Bambina Convengo bullismo e internet uso e abuso della rete
Bambina Convengo bullismo e internet uso e abuso della rete
Territorio

Inchiesta: Il fenomeno del bullismo a Cerignola – Parte 4

Gli aspetti legali e giudiziari del fenomeno analizzati con l'aiuto dell'Avv. Giovanni Quarticelli

Il quarto e ultimo articolo dell'inchiesta sul bullismo riguarda l'ambito legale e giudiziario, con particolare riferimento alla nostra realtà.
Per affrontare un argomento così delicato, abbiamo chiesto aiuto all'Avv. Giovanni Quarticelli, che in passato si è occupato di casi inerenti questo tema.

Prima di tutto, va precisato che non esiste attualmente una fattispecie autonoma di reato per il bullismo; tuttavia, gli atti di bullismo possono configurare diversi reati penali, come: percosse o lesioni, offese (ingiuria o diffamazione), minacce, danni alle cose, molestie o disturbo alle persone. Spesso, l'atto di bullismo viola sia la legge penale che quella civile, il che può dar luogo a due processi diversi (penale e civile). Per quanto riguarda le responsabilità del bullo minorenne, va detto che non vanno ricercate solo nell'adolescente (fra i 14 e i 18 anni) capace di intendere e di volere, ma anche nei genitori (culpa in educando) e, nel caso di atti avvenuti a scuola, negli insegnanti (culpa in vigilando) e nell'organizzazione scuola (culpa in organizzando). Le tipologie di danno risarcibili dal processo civile sono il danno morale, il danno biologico e quello esistenziale. Il processo penale può portare a reclusione, pena pecuniaria o altre sanzioni, come attività socialmente utili.

Fatta questa premessa che, per ovvi motivi, non può essere del tutto esaustiva (il fine dell'inchiesta è fare un quadro del fenomeno a Cerignola), analizziamo la situazione locale con l'Avv. Quarticelli:

"Il fenomeno del bullismo a Cerignola ha una grande rilevanza a livello sociale, ma scarsa a livello giudiziario. Questo perché i casi effettivi sono tanti, ma quelli denunciati (a un organo di polizia o all'autorità giudiziaria) sono pochissimi. A causa di retaggi culturali medioevali, si tende a risolvere certe situazioni "all'interno": spesso gli adolescenti che compiono atti di bullismo sono figli di persone con precedenti penali, che hanno le spalle coperte. E' difficile pensare che gente di questo tipo possa temere denunce nella omertosa Cerignola. In altri casi, si cerca di trovare una risoluzione, un "accordo" interno, senza far trapelare all'esterno determinate notizie. Probabilmente, con una definizione legislativa più puntuale e un inasprimento delle pene, si potrebbe prevenire di più o comunque contenere il fenomeno.
Va sottolineato, peraltro, che non è possibile affrontare il tema del bullismo, nel nostro territorio, allo stesso modo in cui viene affrontato in un'altra realtà italiana, magari del nord, dove non c'è la stessa omertà e le denunce sono più frequenti.
Trattasi, ad ogni modo, di un fenomeno assolutamente criminale, che a volte porta a conseguenze gravissime: non sono isolati, nella provincia di Foggia, casi di ragazzi che sono arrivati a togliersi la vita dopo aver subito atti di bullismo, casi che ovviamente non erano stati denunciati.
A volte, invece, quello che può sembrare bullismo a tutti gli effetti viene configurato dai giudici in un altro modo: c'è stato il caso di un ragazzino che ha subito continui e abituali furti, di diversa entità, da parte di bulli adolescenti, e successivamente il caso è stato considerato dal giudice come un reato di rapina e non bullismo."

Con oggi chiudiamo la nostra inchiesta su questo delicato tema. Come già precisato, il fine della stessa era sensibilizzare e fare informazione su un argomento per cui, purtroppo, le bocche rimangono troppo spesso cucite. Speriamo di aver fatto del nostro meglio; intanto, ringraziamo nuovamente le persone che, a vario titolo, hanno contribuito alla riuscita dell'inchiesta.
  • inchiesta
  • bullismo
Altri contenuti a tema
Bufera a Cerignola: la GDF smaschera maxi frode, coinvolte persone note in città Bufera a Cerignola: la GDF smaschera maxi frode, coinvolte persone note in città Le indagini sono partite nel 2021, tra le venti persone arrestate anche un poliziotto
A Cerignola il progetto “Stop Bullying” contro bullismo e cyberbullismo A Cerignola il progetto “Stop Bullying” contro bullismo e cyberbullismo L'inziativa di socialservice.it sarà presenta domani nel corso di un workshop
Morte di Pia Patruno e Rosario Mancino: indagati due bagnini con accusa di omicidio colposo Morte di Pia Patruno e Rosario Mancino: indagati due bagnini con accusa di omicidio colposo Secondo il Sostituto Procuratore Massimiliano Carducci non avrebbero prestato tempestivamente i soccorsi
“Stop Bullying – Safe School Zone” a oggi a Carapelle “Stop Bullying – Safe School Zone” a oggi a Carapelle Carapelle ospita il penultimo workshop di “Stop Bullyng”. Esperti e genitori a confronto
A Stornara terzo workshop formativo di “stop bullying” A Stornara terzo workshop formativo di “stop bullying” Nasce una rete istituzionale contro il bullismo
Prevenzione e informazione su Bullismo e Cyberbullismo Prevenzione e informazione su Bullismo e Cyberbullismo “Stop Bullyng – Safe School Zone” a Orta Nova finanziato dal Piano Sociale di Zona di Cerignola e dei Cinque Reali Siti
Cerignola, il 16 Giugno workshop anti-bullismo Cerignola, il 16 Giugno workshop anti-bullismo Un'intera mattinata dedicata al bullismo organizzata dal Maestro Cosimo Laguardia
Progetto anti-bullismo alla Sala Conferenze di Ex Opera Progetto anti-bullismo alla Sala Conferenze di Ex Opera Il workshop gratuito sul bullismo si terrà giovedì 16 giugno
© 2001-2024 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.