Giovanna D'Arco
Giovanna D'Arco
#Coriandoli, curiosità, aneddoti e mirabilia

Giovanna D'Arco, la mistica ardente

Mentre le fiamme la ghermivano, Jéanne gridò con forza, e per sei volte, il nome di Gesù, poi reclinò il capo e spirò.

Nacque il 6 Gennaio 1412 in un piccolo villaggio dal nome musicale, Domrémy situato nella regione francese della Lorena
Quel giorno i suoi genitori, Jacques e Isabelle d'Arc (che aveva le doglie), così come tutti gli abitanti del borgo, erano sgomenti e spaventati perché un buio cupo e minaccioso aveva avvolto le povere case fin da mezzogiorno ed era addirittura comparsa la luna in cielo alle 2 del pomeriggio.
Ma appena i vagiti della neonata di casa d'Arc squillarono imperiosi, la fosca ombra che aveva ammantato il paesaggio si diradò e il sole riapparve in cielo.
E tutti capirono che qualcosa di misterioso e sovrannaturale era accaduto fra quelle misere viuzze.
Erano contadini i d'Arc, poveri e timorati di Dio.
Jeanne, questo il nome dato alla bambina nata in quel giorno di prodigi, cresceva, bella, bionda e ardente di Fede.
A 13 anni era analfabeta, caritatevole e serena. Si occupava di faccende domestiche, degli animali di casa ed era molto sensibile ai mendicanti e ai reietti della società. La conoscevano tutti nel villaggio e le volevano bene.
Ma un giorno Jeanne, mentre era intenta nelle sue abituali occupazioni, sentì una voce che la chiamava.
Si guardò attorno: non vide nessuno. «Jeanne! Jeanne!», udì ancora la fanciulla.
«Fu allora che mi apparve l'Arcangelo Michele per annunciarmi che il Signore mi aveva prescelta per guidare la Francia alla vittoria contro gli Inglesi»: così ripeté decine e decine di volte Jeanne ai membri del tribunale ecclesiastico che la guardavano giudicandola pazza o, peggio, eretica e apostata.
Ma facciamo un passo indietro. In quegli anni era in corso la Guerra dei cent'anni (in realtà durò per 116 anni) tra Francia ed Inghilterra, a causa di certe rivendicazioni inglesi alla successione al trono francese dopo la morte di Carlo IV di Francia.
Il casato francese dei Borgogna si era alleato con gli Inglesi, aveva preso possesso di Parigi e avevano relegato Carlo VII, il Delfino di Francia nel castello di Chinon.
E a quest'ultimo nel 1429 la diciannovenne Jeanne, i capelli rasati e vestita da uomo si presentò, gli occhi lucidi di ardore e un vigore nelle parole e nei gesti che lo colpì: <>.
Il Delfino, infervorato a sua volta dalla profezia secondo la quale una vergine della Lorena avrebbe salvato il trono di Francia, acconsentì.
È da quel momento, Jeanne, "la pulcelle d'Orléans", la vergine indomita, si mise al comando dell'esercito francese, bardata con un'armatura lucente e brandendo uno stendardo bianco, incitava le truppe al grido "A morte gli Inglesi"!
Le vittorie si susseguirono e gli odiati Inglesi furono umiliati più volte, ma le cose cambiarono repentinamente per questa vergine ardente e temeraria, adorata ed osannata dal popolo.
Gli Inglesi cominciarono ad infangare la sua immagine, definendola malfamata, eretica e insinuando il sospetto che fosse strega e idolatra.
Il Delfino Carlo VII, che ormai la considera scomoda e ingombrante, non la difende. Anzi, le ordina di tornare a casa, ma Jeanne, che non accetta questo ignobile voltafaccia, continua a combattere con sempre maggiore ardore, sempre maggior coraggio.
Il 24 Maggio 1430 i Borgognoni, alleati degli Inglesi, la vendettero a questi ultimi per 10.000 scudi d'oro, una cifra enorme; Jeanne fu rinchiusa nel Castello di Rouen e ivi processata per eresia e stregoneria.
Il 30 Maggio 1431 sulla piazza del Mercato Vecchio di Rouen venne innalzata una pira e la "Pulcelle d'Orléans" vi venne condotta, anzi, strattonata, tra gli schiamazzi della folla.
Lei, che aveva solo 19 anni, lo sguardo azzurro proteso al cielo, il volto illuminato da un sorriso che aveva qualcosa di sovrannaturale, vi salì, le mani legate e a piedi scalzi.
Mentre le fiamme la ghermivano, Jéanne gridò con forza, e per sei volte, il nome di Gesù, poi reclinò il capo e spirò.
Gli stessi carnefici, disorientati e sgomenti da quella ultima, indomita e disperata professione di Fede, si gettarono in ginocchio esclamando: «Siamo tutti perduti! Abbiamo bruciato una Santa!».
Nel 1920 Jeanne d'Arc fu dichiarata Santa e patrona della Francia. E amata incondizionatamente dal popolo, come lo era stata nella sua brevissima Vita.

Nella foto: la grande Ingrid Bergman che le diede il volto in uno splendido film di Victor Fleming del 1948
1 fotoGiovanna D'Arco
bergman darco
  • notizie
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
Violenta rissa tra connazionali, sei rumeni arrestati. Violenta rissa tra connazionali, sei rumeni arrestati. Violenta rissa tra connazionali. Arrestati a Stornarella sei cittadini rumeni.
Contro lo spreco alimentare il progetto “Equ(A)zione” dell’Ambito Territoriale di Cerignola Contro lo spreco alimentare il progetto “Equ(A)zione” dell’Ambito Territoriale di Cerignola Rino Pezzano: «Vogliamo strutturare la rete di volontariato attraverso un intervento di innovazione sociale»
Cerignola chiede “Giustizia per Donato” -VIDEO- Cerignola chiede “Giustizia per Donato” -VIDEO- Ieri sera la fiaccolata, la tacita, silenziosa, dignitosa, civile richiesta di Giustizia.
Altri 10.000 euro agli oratori. Altri 10.000 euro agli oratori. Pezzano: "Sosteniamo chi lavora per l'aggregazione dei giovani"
“Le fratture da fragilità” il Convegno organizzato dal Centro Medico di Riabilitazione “Centro Vita” -PROGRAMMA IN ALLEGATO- “Le fratture da fragilità” il Convegno organizzato dal Centro Medico di Riabilitazione “Centro Vita” -PROGRAMMA IN ALLEGATO- Scopo del Convegno è consentire a tutti i partecipanti non solo una crescita formativa sull’argomento dalla Prevenzione alla Chirurgia, dalla riabilitazione alla restituzione dell’Autonomia personale
Biologico: Coldiretti Puglia, al via anche in Puglia rotazione colturale per grano a tutto bio. Biologico: Coldiretti Puglia, al via anche in Puglia rotazione colturale per grano a tutto bio. Proficua la collaborazione con il dirigente dell’Assessorato regionale all’Agricoltura Trotta che ha messo nero su bianco la determina.
Elezioni Ue: Cia Puglia chiede la massima attenzione per gli agricoltori pugliesi Elezioni Ue: Cia Puglia chiede la massima attenzione per gli agricoltori pugliesi CIA-Agricoltori Italiani di Puglia chiede ai candidati alle Elezioni Europee di domenica 26 maggio la massima attenzione per il comparto agricolo pugliese.
“La transumanza: storie di vita e di amicizia” all’IC “Carducci-Paolillo” “La transumanza: storie di vita e di amicizia” all’IC “Carducci-Paolillo” Ultimo appuntamento con il curricolo dell’identità dell’istituto cerignolano. Il 29 maggiole classi terze della scuola mediaincontreranno Antonio e Giuseppe Campana, eredi di Nestore Campana, autore de “Il diario del pastore Nestore”, a cura di Silvia Ponti.
© 2001-2019 CerignolaViva è un portale gestito dall'associazione Kerina Production. Partita iva 90041150716. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.