Kaliméra Elláda
Kaliméra Elláda
Kholo Kholo Darwaze

Kaliméra Elláda

I greci sono uno dei popoli più amichevoli e solari che ci sia, sempre pronti a far festa, ma attenzione a come muovete le mani!

Che io muoia cento volte, piuttosto che perdere te, mio dolcissimo sposo.
Perchè io ti amo, disperatamente, chiunque tu sia, ti amo più del mio spirito.
~Amore e Psiche~


La Grecia, un tempo patria di eroi, poeti, filosofi, cantastorie di miti e leggende che hanno fatto innamorare, uccidere e glorificare i più importanti personaggi della storia.
Da Orfeo a Narciso, passando per Apollo ed Achille, la Grecia diventa la culla della civiltà Occidentale in cui arte, cultura, storia ed archeologia prendono vita in unico paese, rendendo le città dei veri e propri siti archeologici a cielo aperto. Il fascino del passato ed il brivido del presente sono fusi in modo impeccabile tra di loro ed è impossibile non lasciarsi ammaliare. I greci infatti sono un popolo particolarmente attaccato alle proprie tradizioni che vengono tramandate di generazione in generazione e, oltre a conservare la loro cultura, sono anche particolarmente superstiziosi. Secondo gli abitanti della penisola Ellenica, le energie negative sono ovunque e vengono lanciate attraverso i complimenti per invidia o gelosia ed è per questo che hanno sempre con loro un piccolo amuleto come protezione. L' occhio di Nazar o Allah è una pietra azzurra con un occhio dipinto su che ha il compito di proteggere dal cosiddetto malocchio, detto anche Mati. Ciò potrebbe riportare alla mente alcune credenze pugliesi, secondo le quali si può eliminare il malocchio attraverso un rituale ben preciso che viene tramandato solo la notte della Vigilia di Natale. Ma oltre all'utilizzo della pietra blu i greci sono anche convinti che per allontanare il male è opportuno sputare! E bene sì, avete sentito proprio bene: per loro non è maleducazione farlo, anzi è un gesto ben considerato! Infatti se ci sono cattive notizie sul proprio conto la tradizione vuole che ci si deve sputare addosso per tre volte per poter allontanare il peggio. Cosa aspettate allora?
Molti di questi culti sono un mix tra sacro e profano fortemente influenzati dalla cultura pagana: ad esempio la Pasqua è tra le feste più importanti per i greci perché cade nel periodo della primavera ed è portatrice di rinascita e speranza, mentre nel giorno dell'Epifania i giovani si gettano nel mare gelato per riuscire a recuperare una croce che è stata lanciata dal sacerdote durante la celebrazione.

I greci sono uno dei popoli più amichevoli e solari che ci sia, sempre pronti a far festa, ma attenzione a come muovete le mani! Se durante una conversazione sovrapponete due mani aperte verso l'interlocutore, sicuri di aver scatenato una rissa: questo gesto è una grave offesa, ritenuta peggiore del celebre dito medio! E che non vi venga mai in mente di pronunciare la parola Malaka, in quanto non è certo molto carino da dire!
Molti greci si considerano come cugini degli italiani e per certi versi è così: sono molto legati alle famiglie; utilizzano il cibo per stringere amicizie; adorano ballare, cantare e ogni occasione è un pretesto per fare festa matrimoni, battesimi, lauree, e così via. Insomma, sono proprio come noi italiani!
A proposito di celebrazioni, per il popolo ellenico la celebrazione dell'onomastico è forse più importante del compleanno stesso, infatti si festeggia allo stesso modo, quindi non vi scandalizzate se un greco vi fa gli auguri di buon onomastico e non di buon compleanno e vi invita alla sua festa, non è maleducazione!
Una delle loro particolarità - che a mio avviso potrebbe battere il record degli italiani - è il numero elevato degli invitati a una festa di matrimonio: se noi del sud ci limitiamo a circa 300 o massimo 400 invitati, in Grecia, in particolare nelle isole, il numero degli invitati si aggira intorno ai 1000 minimo, tra amici, parenti, vicini di casa, parenti degli amici. Probabilmente nemmeno i matrimoni reali arrivano a queste cifre. Oltre a questi numeri da capogiro, durante la preparazione del matrimonio si seguono ancora vecchie usanze che anche da noi sono ancora in uso in alcune occasioni. La futura sposa, ad esempio, possiede ancora la dote e tutta la biancheria intima e le lenzuola vengono accuratamente ricamate dalla mamma e dalla zia; inoltre prima della cerimonia tre ragazze vergini avranno il compito di preparare il letto nuziale e un bambino verrà fatto saltare sul letto come augurio di buon auspicio. La famosa bustarella, con all'interno i soldi che amici e parenti regalano agli sposi, in Grecia si traduce in soldi gettati per terra durante i balli oppure appuntati sui vestiti che vengono raccolti a fine di ogni danza in grandi cesti.
È davvero impossibile non rimanere innamorati e affascinati ancora oggi dalle meraviglie che questa cultura riesce a trasmettere.

E dinanzi al calar del sole che L'Acropoli e tutta la città sottostante si illumina con i colori del tramonto…

Io vi aspetto lì αναγνώστες.
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
Bonito rifiuta l’indennità da Sindaco, Metta “ha fatto una cosa giusta” Bonito rifiuta l’indennità da Sindaco, Metta “ha fatto una cosa giusta” Come sarà organizzata l’opposizione mettiana. “Saremo opposizione esemplare. Non faremo lettere anonime, denunce intimidatorie, nessuna ripicca e ritorsione!”
Report aggiornato situazione pazienti Covid-19 ricoverati presso il Policlinico Riuniti di Foggia Report aggiornato situazione pazienti Covid-19 ricoverati presso il Policlinico Riuniti di Foggia I pazienti Covid-19 ricoverati sono 34 di cui 17 non vaccinati e 13 con la sola prima dose di vaccino
Rimbalzo del numero di attualmente positivi in Puglia: quasi 100 in più Rimbalzo del numero di attualmente positivi in Puglia: quasi 100 in più Scende però il numero dei ricoverati
Contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale Contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale 46.000 articoli sequestrati e 79 denunciati alla Procura della Repubblica
Franco Metta, l’analisi della sconfitta elettorale e il futuro politico Franco Metta, l’analisi della sconfitta elettorale e il futuro politico L'ex sindaco: “Abbiamo perso e basta. Lo abbiamo deciso noi. Se volevate una persona che comperasse il consenso della gente non sceglievate me”
A Stornara il Prefetto Esposito, il Questore Sirna e i vertici provinciali dei Carabinieri e Finanza A Stornara il Prefetto Esposito, il Questore Sirna e i vertici provinciali dei Carabinieri e Finanza Dopo l’aggressione ai gemelli 32enni lo Stato si è presentato compatto a Stornara. Si sarebbe dovuta presentare anche la Politica che governa la nazione
Il sindaco Bonito rinuncia all’indennità di mandato Il sindaco Bonito rinuncia all’indennità di mandato “Il mio impegno per Cerignola sarà totalmente gratuito per tutta la durata del mandato"
Covid in Puglia, indice di contagio sempre sotto l'1% sui test delle ultime ore Covid in Puglia, indice di contagio sempre sotto l'1% sui test delle ultime ore Salito a 150, dall'inizio dell'emergenza, il numero dei deceduti la cui provincia di residenza non è stata resa nota
© 2001-2022 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.