Elena del Montenegro
Elena del Montenegro
#Coriandoli, curiosità, aneddoti e mirabilia

Le nozze coi fichi secchi

Il 27 Settembre 1896 sulle pagine de Il Mattino di Napoli apparve un articolo a firma di Tartarin intitolato, appunto, "Le nozze coi fichi secchi".

Se questa espressione è diventata d'uso comune, ad indicare un modo di realizzare qualcosa in eccessiva economia o senza averne i mezzi, lo dobbiamo a quella malalingua di Edoardo Scarfoglio, giornalista abruzzese sapido e corrosivo, impenitente donnaiolo e amico fraterno di Gabriele d'Annunzio.

Il 27 Settembre 1896 sulle pagine de Il Mattino di Napoli (il glorioso giornale da lui fondato insieme alla moglie Matilde Serao) apparve un articolo a firma di Tartarin (pseudonimo di Scarfoglio stesso) intitolato, appunto, "Le nozze coi fichi secchi" e riferito al matrimonio che si sarebbe celebrato il mese successivo tra l'erede al trono Vittorio Emanuele di Savoia e la principessa Elena del Montenegro.

Fichi secchi con allusione al piccolo regno di provenienza della sposa, famoso proprio per la coltivazione ed essiccazione dei polposi frutti, ma anche alle non certo opulente finanze e al non eccelso pedigree (se paragonato ad altre dinastie) del regno montenegrino.

Il giorno del matrimonio la bella Elena (che aveva studiato a Pietroburgo, parlava 5 lingue e sapeva, eccome, conversar di politica e poesia) conquistò tutti, avvolta com'era da quello splendido velo in pizzo di Burano innervato di fili d'argento che formavano centinaia di margherite. Un gentile dono della suocera, Sua Maestà la Regina Margherita di Savoia.

E pazienza se un'altra Elena (d'Orléans, cugina acquisita dello sposo) la bollava con aristocratico sussiego "la pastora"!
La bella, formosa, altissima (m. 1,80) montenegrina sarà moglie devota e innamorata del pur bassino (m. 1,54) futuro Re d'Italia.

Curtatone (lui) e Montanara (lei), come malignamente furono ribattezzati (i cui nomi facevano riferimento sì alle due celebri battaglie della I Guerra d'Indipendenza, ma alludevano alla bassa statura dello sposo e all'origine montenegrina della sposa) vissero felici e contenti.
A dispetto di tutti. Scarfoglio e fichi secchi compresi.
1 fotoElena del Montenegro
ELENA DEL MONTENEGRO
  • notizie
  • Notizie Cerignola
  • Notizie Puglia
  • Notizie Capitanata
Altri contenuti a tema
Il vescovo Luigi Renna presiede il pellegrinaggio con l’icona della Madonna di Ripalta Il vescovo Luigi Renna presiede il pellegrinaggio con l’icona della Madonna di Ripalta Il 27 Aprile il ritorno a Cerignola dell’icona della Madre di Dio venerata con il titolo di "Madonna di Ripalta".
#incontrailtuofuturo, a Cerignola una due giorni di formazione e orientamento al lavoro #incontrailtuofuturo, a Cerignola una due giorni di formazione e orientamento al lavoro Promossa dall’Ambito Territoriale, si svolgerà a Palazzo Fornari il 29 e 30 aprile
Omicidio Silvestri Giuseppe: 2  arresti nel clan “Romito-Ricucci-Lombardi”. Omicidio Silvestri Giuseppe: 2 arresti nel clan “Romito-Ricucci-Lombardi”. I due arresti sono il risultato di una articolata attività d’indagine condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Manfredonia e coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari – Direzione Distrettuale Antimafia.
La Camera approva il decreto emergenze agricole La Camera approva il decreto emergenze agricole Nessun voto contrario per il provvedimento sulle emergenze agricole che ora passa all'esame del Senato. La soddisfazione dei deputati pugliese Giuseppe L'Abbate e Gianpaolo Cassese (M5S)
Sindaco Metta: La Gazzetta del Mezzogiorno e le notizie totalmente false. Sindaco Metta: La Gazzetta del Mezzogiorno e le notizie totalmente false. “La notizia è priva di qualsivoglia fondamento non avendo mai acquisito la Guardia di Finanza, presso il Comune di Cerignola, la documentazione citata”.
Il calcio europeo e la fiducia nei giovani: Italia a due facce Il calcio europeo e la fiducia nei giovani: Italia a due facce Bwin ha preso in esame infatti quelle che sono le rose più giovani e più anziane dell’intero panorama europeo, un’analisi che ha messo in evidenza come che al primo posto ci sono sempre e comunque delle squadre italiane.
Cicolella & Dibisceglia (PD): Metta cancella il debito e da il colpo di grazia a SIA. Cicolella & Dibisceglia (PD): Metta cancella il debito e da il colpo di grazia a SIA. Il Comune di Cerignola, infatti, riconosce arbitrariamente a SIA un debito pari a 2 milioni e 700 mila euro e propone alla società di sottoscrivere un accordo transattivo.
Dal terremoto del 15 Aprile alla storia sismica della Capitanata. Dal terremoto del 15 Aprile alla storia sismica della Capitanata. A tal scopo si possono effettuare studi di microzonazione sismica e interventi di adeguamento antisismico del costruito o ricostruzioni antisismiche. Per incentivare la prevenzione esiste il "sisma bonus" .
© 2001-2019 CerignolaViva è un portale gestito dall'associazione Kerina Production. Partita iva 90041150716. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity.
CerignolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.