivederli con me a casa, è una grandissima emozione. Non vi nascondo che tutt'ora, appena li vedo, mi commuovo". La voce è limpida seppur emozionata, il tono pacato e gioioso. Pinuccio, agente della polizia municipale ma anche storico allenatore della juniores dell'Audace Cerignola, era stato ricoverato lo scorso 17 marzo presso gli Ospedali Riuniti di Foggia per positività al Covid-19. "Ricordare quei giorni non è facile. Ero svenuto e mi hanno portato a Foggia. Avevo un po' di febbre, faticavo a respirare e mi hanno fatto il tampone che poi è risultato positivo. Quindi sono stato trasferito prima in rianimazione e poi nel reparto infettivo". 21 giorni trascorsi tra paure, pensieri e speranze. "I primi giorni sono stati davvero difficili perché ti rendevi realmente conto di quello che stava accadendo anche osservando gente che stava male. Purtroppo ho visto una persona che è morta. Ho pregato tanto senza mai perdere la speranza di poter vincere questa partita contro un avversario invisibile". Al termine della prima settimana, ecco la lenta e graduale ripresa: "Dopo i primi sette giorni la terapia ha cominciato a fare il suo corso e finalmente mi sentivo già molto meglio. Ringrazio tutti i medici e gli infermieri che mi hanno curato. Sono da dieci e lode innanzitutto perché rischiano la vita per tutti e noi e poi perché anche con battute non mi hanno mai fatto pesare la situazione. Li ringrazierò sempre". E sono stati proprio i medici ad informare il tecnico gialloblù che la famiglia Grieco ha donato in quei giorni un ventilatore per il Centro Provinciale COVID di Foggia e due apparecchiature di ultimissima generazione per l'ospedale 'Tatarella' di Cerignola. "È stata una notizia bellissima che mi ha reso orgoglioso".

E allora il connubio Grieco-Audace viene facile. Perché mister Crudele vive anche di campo e calcio. Allenatore storico della juniores gialloblù, tantissimi titoli conquistati e anche l'esperienza da primo allenatore per quattro giornate in Eccellenza:"Come sapete il calcio ma sopratutto l'Audace sono una parte importante della mia vita. Tornando a casa, ho rivisto il Monterisi dopo tanto tempo e mi sono commosso. Mi manca tanto e spero si possa tornare a giocare presto a patto che ci siano le condizioni giuste per farlo". La salute in primis perché con il Covid-19 non si scherza, parola di mister Crudele: "All'inizio pensavo fosse un qualcosa che non ci avrebbe mai toccato, né tanto meno pensavo potessi risultare io positivo. Poi quando invece sei coinvolto in prima persona è tutto diverso. Ecco perché bisogna rispettare il protocollo e restare a casa per se stessi e per tutta la comunità, perché seppur invisibile il coronavirus è una brutta bestia da combattere".

Quella "bestia" che mister Crudele è riuscito a sconfiggere con forza, volontà e determinazione:"Sono contento di essere riuscito a vincere contro un'avversario così temibile. Colgo l'occasione per ringraziare le persone che mi hanno riempito di chiamate e messaggi. Da Trento fino a Cagliari sono state davvero tantissime le persone che hanno avuto un pensiero per me. Famigliari, tifosi, amici, colleghi a tutti voi dico grazie perché non mi avete mai fatto sentire solo".

Ora per Pinuccio la vita ricomincia con lo stesso spirito di sempre e l'invito a restare a casa che magari, detto da un simbolo che il dannato virus può essere sconfitto, vale ancora di più.
  • Crudele
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Covid-19, la richiesta di Emiliano ai Prefetti pugliesi: “Intensificate i controlli” Covid-19, la richiesta di Emiliano ai Prefetti pugliesi: “Intensificate i controlli” Emiliano ha chiesto Prefetti pugliesi di tenere d’occhio la movida e le spiagge. Pierluigi Lopalco chiede maggior senso di responsabilità
Coronavirus,  bollettino epidemiologico della regione Puglia Coronavirus, bollettino epidemiologico della regione Puglia Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 11 casi positivi di cui 3 nella nostra provincia
Dallo spazio alla puglia per affrontare il virus:  in arrivo il progetto Telemachus Dallo spazio alla puglia per affrontare il virus: in arrivo il progetto Telemachus Progetto di telemedicina co-finanziato dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) che verrà testato in Puglia e dallo Spallanzani di Roma. Coinvolti ASL Bari, Policlinico Riuniti di Foggia
Coronavirus,  bollettino epidemiologico della regione Puglia Coronavirus, bollettino epidemiologico della regione Puglia Diminuiscono i contagi in Puglia, oggi 7 positivi di cui 1 nella nostra provincia
Prima fabbrica pubblica di DPI in Puglia Prima fabbrica pubblica di DPI in Puglia A Bari parte la produzione nel plesso industriale di Via Corigliano divenuto proprietà della regione
Il cielo unisce tutti, il breve racconto di Barbara dopo tre quarantene Il cielo unisce tutti, il breve racconto di Barbara dopo tre quarantene Barbara è una nostra concittadina che porta i segni di tre quarantene fiduciarie. Il proprio papà positivo al COVID, poi il collega d’ ufficio, infine il nipote
C’eravamo, ci siamo e ci saremo C’eravamo, ci siamo e ci saremo Il video del team delle Malattie Infettive del Policlinico Riuniti di Foggia e la testimonianza di un’infermiera di prima linea come inno alla vita, oltre le paure e le difficoltà
Bollettino epidemiologico della regione Puglia Bollettino epidemiologico della regione Puglia Aumentano i positivi, oggi 23 di cui 9 nella nostra provincia. La ASL Foggia dichiara che nessuno è in gravi condizioni
© 2001-2020 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.