Il premier Conte
Il premier Conte
Attualità

No alle feste private, sport amatoriali e viaggi di istruzione: ecco il nuovo dpcm

Raccomandato l'uso di mascherine anche in casa

Il nuovo DPCM per contrastare l'emergenza epidemiologica legata al Coronavirus sarebbe ormai realtà. Conte, dopo diverse riunioni tenute con le parti in causa nella giornata di ieri, avrebbe firmato il testo stanotte, anche se al momento non è ancora in Gazzetta Ufficiale, e non si sa con certezza da quando le nuove misure restrittive entreranno in vigore.

Due le principali novità introdotte, ovvero il divieto di tenere feste private sia in casa che nei locali, eccezion fatta per quelle legate alle cerimonie come matrimoni, battesimi, cresime e comunioni. In questo caso però ci sarà un limite di partecipanti pari a 30 persone. Inoltre, per quanto riguarda le abitazioni private: «È fortemente raccomandato di evitare feste, nonché di ricevere persone non conviventi di numero superiore a 6. Sono consentite le manifestazioni fieristiche ed i congressi».

E stop a tutti gli sport amatoriali di contatto, come il calcetto. Per quanto riguarda invece gli stadi e i palazzetti dovrebbe essere introdotta una percentuale massima di riempimento del 15% rispetto alla capienza totale, e comunque non oltre il numero massimo di 1000 spettatori per manifestazioni sportive all'aperto e di 200 spettatori per manifestazioni sportive in luoghi chiusi.

In merito alle mascherine, il decreto recepisce le indicazioni già date, sottolineando che è fortemente raccomandato di indossare i DPI anche in casa, nella situazione in cui ci si trovi ad ospitare persone non conviventi.

Sospesi i viaggi d'istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche, ma al momento è stata rigettata l'idea di un ritorno alla didattica a distanza, nonostante le ipotesi in merito ventilate nei giorni scorsi per le scuole secondarie di secondo grado, e nonostante l'aumento dei contagi all'interno degli istituti.

Le attività di ristorazione e i bar dovranno chiudere alle 24, ma alle 21 ci sarà lo stop alla consumazione di bevande o altro all'esterno dei locali per cui chi non ha servizio al tavolo dovrà vietare la consumazione all'esterno e fare solo asporto.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Emergenza Covid: nel nuovo DPCM stop a ristoranti-bar dopo le 18 Emergenza Covid: nel nuovo DPCM stop a ristoranti-bar dopo le 18 Stop a ristoranti-bar dopo le 18, nessun divieto alla circolazione. Possibile stop all'attività di palestre, piscine e sale giochi e spostamenti tra regioni
Coronavirus, bollettino epidemiologico del 24 ottobre 2020 Coronavirus, bollettino epidemiologico del 24 ottobre 2020 Picco di contagi in Puglia, oggi sono 631 i casi positivi di cui 123 in provincia di Foggia. 10 i decessi di cui 1 nella nostra provincia
Coronavirus, Emiliano: "Servono misure severe in tutta Italia" Coronavirus, Emiliano: "Servono misure severe in tutta Italia" Lopalco: "dobbiamo comportarci come se fossimo in lockdown "
Coronavirus, bollettino epidemiologico del 23 ottobre Coronavirus, bollettino epidemiologico del 23 ottobre Sale drammaticamente il numero dei contagiati in Puglia, oggi 590 positivi di cui 176 in provincia di Foggia
Coronavirus,  report settimanale dei ricoveri Coronavirus, report settimanale dei ricoveri Al Policlinico Riuniti di Foggia i ricoverati sono 91
Piano antiassembramento del cimitero comunale e del centro urbano Piano antiassembramento del cimitero comunale e del centro urbano La Commissione Straordinaria emette ordinanza
Coronavirus,  bollettino epidemiologico  del 22 ottobre Coronavirus, bollettino epidemiologico del 22 ottobre Sono 485 i casi positivi registrati oggi in Puglia, 132 nella provincia di Foggia
Sospese le lezioni in presenza per gli ultimi tre anni di superiori a partire da lunedì Sospese le lezioni in presenza per gli ultimi tre anni di superiori a partire da lunedì Lo decide il presidente della Regione Puglia mediante ordinanza regionale n. 397
© 2001-2020 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.