A Ruota Libera

(Ri)pensare all’Idea rigenerante dell’Europa Nazione

per ridimensionare il < barboso gap > tra il Nord e il Sud dell’ Italia


Per ridimensionare il < barboso gap > tra il Nord e il Sud dell' Italia cominciamo a (ri)pensare all' Idea rigenerante dell' Europa Nazione
di Beniamino Mastroserio

In tema di Cultura e Pubblica Istruzione mi fanno quasi pena quelli che si lamentano delle presunte nefaste conseguenze derivanti dalle differenze fra l' eccellenza delle scuole del Nord e quelle del Sud, ovviamente < indietro > per infrastrutture e profitto dei discenti. Certamente gli studi dei periti in statistiche nel settore del pianeta scuola possono colpire nel segno giusto;
ma dopo i seri report di base arrivano in seconda battuta i famosi " manipolatori " che di rado si soffermano sulle posizioni da aurea mediocrità in classifica generale detenute dalle Regioni del Centr' Italia. Anche all' interno delle due macro aree, la settentrionale e la meridionale, pochi studiosi finanche ignoti si attardano a verificare le cause degli handicap pedagogici d' una Regione rispetto alle lacune che si riscontrano nei territori d' immediato confine : vedansi, ad esempio, le percentuali degli esiti scolastici nel Molise e in quelle zone simili per morfologia ( dei Monti Dauni settentrionali, dell' Alto Tavoliere e delle zone del Gargano ).
Questo vecchio luogo comune sul Sud e sul Nord, che ci trasciniamo da oltre venti anni come palla di ferro attaccata ai piedi di noi ingenui di mente, dovrebbe essere non dico del tutto cassato bensì ridimensionato a tutto favore delle piùlibere energie intellettuali di studenti e di più piccoli scolari.
… Eppure sono trascorsi ben 60 anni dal Trattato di Roma del 25 marzo 1957 ..!, da quando cioè i nostri padri della Patria ( il Capo della Repubblica Italiana era il prof. di diritto a Sassari Antonio Segni ) firmarono con i rappresentanti di altri soli otto Stati il solenne impegno di far nascere la Comunità Economica Europea ( CEE ) e al contempo di poter coordinare le singole Programmazioni di sviluppo e ricerche sull' Energia Atomica ( Euratom ). Anche se tale Trattato di Roma lasciava intendere che quell' Unione sorgeva nel solco ( cioè si inchinava alle logiche forzate ) della vile pecunia, pur tuttavia nei decenni si sono raggiunti numerosi altri Accordi che hanno sancito l' opportunità di estendere l' ingresso in Comunità ad altri Stati.
Dal primo genere economico d' Unione era consequenziale la più o meno forte volontà di tendere verso una più diffusa e completa Cultura Europeista. Tra gli esponenti di spicco che hanno fornito motivazioni vitali per la crescita graduale della < potenza europea > va annoverato l' on. Altiero Spinelli già aderente al Partito d' Azione nel periodo postbellico ( fu uno dei più fedeli compagni di lotte del radicale Marco Pannella ).
Va però a mio giudizio ricordata maggiormente l' opera di apostolato laico, in seno al massimo organismo dell' Unione, del binomio dei pensatori euro parlamentari J. Delors e A.
Duff autore del breve ma determinante saggio " Comment sauver la Constitution europèenne " pubblicato da " Notre Europe ", laboratorio di pensiero francese indipendente ideato ad hoc per varare la Carta Costituzionale Europea.
Da quando però s'è venuta a creare, dal 2007 in qua, la crisi economica < globalizzata >, quei fantastici princìpi or ora accennati sull' Europa, sono come rimasti " lettere morte ", specie in Italia rea d' aver partorito un paio di movimenti ben radicati nell' opinione pubblica e che sembrano avversare l' ulteriore unificazione dell' Europa in ambito monetario. Una subitanea necessaria reazione a questa sorta di stallo in cui quasi tutta l' Europa pur suo malgrado s' è oggi cacciata consisterà – a iniziare dalle Scuole Italiane – nella conoscenza e studio delle meraviglie letterarie filosofiche e artistiche dei molti Personaggi che hanno ulteriormente impreziosito il già rilucente Patrimonio del Pensiero dell' Europa Nazione.
Non si tratta di proporre / imporre in quest' altro secolo una sorta di Cultura unica che tutto annulla e omologa. Penso invece che a cominciare dai nuovi Indirizzi Liceali se non addirittura dagli anni di studi medi precedenti, le intellettualità docenti potrebbero aprire gli orizzonti agli alunni prospettando loro – in proporzione alle età – i messaggi : - ) dei francesi Sartre, C. Baudelaire, L. F. Celine, J. Prevert; - ) dei tedeschi T. Mann, F. Nietsche, . Horkheimer, H. Boll, H. Hesse; - degli anglosassoni B. Russel, T. Eliot; - dei liberi pensatori artisti spagnoli S. Dalì, P. Picasso, Ortega y G.; del poeta greco C. Kavafis; - ) dei russi A. Solgenicyn, V. Majakovskij etc..
Non si dimentichi, infine, che saranno soprattutto gli Insegnanti di Storia, di Educazione Civica e Diritto Pubblico a dover riprendere coscienza, a proposito del Verbo Europeista, del proprio ruolo a dir poco trainante all' interno / degli Istituti.
  • Rubrica
Altri contenuti a tema
"Il passaggio ideale fra 2016 e 2017" "Il passaggio ideale fra 2016 e 2017" "Dopo quello francescano della Misericordia, tentiamo almeno di realizzare l’ Anno dell’ Equilibrio"
Il Senso dello Stato e l’Amicizia Civica Il Senso dello Stato e l’Amicizia Civica di Beniamino Mastroserio
Come riacciuffare il passato Come riacciuffare il passato A cinquantotto anni dal 1958 ( l’arrivo di Totò Gambe d'oro a Cerignola )
Prendiamo atto : segna il passo la ricerca storica locale Prendiamo atto : segna il passo la ricerca storica locale di Beniamino Mastroserio
"Certi tesori non vanno messi in cantina" "Certi tesori non vanno messi in cantina" (Come a dire:la poesia ci salva la vita) di Beniamino Mastroserio
Un Assessorato alla 'Cultura del Territorio' che consolidi lo Sviluppo del Sapere Agricolo Un Assessorato alla 'Cultura del Territorio' che consolidi lo Sviluppo del Sapere Agricolo di Beniamini Mastroserio
Rubrica: "E' vero ! I cerignolani non mangiano 'riforme' " Rubrica: "E' vero ! I cerignolani non mangiano 'riforme' " La data del referendum è vicina ma ancora si naviga tra le nebbie
L’ho visto al cinema la recensione di "Lettere da Berlino" L’ho visto al cinema la recensione di "Lettere da Berlino" Il nuovo film di Vincent Pérez, regista svizzero, con Bredan Gleeson e Emma Thompson tratto dal romanzo di Hans Fallada
© 2001-2022 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.