Villa e Sindaco Metta
Villa e Sindaco Metta
Territorio

Sindaco Metta: La mafia… in Villa Comunale.

Il 3 novembre, prima che arrivi la nota prefettizia, gli uffici comunali contestano le inadempienze contrattuali. Avviano il procedimento di rescissione del contratto. Prima, prima, prima di ogni interdittiva… altro che infiltrati.

Il Sindaco di Cerignola, avv. Francesco Metta, ha depositato presso la Procura della Repubblica di Foggia, la Prefettura e i membri della Commissione volta a verificare la sussistenza di forme di condizionamento mafioso, la ricostruzione, corredata di atti, documenti e date, dell'intera vicenda riguardante la gestione Villa Comunale, dopo gara d'appalto vinta, da parte della Società Coop. "Cerignola Progresso" e la successiva revoca per inadempienza.

"Anche su questo tema si sono sbizzarriti i "Qui Quo Qua" della mia Città.
Sparando sciocchezze nella ionosfera.
Urge fornire una puntuale e fedele ricostruzione.
Discutiamo della VILLA COMUNALE UMBERTO 1°,uno dei luoghi del cuore per ogni cerignolano.
Degradata, abbandonata, sporca, senza un filo d'erba, senza un minimo di manutenzione, deturpata da mille sfregi, incontrastato dominio di teppisti, bulli e spacciatori.
Evitata da famiglie e ragazzini.
La Giunta Comunale ( grave "colpa") delibera di dare indirizzo agli uffici, perché predispongano bando e capitolato per l'affidamento della gestione della Villa.
È la delibera n. 295/ 2015 del 6 / 11 / 2015.

TUTTI GLI ATTI DI GARA SONO IN POSSESSO DEI CARABINIERI DI CERIGNOLA E DEL PD:
NEL MEDESIMO GIORNO, ALL'UNISONO, CHIESERO COPIA DEGLI ATTI.
CON CASUALE…..CONTEMPORANEITÀ!

Per quanto qui interessa:
gara ineccepibile;
con una unica partecipante: "Società Cooperativa Progresso";
documenti ed atti amministrativi di totale regolarità
Tanto che né CC, né PD ebbero mai nulla da contestare.
Il 2° settembre 2016 il Segretario Generale roga il contratto tra Ente, rappresentato dal Dirigente Ing. Izzillo e la Società, che si è aggiudicata il bando pubblico.
Nel contratto la clausola del tutto abituale:
  • Il contratto viene stipulato con la clausola di risoluzione in caso di comunicazioni negative – ai sensi dell'articolo 91 D.Lgs. 6/9/2011 n.159 e successive modificazioni e integrazioni, in materia di lotta alla delinquenza mafiosa – da parte della Prefettura di Foggia, alla quale È STATA INVIATA APPOSITA RICHIESTA TRAMITE BANCA DATI NAZIONALE ANTIMAFIA IN DATA 13 GIUGNO 2016 PROT. PR FGUTG INGRESSO 0020580-201606613, A OGGI ANCORA SENZAESITO".
La richiesta inoltrata il 13 giugno 2016 ebbe riscontro in data 7 novembre 2017: un anno e cinque mesi dopo! ! !
Si leggano i documenti allegati, nell'ordine in cui li sto citando.
Preciso a beneficio di qualche "malevolo" commentatore, istituzionale e non, che tutte le amministrazioni e tutti i relativi contratti contengono tutti, ma proprio tutti, la clausola da me testualmente citata.
Passo ad esaminare, nelle more, quale fu il rapporto tra Ente e Società Progresso!
A settembre il 2016 il contratto.
Inizialmente la gestione sembrò corretta e soddisfacente.
Ma presto la situazione cambia.
Non per interdittive antimafia, che arrivano "a babbo morto".

Semplicemente per il rigoroso e severo esercizio dei poteri/doveri di controllo e vigilanza.
SENZA ESITAZIONI, SENZA SUDDITANZE (DEL TUTTO INCOMPATIBILI CON LA LINEA AMMINISTRATIVA SCELTA DALL'ESECUTIVO, E SE MI È CONCESSO, CON IL CARATTERE NOTORIAMENTE FERMO, DECISO E DECISIONISTA, DEL SINDACO).
Il 7 giugno 2017 il dirigente e il responsabile ambiente firmano una durissima contestazione alla Società Progresso.
Segue il 15 giugno la ordinanza 58 a firma del Sindaco, ultimativa per la Società Progresso.
Altro che compiacenza, condiscendenza o timori.
Ordino che mi si riferisca circa la esecuzione di quanto prescritto in ordinanza.
Il 17 luglio ing. Izzillo e geom. Russo mi informano che la "PROGRESSO" poco o nulla ha fatto, in ottemperanza alla mia ordinanza.
Meno di 48 ore dopo, il 19 luglio, il connivente, pavido, condizionato Sindaco firma l'ordinanza n. 72.
Con cui dichiaro la inadempienza della Progresso.
La estrometto dalla gestione.
Incarico dei lavori ormai urgentissimi la "Mondoservice" società cooperativa.
RECUPERO LE SOMME DOVUTE A QUESTA ULTIMA DA QUANTO DOVUTO CONTRATTUALMENTE ALLA PROGRESSO.
IL TUTTO QUATTRO MESI PRIMA DELL'ARRIVO DELLA INTERDITTIVA ANTIMAFIA PREFETTIZIA.

Non chiacchiere.
Atti. Contestazioni. Ordinanze. Diffide.
Soprattutto:
gestione e denaro che tolgo agli inadempienti, senza esitazione, senza condizionamenti, senza perplessità.
Alla ordinanza sindacale seguono i conseguenziali atti amministrativi:
Determina 1378/159 del 9/10/2017, in danno economico della società Progresso.
Il 3 novembre – PRIMA CHE ARRIVI LA NOTA PREFETTIZIA – gli uffici comunali contestano le inadempienze contrattuali.
AVVIANO IL PROCEDIMENTO DI RESCISSIONE DEL CONTRATTO.
PRIMA / PRIMA / PRIMA DI OGNI INTERDITTIVA.
Alla interdittiva seguono nel giro di 48 ore le determine di rescissione del contratto.
Con le successive proteste, richieste economiche e quant'altro, alle quali il Sindaco e tutta la Amministrazione, tecnica e politica, restano assolutamente impermeabili.
Altro che infiltrati"
  • notizie
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
Ditommaso: Metta si oppone al ricorso presentato dal Partito Democratico Ditommaso: Metta si oppone al ricorso presentato dal Partito Democratico Aumento TARI: Il Comune di Cerignola ha depositato atto di opposizione al Ricorso Straordinario al Capo dello stato presentato dal Partito Democratico lo scorso dicembre
Intensificati i controlli su Mattinata Intensificati i controlli su Mattinata I Carabinieri integrano il presidio del territorio con una stazione mobile.
Bk Club Cerignola, sfida al Maglie per la quarta giornata della Poule promozione Bk Club Cerignola, sfida al Maglie per la quarta giornata della Poule promozione Gli uomini di Vozza cercano il poker davanti al pubblico amico
Francesco Zagaria intervista Lorenzo Longo e Domenico Dicecco -VIDEO- Francesco Zagaria intervista Lorenzo Longo e Domenico Dicecco -VIDEO- Il direttore dell'Ufficio Stampa dell'Audace Cerignola, dott. Francesco Zagaria, intervista Lorenzo Longo e Domenico Dicecco
Fondazione Tatarella - Foggia ricorda Pinuccio Tatarella Fondazione Tatarella - Foggia ricorda Pinuccio Tatarella Martedì 26 marzo nella Sala Fedora del Teatro Umberto Giordano presentazione del libro “Pinuccio Tatarella: passione intelligenza al servizio e dell’Italia”
Riflettere insieme sull’Europa; Il ciclo di incontri organizzato dal MEIC di Cerignola Riflettere insieme sull’Europa; Il ciclo di incontri organizzato dal MEIC di Cerignola Il primo appuntamento, moderato dalla prof.ssa Raffaella Petruzzelli, è fissato per sabato, 23 marzo 2019, alle ore 18,30, nel Salone “Giovanni Paolo II” della Curia Vescovile.
Gauguin a Tahiti-il paradiso perduto Gauguin a Tahiti-il paradiso perduto Il docufilm ripercorre la biografia del grande artista che, all'età di 43 anni, il primo primo aprile del 1891, a bordo della nave Océanien, decise di abbandonare Marsiglia per recarsi a Tahiti.
Margherita di Savoia e Trinitapoli: Pusher detenevano cocaina e hashis Margherita di Savoia e Trinitapoli: Pusher detenevano cocaina e hashis Arrestati a Margherita di Savoia e Trinitapoli, due pusher sorpresi a detenere cocaina e hashis
© 2001-2019 CerignolaViva è un portale gestito dall'associazione Kerina Production. Partita iva 90041150716. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.