Madonna di Ripalta foto Ieva
Madonna di Ripalta foto Ieva

Madonna di Ripalta, patrona di Cerignola

La Madonna di Ripalta proclamata Patrona principale di Cerignola il 22 Settembre 1859

Il profondo legame tra la città di Cerignola e la sua patrona, la Madre di Dio venerata attraverso l'icona della Madonna di Ripalta (XIII secolo), si è affermato nel tempo e ha avuto il punto di maggior splendore con la sua proclamazione a patrona principale della città nel 1859.
Con lettera del 12 giugno 1824 il sindaco Giulio Caradonna informava l'Intendente di Capitanata su «tre miracoli a storpij notissimi» avvenuti per intercessione della Madonna.
La Vergine era già venerata come protettrice di Cerignola. Inoltre, secondo il canonico Luigi Conte, erano protettori anche san «Pietro Apostolo il più antico, e principalissimo Protettore di questa città» e il «glorioso S. Trifone». San Pietro era titolare ab immemorabili dell'antica chiesa collegiata dell'arcipretura nullius, divenuta poi cattedrale il 14 giugno 1819. Nelle Synodales constitutiones, et decreta emanate nel 1853 del vescovo Leonardo Todisco Grande (1849-1872) si legge: «[…] in die festo S. Petri Apostoli Protectoris Ecclesiae ejusdem, et Civitatis […]», ossia «nel giorno festivo di San Pietro Apostolo Protettore della medesima Chiesa, e della Città».
In un documento del gennaio 1857 indirizzato al papa Pio IX (1846-1878), sottoscritto da sindaco, decurioni, notabili e cittadini di Cerignola, si chiedeva che la Madonna di Ripalta fosse proclamata patrona principale della città. In seguito, con lettera del 16 giugno 1858, il sindaco Raffaele Palieri (1823-1915) chiedeva all'Intendente di Capitanata la facoltà di riunire il Decurionato [= consiglio municipale] di Cerignola per deliberare sull'argomento. L'Intendente il 23 giugno 1858 autorizzava la suddetta riunione. Il 25 febbraio 1859 il Decurionato approvò a scrutinio segreto all'unanimità «[…] che sia la Santissima Vergine di Ripalta dichiarata Patrona della Città di Cerignola e Protettrice della stessa […]». Seguì il 2 marzo 1859 una riunione del Capitolo cattedrale e del rimanente clero della città, che diedero unanime voto favorevole.
L'istanza, civile ed ecclesiale, dal vescovo Leonardo Todisco Grande fu approvata e inviata alla Congregazione dei Sacri Riti. In questa il 19 settembre 1859 il cardinale prefetto, nelle veci del cardinale Nicola Paracciani Clarelli (1799-1872), confermò l'elezione della Madonna di Ripalta quale patrona principale di Cerignola, prescrivendo il giorno 8 settembre per il patronato. Il tutto ebbe la necessaria ratifica del papa Pio IX il 22 settembre 1859.
A ricordo dell'evento, sull'ultimo pilastro di sinistra della navata centrale della Chiesa Madre fu posta un'epigrafe su marmo grigio, di cm 83,1 x 58,3, mai distrutta e tuttora presente nell'originale.
Il vescovo Angelo Struffolini (1901-1914) nella relatio ad limina del 1904 scriveva del culto che i cerignolesi tributano a questa sacra e vetusta immagine della Beata Maria Vergine delle Ripe alte, che venerano come patrona ugualmente principale come il divino Pietro. In realtà san Pietro non fu mai dichiarato patrono principale della città. Infatti il vescovo Giovanni Sodo (1915.1930) nella Notificazione al Clero ed al Popolo della due Diocesi del 1919 scriveva: «[…] la Santissima Vergine di Ripalta è la Patrona principalissima e San Pietro Apostolo è Titolare e quindi Patrono della Chiesa Cattedrale». Anche le immagini raffiguranti san Pietro riportano la dicitura «S. PIETRO APOSTOLO Protettore della Città di Cerignola».
Il decreto manoscritto in latino della Congregazione dei Sacri Riti, che dichiarava la Madonna di Ripalta patrona principale della città di Cerignola, è stato rintracciato dallo scrivente presso l'Archivio della Congregazione delle Cause dei Santi, ed è pubblicato integralmente ora per la prima volta a tergo di una stampa litografica che riproduce una immagine su carta della Madonna di Ripalta del 1890 della Litografia Biavasco di Bari.
La litografia sarà presentata a Cerignola venerdì 6 settembre 2019 alle ore 19.00, presso la Casa delle Esposizioni in via Bruno Buozzi, n. 18, in coincidenza con l'inaugurazione della mostra "Salve, Ripalta, Cerinolensium patrona", che resterà aperta dal 6 settembre al 14 ottobre 2019.
L'iniziativa è promossa dal Centro Ricerche di Storia ed Arte "Nicola Zingarelli" di Cerignola, in occasione di una triplice ricorrenza: il bicentenario dell'elevazione a Diocesi di Cerignola (14 giugno 1819), il 160° anniversario della proclamazione della Vergine di Ripalta quale patrona principale della città (22 settembre 1859) e il 70° anniversario dell'incoronazione (8 settembre 1949) dell'icona della Vergine SS. di Ripalta, sotto l'episcopato del vescovo Donato Pafundi (1946-1957), per mano di mons. Anselmo Filippo Pecci, O.S.B., arcivescovo emerito di Acerenza e Matera e titolare di Soteropoli.

Dott. Angelo Disanto
  • notizie
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
Coronavirus: aggiornamenti a Cerignola Coronavirus: aggiornamenti a Cerignola In aumento il numero dei contagiati, oggi altri tre positivi. A Cerignola i contagiati sono 44 e i cittadini in quarantena sono aumentai a 82
COVID – 19 nelle case di cura per anziani, cosa succede in Puglia? COVID – 19 nelle case di cura per anziani, cosa succede in Puglia? Richiesta di intervento alla Regione Puglia da parte dei sindacati dei pensionati. Troppi contagi, occorre porre rimedio
Coronavirus: Aggiornamenti dalla Regione Puglia Coronavirus: Aggiornamenti dalla Regione Puglia Oggi su 1.979 tamponi effettuati 127 casi positivi, nella sola provincia di Foggia 41. I decessi sono 13, il totale dei casi positivi sale a 2.444 di cui 605 nella provincia di Foggia
Nessun reparto del presidio ospedaliero di Cerignola chiude! Nessun reparto del presidio ospedaliero di Cerignola chiude! “Con assoluta certezza questo oggi lo possiamo affermare”. Lo dice la Segretaria del P.D. di Cerignola, avv. Sabina Ditommaso.
Le richieste alla Commissione del gruppo politico Sgarro Sindaco Le richieste alla Commissione del gruppo politico Sgarro Sindaco “Benissimo il sostegno a famiglie e negozianti attraverso il bonus alimentare ma occorre intervenire sul problema degli affitti"
Buoni spesa venduti a Gravina di Puglia. Furbizia o necessità? Buoni spesa venduti a Gravina di Puglia. Furbizia o necessità? Il Comune di Gravina di Puglia ha modificato la modalità di erogazione. Occorre tener presente che molti cittadini vivono momenti drammatici causati dll’impossibilità di effettuare pagamenti imminenti
A Carapelle incendiata l’auto di un carabiniere A Carapelle incendiata l’auto di un carabiniere Incendio di natura dolosa, non si esclude che l’incendio sia riconducibile all’attività lavorativa dell’appuntato
Preghiera quotidiana con il Vescovo di Cerignola Mons. Luigi Renna Preghiera quotidiana con il Vescovo di Cerignola Mons. Luigi Renna Il capitolo 12 del Vangelo di Giovanni, il “santo spreco”, i “Detti dei padri del deserto”, la presenza delle suore e la lettera alle suore
© 2001-2020 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.