L'ho visto..Al Cinema

Io prima di te, il film che emoziona conquista il box office

Recensione del lungometraggio campione d'incassi dalle tinte drammatiche

Una storia che vuole insegnare a vivere con entusiasmo ogni attimo della propria vita, anche quando questa sembra voltarti le spalle. Può essere descritto con queste parole il romantico "Io prima di te", film britannico diretto da Thea Sharrock, con protagonisti Sam Claflin e una strepitosa Emilia Clarke (la Daenerys Targaryen de "Il Trono di Spade") in una veste decisamente inedita e sorprendente. Da regina dei draghi a ragazza della campagna inglese, un po' imbranata e in cerca di un lavoro, il passo è breve.

Dopo essere stata licenziata dal locale in cui lavorava da tempo come cameriera, Lou trova un impiego presso la facoltosa famiglia dei Traynor. Il suo reale compito? Far tornare a sorridere Will: lui, bello e ricchissimo, ex banchiere, vittima di un grave incidente stradale che l'ha costretto sulla sedia a rotelle, incapace ora di muovere gli arti inferiori e superiori. Prima di questa disgrazia, il giovane Will praticava un'esistenza molto attiva e dinamica: amante dei viaggi e degli sport estremi, era fidanzato con Alicia e la sua vita sembrava perfetta; a seguito dell'incidente, ha perso ogni speranza per il futuro e nemmeno il suo sorriso, capace un tempo di far innamorare qualsiasi donna, ma che ora appare cinico e forzato, farebbe pensare a un uomo che guarda al resto della propria vita con ottimismo. Fino a quando, nella sua lussuosa dimora, non si presentano Lou e la sua contagiosa gioia di vivere…

Tratto dall'omonimo romanzo best-seller di Jojo Moyes, il lungometraggio affronta, da una prospettiva originale, il tema della disabilità, già trattato, secondo un'angolazione diversa, nel celebre film francese "Quasi Amici" del 2011. A differenza di altre pellicole romantiche a sfondo drammatico, evidentemente rivolte a un pubblico femminile, il film non si perde in sdolcinatezze e il tema affrontato è alleggerito da molti degli scambi di battute dei protagonisti e dal modo "colorato" e a tratti buffo di vestirsi da parte di Lou. La differenza fra le classi sociali dei protagonisti e i frequenti cambi di ambientazione contribuiscono a offrire un senso di dinamicità a una trasposizione che parte un po' lenta ma che diventa sicuramente più coinvolgente nel corso della narrazione della storia.

Il film, distribuito in Italia dal primo settembre scorso, è balzato subito in testa al botteghino e rappresenta uno dei "casi" della stagione cinematografica. Le ragioni del suo successo? Probabilmente la voglia, da parte dello spettatore, di emozionarsi, di non smettere mai di sognare, di inseguire uno slancio di entusiasmo, che aiuti ad affrontare le difficoltà, spesso impreviste, della vita. E il desiderio, per molti nascosto, di trovare qualcosa o qualcuno che rappresenti, per citare una delle frasi più belle del film, "l'unica ragione per cui desiderare di alzarsi al mattino".
  • cinema
Altri contenuti a tema
Wonder, emoziona il film sulla diversità Wonder, emoziona il film sulla diversità Nell’adattamento del bestseller di R.J.Palacio anche Owen Wilson e Julia Roberts
Nolan racconta la guerra nel suo “Dunkirk” Nolan racconta la guerra nel suo “Dunkirk” Il film narra dell’evacuazione di migliaia di soldati inglesi nel ‘40
Una doppia verità, thriller con Keanu Reeves Una doppia verità, thriller con Keanu Reeves Il protagonista di Matrix nei panni di un avvocato alle prese con un caso oscuro
ONE PIECE GOLD, l’anime di Oda campione di incassi ONE PIECE GOLD, l’anime di Oda campione di incassi Straordinario successo per “One Piece Gold: il film”, tredicesimo lungometraggio ispirato dal famosissimo manga One Piece di Eiichirō Oda
Arrival, si può comunicare con gli alieni? Arrival, si può comunicare con gli alieni? Il film con protagonista Amy Adams è candidato a otto statuette
Collateral Beauty, cosa si nasconde dietro i drammi della vita Collateral Beauty, cosa si nasconde dietro i drammi della vita Il film commuove ma allo stesso tempo lascia alcune perplessità
Sully, binomio vincente fra Clint Eastwood e Tom Hanks Sully, binomio vincente fra Clint Eastwood e Tom Hanks Il film narra l'incredibile vicenda di cronaca dell'ammaraggio sul fiume Hudson
Foggia Film Festival, chi vuole essere giudice popolare? Foggia Film Festival, chi vuole essere giudice popolare? La kermesse si terrà a Foggia dal 20 al 26 novembre 2016 presso l’Auditorium Santa Chiara
© 2001-2019 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.