Antonio Decaro
Antonio Decaro
Attualità

37^ Assemblea Anci, Antonio Decaro: «Per battere il virus le istituzioni siano unite»

«Ripartiamo chiedendo scusa per le nostre mancanze. La nostra non è una sconfitta. L'Italia non si arrenderà. Tornerà l'Italia»

Il presidente dell'Anci, Antonio Decaro, Sindaco di Bari, aprendo la 37esima assemblea nazionale dei sindaci, ha esordito con queste parole:

«I cittadini possono sconfiggere il virus stando distanti, ma per noi istituzioni l'unica possibilità di sconfiggerlo è stare uniti. Senza distinzioni politiche, ideologiche, territoriali. Lo dobbiamo a noi stessi, ai nostri figli, al nostro Paese. Ma lo dobbiamo ancora di più a medici, infermieri, operatori sanitari e volontari che in questi mesi stanno dando al nostro Paese la loro vita, mostrandoci ogni giorno, dietro tute ingombranti e mascherine asfissianti, il significato delle parole: sacrificio, dedizione, professionalità e responsabilità».

Parole apprezzate e condivise dai partecipanti all'assemblea, parole che richiamano alla responsabilità e all'unità in un discorso in cui, nell'invito alla forza e al coraggio, viene citato Antonio Gramsci:

«Spesso sembriamo tutti come Penelope, perché nel continuo gioco di rimpalli e scarica barile, ciò che di giorno a fatica riusciamo a costruire, di notte ci affrettiamo a demolire. Così la nostra irresponsabilità e i nostri egoismi, i nostri tatticismi, le nostre polemiche, la nostra ossessiva ricerca di un effimero consenso, demoliscono gli sforzi e il lavoro che si compiono negli ospedali, nei laboratori di ricerca, nelle case e nelle vite di quelle persone che da febbraio scorso sono chiamate a rinunce e sacrifici.
Avere la forza e il coraggio di essere protagonisti della ripartenza dell'Italia
».

Nella fase finale dell'intervento il Presidente Decaro si scusa con i cittadini, con i medici e il comparto sanitario, per le volte in cui i sindaci non sono stati esempio di unità, di comunità:

«Chiedendo scusa, umilmente, per le nostre mancanze, diventando, noi per primi nella nostra azione quotidiana, esempio per tutti quei cittadini che oggi hanno paura e non hanno fiducia nel futuro di questo Paese. Scusa a tutti i medici e al personale sanitario se non abbiamo una risposta all'altezza dei loro turni massacranti e della loro stanchezza, a tutti ai bambini e alle bambine delle scuole italiane, e alle loro famiglie, se li abbiamo costretti a scegliere tra due diritti fondamentali e inalienabili, come quello all'istruzione e quello alla salute, ai malati, costretti a vivere un doppio dolore, quello della malattia e quello, a volte peggiore, della separazione dai propri affetti, agli imprenditori. Chiediamo scusa noi sindaci, a nome di tutta la classe dirigente italiana. Perché siamo abituati a prenderci anche le responsabilità di altri. Chiediamo scusa perché non ci siamo mostrati adeguati a fronteggiare questa maledetta pandemia. Non è una resa. La nostra non è una sconfitta. L'Italia non si arrenderà. Tornerà l'Italia. E sarà più bella e più forte di prima. Noi ce la stiamo mettendo tutta».
  • Notizie Puglia
  • Antonio Decaro
Altri contenuti a tema
La Commissione Straordinaria di Cerignola non riceve un parlamentare e “Cerignola in azione” La Commissione Straordinaria di Cerignola non riceve un parlamentare e “Cerignola in azione” “Cerignola in azione” e il parlamentare Nunzio Angiola chiedono incontro alla Commissione Straordinaria. Non gli viene concesso. Angiola: “Scriverò al Prefetto Grassi per denunciare il grave episodio”
Coronavirus, bollettino epidemiologico dell'1 dicembre 2020 Coronavirus, bollettino epidemiologico dell'1 dicembre 2020 Su 9.820 tamponi sono stati registrati ben 1.659 casi positivi, come sempre la provincia di Foggia, con quella di Bari, risulta essere la più colpita con 567 casi positivi in un solo giorno
“Avaria”, il brano musicale inedito di Denise Graziano, il pezzo che “spacca” “Avaria”, il brano musicale inedito di Denise Graziano, il pezzo che “spacca” La nostra redazione intervista Denise Graziano: ”Avaria” è il mio primo singolo che spero, per l’appunto, essere il primo di una lunga serie”
Coronavirus, bollettino epidemiologico del 29 novembre 2020 Coronavirus, bollettino epidemiologico del 29 novembre 2020 Sono  907 i casi positivi registrati in Puglia nelle ultime 24 ore. Circa le metà dei positivi (448) sono nella provincia di Foggia dove ci sono stati anche 7 decessi
Maltempo, allerta arancione in Puglia Maltempo, allerta arancione in Puglia Coldiretti Puglia, alluvioni e venti di burrasca, fiumi d’acqua allagano campagne
Coronavirus, bollettino epidemiologico del 28 novembre 2020 Coronavirus, bollettino epidemiologico del 28 novembre 2020 Nelle ultime 24 ore in Puglia stati registrati 1.573 casi positivi di cui 384 in provincia di Foggia. Sono 30 i decessi in regione, 3 nella nostra provincia
Covid: serve l’esercito contro la criminalità Covid: serve l’esercito contro la criminalità Coldiretti Puglia ribadisce lo stato di pericolo ed emergenza dopo gli episodi gravi ad Andria come la rapina a mano armata e la morte di una donna aggredita in campagna
Coronavirus, bollettino epidemiologico del 27 novembre 2020 Coronavirus, bollettino epidemiologico del 27 novembre 2020 Sempre elevato il numero dei contagi in Puglia, oggi i nuovi positivi sono 1737, nella sola provincia di Foggia sono 345. I decessi sono 48 di cui 10 nella nostra provincia
© 2001-2020 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.