Fateci lavorare
Fateci lavorare
Territorio

Manifestazione della partite Iva, le dichiarazioni di un ambulante

Michele Gammino: “Non vogliamo carità da nessuno, non vogliamo soldi dal Governo e neanche dalla Regione, chiediamo solo di tornare a riaprire le nostre attività. Rivendichiamo il diritto di vivere e il dovere di contribuire mediante il pagamento delle tasse”

«Oggi ci siamo riuniti in Piazza Duomo per manifestare tutto il nostro disappunto sulle continue restrizioni che, puntualmente, danneggiano solo ed esclusivamente le partite Ivadichiara alla nostra redazione Michele Gammino, appartenente al settore degli ambulanti - Io sono ambulante e parlo della mia categoria chiusa oramai da un mese perché ritenuta "non essenziale" ai fini delle necessità della popolazione».

Tra le limitazioni previste dalla zona rossa, a partire da lunedì 15 marzo, la chiusura dei negozi tranne quelli di prima necessità: alimentari, farmacie, elettronica, ferramenta, edicole, profumerie, tabaccai, giocattolai e vivai. Chiusura dei mercati e centri commerciali anche nei giorni feriali.

«Parto dal principio che tutte le attività sono essenziali perché al servizio della popolazione e, non meno importante, perché pagando le tasse contribuiscono all'intero sistema economico finanziario della nazione.
Purtroppo i nostri amministratori, sia a livello nazionale che a livello regionale, non hanno ancora capito che noi ormai siamo allo stremo delle forze, siamo sull'orlo della disperazione. Ci impediscono di lavorare e, di conseguenza, ci stanno impedendo di sopperire alle necessità quotidiane delle nostre famiglie e delle nostre attività. Se qualcuno pensa che riusciamo a tirare avanti grazie ai "ristori" sappia che non c'è denaro a sufficienza per sovvenzionare le nostre categorie ridotte a ricevere una miseria di contributo insufficiente per pagare persino le semplici bollette.
Non vogliamo la carità da nessuno, non vogliamo soldi dal Governo e neanche dalla Regione, chiediamo solo di tornare a riaprire le nostre attività, i nostri banchi chiusi ormai da un mese, rivendichiamo il diritto di vivere e il dovere di contribuire mediante il pagamento delle tasse che, diversamente, non saremmo più in condizione di emettere.
Come volevasi dimostrare, nonostante le chiusure a nostro danno, nonostante il blocco delle nostre attività, in Puglia i contagi aumentano a dismisura giorno dopo giorno a dimostrazione che non sono di certo le nostre attività a causare la diffusione del virus.
Ormai è giunto il momento di dire basta, il momento in cui rivendichiamo i nostri diritti e pretendiamo di essere ascoltati, il momento in cui chiediamo categoricamente serietà e rispetto nei nostri confronti. Confidiamo nell'ascolto da parte di coloro che guidano la regione e la nazione altrimenti saremo costretti a continuare il nostro cammino di protesta silenziosa. Noi non ci arrendiamo!
»
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
Scuola in Puglia, l'appello dei genitori ad Emiliano: «Ci lasci la libertà di scelta» Scuola in Puglia, l'appello dei genitori ad Emiliano: «Ci lasci la libertà di scelta» Sulla bacheca Facebook del governatore sono tantissimi messaggi da quando il Premier Draghi ha annunciato il rientro in presenza al 100%
Coronavirus,  bollettino epidemiologico del 18 aprile 2021 Coronavirus, bollettino epidemiologico del 18 aprile 2021 Su 10201 test sono risultati positivi 1278 casi di cui 239 in provincia di Foggia
La Protezione Civile cerca personale sanitario per intensificare la campagna vaccinale La Protezione Civile cerca personale sanitario per intensificare la campagna vaccinale Ai volontari che aderiranno sarà garantita copertura assicurativa
Dopo 48 ore di agonia è deceduto Francesco Polidoro Dopo 48 ore di agonia è deceduto Francesco Polidoro Nella nottata del 15 aprile aveva ucciso con un colpo di pistola alla testa, la maglie Anna Petronelli, 81 anni, e si era sparato un colpo alla tempia che è stato fatale
Per spostarsi tra regioni occorre il pass Per spostarsi tra regioni occorre il pass Lo ha annunciato ieri il Premier Draghi. Il pass servirà per andare in zone di colore diverso, per accedere a spettacoli o eventi sportivi
In zona gialla e arancione ristoranti aperti a pranzo e cena, scuola In zona gialla e arancione ristoranti aperti a pranzo e cena, scuola Mario Draghi: «Si può guardare al futuro con un prudente ottimismo e con fiducia. Anticipiamo al 26 aprile l'introduzione della zona gialla»
Campagna vaccinale anti Covid in provincia di Foggia Campagna vaccinale anti Covid in provincia di Foggia Coinvolti i medici di Medicina Generale. Le prime 2748 dosi sono state consegnate ieri mattina, altre 600 nel pomeriggio di ieri
A Cerignola sono 565 i positivi al Covid A Cerignola sono 565 i positivi al Covid Lo comunica il COC della città ofantina
© 2001-2021 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.