Nicola Netti
Nicola Netti

Nicola Netti su Giudice di Pace Cerignola: “Il Comune garantisca adeguati servizi”

Il consigliere comunale di Fratelli d’Italia ha presentato un’interrogazione consiliare sull’argomento

«Il Comune doti di personale l'Ufficio del Giudice di Pace, per scongiurarne la chiusura con grande disservizio per cittadini e operatori del settore». È questo l'auspicio del consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Nicola Netti, che nei giorni scorsi ha presentato un'interrogazione consiliare, a difesa dell'ultimo presidio di giustizia e legalità sul territorio, dopo che il Governo Monti nel 2011 privò Cerignola del tribunale.

Undici anni fa, si assistette alla soppressione di oltre 660 uffici del Giudice di Pace, di 220 sezioni distaccate di tribunale e di 31 tribunali, con conseguente riduzione del numero degli uffici ordinari, rideterminazione delle piante organiche e redistribuzione del personale di magistratura e amministrativo. «Non senza fatica – ricorda Netti – l'amministrazione di centrodestra salvò l'Ufficio del Giudice di Pace, facendosi carico della gestione dei locali siti in via Giovanni Falcone e del fabbisogno di personale, attingendo dalle professionalità operanti in Comune».

Successivi trasferimenti, reintegri e pensionamenti hanno lasciato l'ex tribunale con soli 2 amministrativi, con conseguente inefficienza del servizio per le tante pratiche evase da scarso personale.

«Oltre a comportare un pesante disagio per avvocati, magistrati ma soprattutto cittadini – osserva il consigliere di Fratelli d'Italia – serve scongiurare la paralisi, che sia dovuta ad ispettive ministeriali sull'efficienza dell'Ufficio o che sia dovuta al sovraccarico di lavoro. Per questo mi auguro che l'amministrazione operi in maniera incisiva, fornendo il personale necessario».
  • consigliere comunale
Altri contenuti a tema
Caso Tarsu, per la Procura "un disegno criminoso" Caso Tarsu, per la Procura "un disegno criminoso" Ballatore verso le dimissioni da consigliere?
Accuse agevolazioni Metta. Scrivono anche Ciani e Lepore Accuse agevolazioni Metta. Scrivono anche Ciani e Lepore L’accusa del PD, si legge, “è imbarazzante”. La nota della capogruppo e della consigliera di maggioranza è indirizzata al PD. “Il PD ha ancora bisogno della Gentile”.
© 2001-2023 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.