L'ho visto..Al Cinema

Café society, Woody Allen torna negli anni ‘30

Dopo Midnight in Paris, il regista riporta lo spettatore in un’epoca nostalgica

Riflettere sul senso dell'esistenza è una prerogativa di tutta la produzione cinematografica alleniana e a questa ricerca non poteva sfuggire l'ultima fatica del regista di Brooklyn, "Café society", ambientata negli anni '30 fra Hollywood e New York.

Protagonisti principali il convincente Jesse Einsenberg, già volto di Mark Zuckerberg in "The social network" del 2010, e Kristen Stewart, che da tempo tenta di scrollarsi di dosso l'immagine di "Bella" della saga di Twilight. A fare da ago della bilancia nell'intreccio della storia è il versatile Steve Carell, che interpreta Phil Stern, un produttore cinematografico capace di costruirsi nel corso degli anni una posizione importante e stabile nell'ambiente hollywoodiano. E' proprio a lui che si rivolge il nipote Bobby Dorfman (impersonificato da Einsenberg) per tentare la strada del successo nel tempio del cinema, ed è sempre lui a fargli conoscere Vonnie (il personaggio della Stewart), che farà scoprire al giovane tutti i lati di Hollywood: la sua atmosfera chic, la sua vivacità ma anche il suo disincanto e l'ostentazione del lusso. Bobby resterà subito folgorato dalla ragazza, ma questa nasconde un segreto che lo porterà a rivalutare la sua New York, nella quale inizierà a gestire un locale di successo insieme a suo fratello, losco individuo dedito al malaffare.

Si tratta del primo film girato in digitale da Woody Allen, e la pellicola vuole essere un ritratto illusorio di una realtà diversa da quella inizialmente sognata dal protagonista, del suo prendere atto del volgere degli eventi verso una direzione non proprio desiderata e tendente a un conformismo agrodolce, con il sottofondo di musiche jazz (tanto amate dal regista), che conferiscono il colore tipico dell'epoca. Il finale apparentemente aperto sembra non lasciare spazio a un ritorno al passato, ma rappresenta uno sguardo nostalgico verso una storia d'amore lasciata a metà, fra dubbi e rimpianti.

E' evidente il cambio di scena a un certo punto della narrazione: la prima metà del film, ambientata principalmente a Hollywood, è caratterizzata da una luce sognante, volta a evidenziare, da un lato, le grandi aspirazioni del giovane e, dall'altro, gli sfarzi tipici di Beverly Hills; uno scenario che, tuttavia, tende a incupirsi nella seconda metà, ambientata nella Grande Mela, principalmente nel locale chiamato Cafè society (da cui il titolo del film), frequentato dall'alta società di Manhattan. Immancabili i riferimenti agli ebrei, così come la presenza di humour nero tipico delle opere del regista newyorkese, in particolare nelle sequenze nelle quali appare la famiglia (ebrea) di Bobby e in quelle relative alle losche attività di suo fratello Ben. Naturale, infine, il parallelo con un altro film di Allen, Midnight in Paris (del 2011).

Nel film c'è tutto l'ultimo Woody Allen, insomma: al netto della minore dinamicità che ne caratterizza la seconda parte, c'è spazio per una serie di interessanti riflessioni inserite in una commedia dai toni divertenti e amari allo stesso tempo.
  • cinema
Altri contenuti a tema
Wonder, emoziona il film sulla diversità Wonder, emoziona il film sulla diversità Nell’adattamento del bestseller di R.J.Palacio anche Owen Wilson e Julia Roberts
Nolan racconta la guerra nel suo “Dunkirk” Nolan racconta la guerra nel suo “Dunkirk” Il film narra dell’evacuazione di migliaia di soldati inglesi nel ‘40
Una doppia verità, thriller con Keanu Reeves Una doppia verità, thriller con Keanu Reeves Il protagonista di Matrix nei panni di un avvocato alle prese con un caso oscuro
ONE PIECE GOLD, l’anime di Oda campione di incassi ONE PIECE GOLD, l’anime di Oda campione di incassi Straordinario successo per “One Piece Gold: il film”, tredicesimo lungometraggio ispirato dal famosissimo manga One Piece di Eiichirō Oda
Arrival, si può comunicare con gli alieni? Arrival, si può comunicare con gli alieni? Il film con protagonista Amy Adams è candidato a otto statuette
Collateral Beauty, cosa si nasconde dietro i drammi della vita Collateral Beauty, cosa si nasconde dietro i drammi della vita Il film commuove ma allo stesso tempo lascia alcune perplessità
Sully, binomio vincente fra Clint Eastwood e Tom Hanks Sully, binomio vincente fra Clint Eastwood e Tom Hanks Il film narra l'incredibile vicenda di cronaca dell'ammaraggio sul fiume Hudson
Foggia Film Festival, chi vuole essere giudice popolare? Foggia Film Festival, chi vuole essere giudice popolare? La kermesse si terrà a Foggia dal 20 al 26 novembre 2016 presso l’Auditorium Santa Chiara
© 2001-2019 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.