Pomodoro e uva
Pomodoro e uva

Prezzo del pomodoro e campagna dell’uva, trattative e allarmi della CIA

Prezzo del pomodoro, CIA Capitanata: "Trattativa estenuante, tempo scaduto". Campagna dell'uva: "Dall'Olanda uva egiziana a metà prezzo"

Elezioni Regionali 2020
"Ad oggi la parte agricola e la parte industriale non hanno ancora raggiunto un accordo sul prezzo del pomodoro nel Centro-Sud Italia. La trattativa sta diventando estenuante e ormai siamo oltre il tempo limite. Non possiamo permetterci di contrattare nella giungla del libero mercato". Lo afferma il presidente provinciale CIA Capitanata Michele Ferrandino. A ridosso della raccolta, produttori e industriali non hanno ancora trovato un'intesa. "La nostra richiesta è 115 euro a tonnellata per il pomodoro tondo e 125 euro a tonnellata per il pomodoro pelato - spiega il presidente Ferrandino - Il prezzo proposto dalle industrie è di 100 euro a tonnellata per il tondo e 105 per il pomodoro lungo".

CIA Capitanata ha partecipato alle riunioni dell'Organismo Interprofessionale del pomodoro da industria in videoconferenza durante il lockdown e in presenza il 15 giugno ad Angri (Salerno) e l'1 luglio per la costituzione del comitato di controllo. Nel bacino del Nord il prezzo è stato fissato già a febbraio. Di norma il contratto quadro al Centro Sud, che ha caratteristiche diverse, si chiude sempre al fotofinish, ma questa volta la trattativa appare particolarmente complicata e gli agricoltori si trovano in un pericoloso limbo. I tentativi finora esperiti non hanno prodotto gli effetti sperati. Peraltro, il boom delle vendite di trasformati del pomodoro durante il lockdown è un fattore che non può essere ignorato.
"È il momento della responsabilità. Possiamo raggiungere un accordo che soddisfi tutti gli attori della filiera - aggiunge il presidente regionale CIA Puglia Raffaele Carrabba - Come per il grano, che pur in presenza di un calo delle rese determinato dalle calamità naturali vanta una qualità che non possiamo svendere, così per il pomodoro abbiamo il dovere di restituire valore a un prodotto simbolo del made in Italy e della Puglia e di ricompensare adeguatamente il lavoro dei nostri agricoltori con un prezzo di riferimento congruo e una redistribuzione equa di quel valore all'interno della filiera".

Per quanto, invece, riguarda la campagna dell'uva la Cia comunica:

"Sarà una campagna dell'uva lacrime e sangue". È il grido d'allarme lanciato da Sergio Curci, responsabile regionale GIE Ortofrutta per CIA Puglia, e Lorenzo Colucci, rappresentante del Comitato Liberi Agricoltori e Commercianti di Puglia e Basilicata. La campagna dell'uva da tavola è appena iniziata e per i produttori e commercianti italiani, in particolare di Puglia, Basilicata e Sicilia, potrebbe essere già conclusa.
A chiudere le porte del mercato europeo è ancora una volta l'Olanda. Già responsabile per l'applicazione di un regime fiscale troppo favorevole che ha causato il trasferimento di alcune tra le più grandi imprese italiane in vari settori, adesso l'Olanda sferra un attacco al mercato dell'uva da tavola.
In questi giorni i Paesi Bassi hanno saturato il mercato europeo dell'uva da tavola con prodotto acquistato dall'Egitto, che viene venduto, già confezionato, al prezzo medio di 0,60 €/Kg, contro il prezzo medio di 1,20 €/Kg dei produttori e commercianti italiani.

"Non è possibile vendere le nostre uve ad un prezzo più basso di 1,20 €/kg, un prezzo peraltro appena sufficiente alla sola remunerazione dei costi", affermano congiuntamente Colucci e Curci.
L'Olanda ha stretto accordi commerciali con i produttori egiziani ed ha realizzato una grande piattaforma logistica di distribuzione del prodotto egiziano. Peraltro, l'Europa, irragionevolmente, ha investito grosse somme in Egitto con finalità di ricerca e per la realizzazione di nuovi impianti con varietà di uva da tavola innovativa, anche senza semi. Attualmente gli egiziani hanno una produzione di buona qualità ed ogni anno aumentano le proprie estensioni a frutto per migliaia di quintali.

Avvalendosi di una manodopera a costo bassissimo, l'Olanda può oggi distribuire sul mercato europeo una grande quantità di uva da tavola, con e senza semi, di buona qualità a prezzi stracciati ed improponibili per i produttori e commercianti italiani.

Al contrario dell'Olanda, che anche nel settore dell'agricoltura dimostra di avere un piano strategico, l'Italia abbandona i produttori e i commercianti di ortofrutta a se stessi.
Il Governo deve preoccuparsi di tutelare la produzione italiana, garantendo l'accesso al mercato Europeo.

"La politica è chiamata a dare un segnale forte per contrastare la concorrenza sleale. Se nessuno tutela le imprese e la produzione agricola italiana, a risentirne sarà l'intero tessuto economico - concludono Colucci e Curci - Serve un intervento in Europa, per impedire che queste pratiche possano danneggiare la produzione europea ed italiana, altrimenti non ci sarà più futuro per il settore. Il nostro appello è rivolto a tutti i rappresentanti della politica nazionali e agli europarlamentari affinché ascoltino il nostro grido di dolore e dopo tante parole seguano i fatti".
  • Uva
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
  • pomodoro
  • CIA
Altri contenuti a tema
Coronavirus, Pierluigi Lopalco spiega chi sono i “portatori” del virus Coronavirus, Pierluigi Lopalco spiega chi sono i “portatori” del virus Lopalco: “un soggetto positivo al virus ma che non esprime sintomi di malattia è tecnicamente un portatore che può essere un soggetto in incubazione”
Coronavirus,  bollettino epidemiologico della regione Puglia Coronavirus, bollettino epidemiologico della regione Puglia Nelle ultime 24 ore 12 positivi in regione di cui 3 nella nostra provincia. Le dichiarazioni del direttore della ASL Foggia
Pallavolo Cerignola, riconfermato mister Davide Castellaneta Pallavolo Cerignola, riconfermato mister Davide Castellaneta Il giovane tecnico di Gioia del Colle guiderà anche nella prossima stagione il team fucsia
Cerignola zona rossa? Solo nella mappa dei contagi Cerignola zona rossa? Solo nella mappa dei contagi In un momento così difficile e problematico occorre mettere in chiaro un punto fondamentale, Cerignola non è “Zona Rossa” ma zona geografica ad alto rischio così come da mappa dei contagi
Coronavirus, Il caos delle Ordinanze regionali Coronavirus, Il caos delle Ordinanze regionali Fitto replica ad Emiliano “Caos Ordinanze in Puglia!”. Stessa situazione a Cerignola, dobbiamo seguire l’Ordinanza della Commissione Straordinaria o quella di Emiliano?
Due nuovi acceleratori lineari  ad energia alta  e multipla al Policlinico Riuniti di Foggia Due nuovi acceleratori lineari ad energia alta e multipla al Policlinico Riuniti di Foggia Approvato progetto di riqualificazione e ammodernamento tecnologico dei servizi di Radioterapia oncologica di ultima generazione
Coronavirus,  bollettino epidemiologico della regione Puglia Coronavirus, bollettino epidemiologico della regione Puglia Nelle ultime 24 ore 16 nuovi positivi al Covid di cui 3 nella nostra provincia.
Trema la terra a Cerignola Trema la terra a Cerignola Lieve scossa di terremoto a Cerignola, magnitudo 1.9
© 2001-2020 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.