Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
Cronaca

Arrestato in flagranza di reato un usuraio di Cerignola

Le indagini sono partite dalla denuncia di un imprenditore di Trani. Le Fiamme Gialle hanno accertato l'applicazione di tassi d'interesse del 180%

Tratto in carcere, in flagranza di reato di usura aggravata, un cerignolano 53enne. Al termine di complesse indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Trani, V.D.V. (classe 1968) residente a Cerignola, è finito in manette.

Le attività investigative sono state avviate nel maggio scorso, quando un imprenditore di Trani, operante nel settore calzaturiero, si è presentato presso gli uffici del predetto Reparto, denunciando di essere caduto nella morsa dell'usura. L' imprenditore ha riferito agli investigatori del Gruppo Tutela Mercato Capitali - articolazione specializzata nell'accertamento e nella repressione del reato di usura - che nel 2015, versando in gravi difficoltà finanziarie, si era rivolto a un usuraio di Cerignola (FG) ottenendo il prestito di 50.000 euro. A causa della sfavorevole congiuntura economica, ulteriormente aggravata dall'emergenza epidemiologica da Covid 19, il debito dell'imprenditore è aumentato sensibilmente nel tempo, anche per effetto dell'applicazione di tassi di interesse usurari che hanno raggiunto il 180% su base annua. Gli immediati approfondimenti investigativi delle Fiamme Gialle baresi - eseguiti, su delega dell'A.G. tranese, mediante intercettazioni telefoniche e ambientali, videoriprese e pedinamenti - hanno consentito di verificare la fondatezza di quanto riferito dal denunciante e di documentare, in particolare, le insistenti richieste di denaro dell'usuraio, accompagnate da gravi ed esplicite minacce di violenza fisica rivolte alla sua vittima e ai suoi più stretti familiari.

Nello specifico, sono state ricostruite le condizioni del "patto usuraio", concepito e attuato in modo tale da precludere la possibilità di estinguere definitivamente il debito contratto. Attraverso il pagamento delle rate mensili, che hanno raggiunto l'ammontare di 26 mila euro, la vittima ha corrisposto i soli interessi usurari maturati, senza incidere sull'ammontare del finanziamento ricevuto che è, pertanto, restato inalterato nel tempo. Quando l'imprenditore ha richiesto di onorare definitivamente il proprio debito, l'usuraio - fingendo di assecondare tale esigenza - ha rinegoziato le condizioni del finanziamento, pretendendo, a saldo, la restituzione di una somma pari al doppio del prestito erogato, attraverso rate mensili dell'importo variabile dai 10 ai 16.000 euro. Secondo le risultanze investigative raccolte, a fronte del prestito - dilazionato nel tempo - di circa 650.000 euro, l'imprenditore sarebbe stato costretto a restituire all'usurario oltre 1,6 milioni di euro, obbligandosi al pagamento di rate mensili fino al 2026.
  • Guardia di finanza
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
La finanza sequestra immobili ad un pregiudicato di Cerignola La finanza sequestra immobili ad un pregiudicato di Cerignola I militari ritengono che l’uomo sia solidale al clan cerignolano dei Ditommaso
I finanzieri di Cerignola impegnati in un'operazione di contrasto alla malavita foggiana I finanzieri di Cerignola impegnati in un'operazione di contrasto alla malavita foggiana L'intervento è in corso in provincia di Foggia. Sequestrati appartamenti e denaro
Arrestato per usura un uomo residente a Cerignola Arrestato per usura un uomo residente a Cerignola Il fenomeno è cresciuto nel periodo della pandemia
Lavoro illegale e contraffazione, a Cerignola impegnata la Guardia di Finanza Lavoro illegale e contraffazione, a Cerignola impegnata la Guardia di Finanza Scoperti lavoratori in nero e apparecchiature senza marcatura CE
Automobili “cannibalizzate” per rivedere i ricambi, maxi sequestro a Cerignola Automobili “cannibalizzate” per rivedere i ricambi, maxi sequestro a Cerignola Il materiale veniva commercializzato anche sul web per un valore di oltre 3 milioni di euro
Furbetti del reddito di cittadinanza, denunciate 55 persone Furbetti del reddito di cittadinanza, denunciate 55 persone Tra loro anche lavoratori in nero a Cerignola
Scoperto deposito clandestino di alcol, nei guai due cerignolani Scoperto deposito clandestino di alcol, nei guai due cerignolani Sequestrati anche tre macchinari speciali utilizzati per il confezionamento dei prodotti
Bonito rifiuta l’indennità da Sindaco, Metta “ha fatto una cosa giusta” Bonito rifiuta l’indennità da Sindaco, Metta “ha fatto una cosa giusta” Come sarà organizzata l’opposizione mettiana. “Saremo opposizione esemplare. Non faremo lettere anonime, denunce intimidatorie, nessuna ripicca e ritorsione!”
© 2001-2022 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.