Il vero Robinson Crusoe
Il vero Robinson Crusoe
#Coriandoli, curiosità, aneddoti e mirabilia

Il vero Robinson Crusoe

All'isola in cui visse è stato dato il nome di "Isola Robinson Crusoe", ma ad un'altra, la più lontana e sperduta, quello di "Isola Alexander Selkirk"

Le isole Juan Fernández si trovano a 700 chilometri a distanza dalle coste del Cile: natura impervia, incontaminata e selvaggia.
In questo arcipelago, che nei secoli passati era inabitato, si riparavano pirati e corsari per riparare le loro navi, procurarsi acqua e frutta.
E qui, nel 1704, venne abbandonato il marinaio scozzese Alexander Selkirk, con l'accusa di comportamento indisciplinato e litigioso e di aver fomentato la ribellione tra i membri dell'equipaggio del galeone dove era a bordo.
Venne lasciato sull'isola più grande dell'arcipelago Juan Fernández con i soli vestiti che aveva indosso, una copia della Bibbia, viveri per una settimana, un moschetto e polvere da sparo, del rum e tanti saluti.
Selkirk si accorse ben presto con costernazione che l'isola era completamente deserta.
Disperato, si ubriacò fino a stordirsi, pianse, urlò, pregò, poi decise di reagire.
Lo confortava la speranza che prima o poi qualche nave sarebbe passata e lo avrebbe salvato.
Nel frattempo si organizzò. Cibo e acqua non mancavano: sorgenti e alberi da frutta, radici commestibili e persino capre. Le onde avevano riversato sulla spiaggia corde, fili d'acciaio, utensili lasciati da galeoni di passaggio.
Si costruì un rifugio, scuoiò le capre e si confezionò degli abiti, con un'accetta di fortuna uccise dei leoni marini il cui grasso alimentò le sue lampade improvvisate.
Ogni tanto la disperazione lo ghermiva e allora decideva di non mangiare e di non bere per lasciarsi morire.
Ma poi l'istinto di sopravvivenza e il suo temperamento di scozzese indomabile riemergevano prepotenti e andava avanti, lo sguardo affilato sempre rivolto all'orizzonte in attesa di una nave.
I capelli e la barba ormai lunghissimi e incolti, il silenzio forzato interrotto solo dalle sue grida di disperazione, la lotta quotidiana per resistere alle intemperie, ai topi, enormi, che popolavano l'isola e gli rubavano le provviste, alla paura di impazzire.
E finalmente quella nave arrivò. Era il 31 Gennaio 1709 e la nave corsara Duke approdò su quell'isola sperduta dopo che il capitano aveva avvistato da lontano un fuoco e, avvicinandosi, un uomo (ma si faceva fatica a chiamarlo tale date le condizioni in cui era ridotto) che si sbracciava sulla spiaggia.
Non riusciva neppure a parlare, Selkirk, che in cinque anni di solitudine aveva dimenticato l'uso della parola.
Lo rifocillarono sulla nave, lo lavarono e rivestirono e lo portarono in Inghilterra dove la sua storia fece scalpore e corse veloce come il vento.
La sua vicenda di naufrago giunse anche alle orecchie del romanziere inglese Daniel Defoe e sicuramente un po' dell' indomabile corsaro Selkirk palpita nella figura di Robinson Crusoe, il celeberrimo romanzo che lui darà alle stampe nel 1719, dieci anni esatti il salvataggio del marinaio scozzese che, nel frattempo, dopo aver pubblicato le sue memorie, ricominciò la sua errabonda e pericolosa vita di corsaro.
Morirà due anni dopo quel salvataggio clamoroso, mentre si trovava al largo della costa occidentale dell'Africa.
Ora, su quello sperduto arcipelago cileno due isole ricordano la sua incredibile vicenda: all'isola in cui visse è stato dato il nome di "Isola Robinson Crusoe", ma ad un'altra, la più lontana e sperduta, quello di "Isola Alexander Selkirk". A imperitura memoria.
  • notizie
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
Assegnazione suppletiva carburante ad accisa agevolata Assegnazione suppletiva carburante ad accisa agevolata È la richiesta che l’Agenzia per l’Agricoltura del Comune di Cerignola ha inviato alla Regione per andare incontro agli operatori del settore agricolo
Dott. Tarantino, dalla solidarietà alle considerazioni Dott. Tarantino, dalla solidarietà alle considerazioni Dall’aggressione nel Pronto Soccorso di Cerignola ai danni del dott. Dino Tarantino alla solidarietà politica. Le considerazioni finali
Detenzione di pistola clandestina, un arresto Detenzione di pistola clandestina, un arresto I Carabinieri di San Ferdinando di Puglia arrestano un soggetto del posto già noto, per detenzione di una pistola clandestina
Aggressione al  Pronto Soccorso del Tatarella Aggressione al Pronto Soccorso del Tatarella Aggredito il dott. Tarantino, dirigente medico del Pronto Soccorso dell'ospedale di Cerignola
Audace Cerignola, il DS Di Toro: «Coletti? Ci stiamo lavorando. Arriveranno elementi validi» Audace Cerignola, il DS Di Toro: «Coletti? Ci stiamo lavorando. Arriveranno elementi validi» Il direttore sportivo dei gialloblù fa il punto della situazione sul mercato in casa ofantina
Progetto “Mammomobile” per screening di prossimità Progetto “Mammomobile” per screening di prossimità ASL FG - Organizzazione del Centro per gli Screening Oncologici. Grande novità, progetto “Mammomobile”, camper con mammografo per screening di prossimità
Altamura sorride per la finale pugliese di Miss Italia Altamura sorride per la finale pugliese di Miss Italia In passerella in un monastero le 26 ragazze più belle della regione
Aumento dell’IVA e bollette alle stelle Aumento dell’IVA e bollette alle stelle Luce e gas: in caso di aumento IVA bollette alle stelle per il regime di maggior tutela
© 2001-2019 CerignolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.