Il vero Robinson Crusoe
Il vero Robinson Crusoe
#Coriandoli, curiosità, aneddoti e mirabilia

Il vero Robinson Crusoe

All'isola in cui visse è stato dato il nome di "Isola Robinson Crusoe", ma ad un'altra, la più lontana e sperduta, quello di "Isola Alexander Selkirk"

Le isole Juan Fernández si trovano a 700 chilometri a distanza dalle coste del Cile: natura impervia, incontaminata e selvaggia.
In questo arcipelago, che nei secoli passati era inabitato, si riparavano pirati e corsari per riparare le loro navi, procurarsi acqua e frutta.
E qui, nel 1704, venne abbandonato il marinaio scozzese Alexander Selkirk, con l'accusa di comportamento indisciplinato e litigioso e di aver fomentato la ribellione tra i membri dell'equipaggio del galeone dove era a bordo.
Venne lasciato sull'isola più grande dell'arcipelago Juan Fernández con i soli vestiti che aveva indosso, una copia della Bibbia, viveri per una settimana, un moschetto e polvere da sparo, del rum e tanti saluti.
Selkirk si accorse ben presto con costernazione che l'isola era completamente deserta.
Disperato, si ubriacò fino a stordirsi, pianse, urlò, pregò, poi decise di reagire.
Lo confortava la speranza che prima o poi qualche nave sarebbe passata e lo avrebbe salvato.
Nel frattempo si organizzò. Cibo e acqua non mancavano: sorgenti e alberi da frutta, radici commestibili e persino capre. Le onde avevano riversato sulla spiaggia corde, fili d'acciaio, utensili lasciati da galeoni di passaggio.
Si costruì un rifugio, scuoiò le capre e si confezionò degli abiti, con un'accetta di fortuna uccise dei leoni marini il cui grasso alimentò le sue lampade improvvisate.
Ogni tanto la disperazione lo ghermiva e allora decideva di non mangiare e di non bere per lasciarsi morire.
Ma poi l'istinto di sopravvivenza e il suo temperamento di scozzese indomabile riemergevano prepotenti e andava avanti, lo sguardo affilato sempre rivolto all'orizzonte in attesa di una nave.
I capelli e la barba ormai lunghissimi e incolti, il silenzio forzato interrotto solo dalle sue grida di disperazione, la lotta quotidiana per resistere alle intemperie, ai topi, enormi, che popolavano l'isola e gli rubavano le provviste, alla paura di impazzire.
E finalmente quella nave arrivò. Era il 31 Gennaio 1709 e la nave corsara Duke approdò su quell'isola sperduta dopo che il capitano aveva avvistato da lontano un fuoco e, avvicinandosi, un uomo (ma si faceva fatica a chiamarlo tale date le condizioni in cui era ridotto) che si sbracciava sulla spiaggia.
Non riusciva neppure a parlare, Selkirk, che in cinque anni di solitudine aveva dimenticato l'uso della parola.
Lo rifocillarono sulla nave, lo lavarono e rivestirono e lo portarono in Inghilterra dove la sua storia fece scalpore e corse veloce come il vento.
La sua vicenda di naufrago giunse anche alle orecchie del romanziere inglese Daniel Defoe e sicuramente un po' dell' indomabile corsaro Selkirk palpita nella figura di Robinson Crusoe, il celeberrimo romanzo che lui darà alle stampe nel 1719, dieci anni esatti il salvataggio del marinaio scozzese che, nel frattempo, dopo aver pubblicato le sue memorie, ricominciò la sua errabonda e pericolosa vita di corsaro.
Morirà due anni dopo quel salvataggio clamoroso, mentre si trovava al largo della costa occidentale dell'Africa.
Ora, su quello sperduto arcipelago cileno due isole ricordano la sua incredibile vicenda: all'isola in cui visse è stato dato il nome di "Isola Robinson Crusoe", ma ad un'altra, la più lontana e sperduta, quello di "Isola Alexander Selkirk". A imperitura memoria.
  • notizie
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
New Age Multistore. Intervista a Savino Dibisceglia -VIDEO e FOTO- New Age Multistore. Intervista a Savino Dibisceglia -VIDEO e FOTO- Venerdì 13 luglio, presso New Age Multistor di Savino Dibisceglia l’apertura della ormai storica campagna sconti “Tre capi a € 50”. Testimonial per presentare il mese dei saldi, Mercedez Henger e Franco Terlizzi dall’Isola dei famosi e Luca Speracchi da Uomini e Donne.
Carlo Dercole: Cerignola d’Estate, la stagione estiva dei giovani e delle associazioni -VIDEO e FOTO- Carlo Dercole: Cerignola d’Estate, la stagione estiva dei giovani e delle associazioni -VIDEO e FOTO- Ieri mattina ho trascorso un bellissimo momento con gli anziani dell’Ospizio “Manfredi Solimine” impegnati nel laboratorio di arti manipolative organizzato dall’Associazione “Verderamina.
Vincenzo Specchio: Distretto Urbano e Piano di Attività, avviamo il percorso di definizione del programma. Vincenzo Specchio: Distretto Urbano e Piano di Attività, avviamo il percorso di definizione del programma. Invitiamo tutti gli operatori commerciali e i cittadini a partecipare attivamente agli incontri di Lunedì 16 luglio e Lunedì 23 luglio presso la Saletta Convegni del Comune di Cerignola.
Sgarro: «Le dieci ultime, drammatiche bugie di Metta su SIA. Oramai amministra la città dal suo profilo facebook» Sgarro: «Le dieci ultime, drammatiche bugie di Metta su SIA. Oramai amministra la città dal suo profilo facebook» Asserragliato nella sua stanza, Metta continua a postare video su Facebook continuando a raccontare bugie in maniera compulsiva
Sindaco Metta: Questa mattina la SIA ha la piena disponibilità dei versamenti. Sindaco Metta: Questa mattina la SIA ha la piena disponibilità dei versamenti. Le somme sono nella piena disponibilità dell’Amministratore Unico della SIA. Ennesima ordinanza in danno a SIA da parte del Comune di Trinitapoli.
Dibisceglia: Metta non intende mantenere gli impegni presi dinanzi al Prefetto Dibisceglia: Metta non intende mantenere gli impegni presi dinanzi al Prefetto Franco Metta ha davvero intenzione di attenersi a quanto contenuto nel verbale firmato da tutti i Sindaci in Prefettura?
Interesse storico particolarmente importante per gli archivi dei Tatarella Interesse storico particolarmente importante per gli archivi dei Tatarella Il Ministero dei Beni e delle Attività culturali ha dichiarato di “interesse storico particolarmente importante” l’Archivio di Pinuccio e Salvatore Tatarella.
Orta Nova - Per Vik Arrigoni e per la Palestina Orta Nova - Per Vik Arrigoni e per la Palestina L’associazione di promozione sociale, "l’Orta Nova che vorrei" in collaborazione con il gruppo musicale “Clan Banlieue”, ha progettato per il 19 luglio una serata di sensibilizzazione culturale su quello che sta accadendo in Palestina.
© 2001-2018 CerignolaViva è un portale gestito dall'associazione Kerina Production. Partita iva 90041150716. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.